Nasce “Porto Volontariato”, il social network del non profit

11 aprile 2014 | Notizie Notizie

Condividi la pagina

    Porto volontariato

    L’idea di costituire un social network del terzo settore si è avverata per la prima volta in Italia in Toscana. Il progetto voluto da Cesvot e realizzato grazie alla piattaforma uidu.org darà alle varie associazioni non profit che aderiscono un servizio innovativo da sfruttare al meglio. La piattaforma facilita il dialogo con i cittadini e diviene un importante luogo virtuale attraverso cui coordinare le attività. Sarà possibile visualizzare le associazioni presenti sul territorio regionale e le iniziative da queste portate avanti, condividere eventuali appelli, iniziative, avviare raccolte di fondi e conoscere le necessità dell’ente, il numero e le competenze delle persone che ne fanno parte per un’eventuale collaborazione. Tutto questo facilita meccanismi spesso lunghissimi e permette una visione globale del volontariato attivo sul proprio territorio, le onlus possono essere rintracciate per nome, per attività o per geolocalizzazione.

    Una sfida importante

    Per le associazioni che aderiranno al progetto si metterà a disposizione un servizio gratuito di orientamento, formazione e consulenza riguardante la comunicazione esterna e l’accoglienza di nuovi volontari. Le richieste di iscrizioni sono già 120: “Porto volontariato” rappresenta una sfida che il terzo settore deve cogliere sfruttando le enormi opportunità rappresentate dal web. Internet è un luogo dinamico e continuamente aggiornato che facilita la divulgazione delle informazioni.
    È possibile aderire al progetto contattando le delegazioni territoriali di Cesvot oppure il settore delle reti e delle associazioni all’indirizzo mail reti@cesvot.it

    LEGGI ANCHE:

    Condividi la pagina
      comments powered by Disqus