L ' obiettivo è sfruttare al massimo la presenza mai cosìcorposa di senatori e deputati provenienti dal non profit
Notizie

Nasce l ‘ Intergruppo parlamentare del Terzo settore

I principali temi da affrontare: Imu, 5 per mille, riforma fiscale e servizio civile

MontecitorioAll ' interno del terzo settore in Italia ci sono profonde carenze sociali, occupazionali ed istituzionali che necessitano di un intervento di riforma.

Per rispondere a questa esigenza, nello scorso mese di maggio è stato creato l ' Intergruppo parlamentare per il Terzo settore.

L’intergruppo è nato su iniziativa di cinque parlamentari particolarmente attivi nell’ambiente del no profit: Paolo Beni, Filippo Fossati, Edoardo Patriarca, Andrea Olivero e Bruno Molea.

La proposta è stata accolta da oltre 14 parlamentari, che hanno espresso la volontà  di partecipare all’intergruppo.

I lavori, come spiega Beni, sono finalizzati a “creare un’agenda comune e condivisa sui temi che ci stanno più a cuore”.

Gli obiettivi dell’Intergruppo

L’aspetto principale di cui i parlamentari dovranno occuparsi riguarda, innanzitutto, la riforma del codice civile, ma essendo un impegno a lungo termine, occorre soffermarsi su questioni più facilmente risolvibili.

Gli argomenti da affrontare saranno, dunque:

  • la stabilizzazione del 5 per mille
  • la revisione dell’Imu per gli enti non commerciali
  • il mantenimento del regime Iva al 4% per le cooperative sociali, che rischia di slittare al 1 % qualora non vengano attuate delle modifiche e la valorizzazione del servizio civile.

Dovranno inoltre essere analizzati gli effetti della riforma Fornero sui lavoratori del terzo settore, sul pensionamento e sull’attività  di volontariato degli anziani.

Le tematiche dovrebbero ricevere la totale approvazione da parte del governo guidato da Enrico Letta, che nella scorsa legislatura è risultato tra i più ferventi sostenitori dell’Intergruppo per la Sussidiarietà . Continua Beni: “lavoreremo per ottenere risultati concreti, consapevoli che spesso i nemici non si nascondono nelle burocrazie: in questi anni la vera opposizione alla stabilizzazione del 5 per mille l’hanno fatta i funzionari delle Finanze non certo i politici”.

L’obiettivo, evidenzia Olivero, è “sfruttare al massimo la presenza mai cosìcorposa di senatori e deputati provenienti dal non profit”.

Nelle diverse riunioni dell’Intergruppo sono state avanzate diverse proposte, basate essenzialmente su una forte concertazione tra lo stesso e il Forum del terzo settore.

I due organi, accomunati dagli intenti e dalle finalità  da perseguire, hanno anche lanciato l’idea di realizzazione di momenti seminariali pubblici per ragionare anche all’esterno sui temi condivisi.

Lo scopo è ottenere un maggiore coinvolgimento della cittadinanza, al fine di accrescerne la consapevolezza su tematiche di rilevante importanza ma spesso poco affrontate.

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento