La restituzione, materiale e simbolica a un tempo, di un bene che era stato sottratto alla comunità  dei cittadini
Notizie Notizie

Fare impresa sociale e buona economia con i beni confiscati alle mafie: si può!

A Milano un importante convegno promosso da Libera e Fondazione Unicredit

Miliardario il suo valore economico, inestimabile quello simbolico: il patrimonio dei beni confiscati alle mafie e il suo riutilizzo a scopi sociali è oggetto di un dibattito a dir poco rilevante per il nostro Paese. Il convegno, promosso dalla Fondazione Unicredit in collaborazione con Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, si è tenuto a Milano lo scorso 7 novembre presso l ' Unicredit Tower Hall.

Il Presidente di Unicredit Giuseppe Vita introduce i lavori ricordando le sue origini siciliane, in quel piccolo paese della provincia di Agrigento, Favara, che arrivò ad essere evocato su un quotidiano tedesco come un paese in cui ” nessun uomo moriva più di morte naturale ” . Vita ripercorre allora l’iter che portò alla legge n. 109/96 sul riutilizzo sociale dei beni confiscati alle mafie, risultato di una storica campagna di raccolta firme da parte di Libera e di Don Luigi Ciotti, cui saranno affidate le conclusioni della giornata. Valeria Fedeli, Vice Presidente del Senato, prosegue presentando la norma sull’uso sociale dei beni confiscati come un modello, che rende possibile il rinsaldamento di quel rapporto fiduciario tra cittadini e istituzioni che la criminalità  organizzata inesorabilmente corrode. Le realtà  produttive nate nei territori liberati dalle mafie, in Sicilia, Puglia, Calabria e Campania, costituiscono ” la miglior bandiera della legalità  ” , suggeriscono ” buone pratiche, che devono orientarci nella scelta di modelli virtuosi ” .
Ma la ricchezza di questi beni non interessa solo il Meridione: tra le prime sei regioni troviamo anche Emilia Romagna e Lombardia, dove ben 223 sono ad oggi le aziende confiscate, 161 nella sola Milano. Impossibile non vedere la grande opportunità  che si cela dietro un loro riutilizzo a scopi sociali: quella di instaurare finalmente un circolo virtuoso, quanto mai necessario nel nostro Paese, tra il presidio della legalità , la valorizzazione produttiva ed occupazionale dei territori interessati, il sostegno a iniziative di imprenditoria giovanile, la restituzione, materiale e simbolica a un tempo, di un bene che era stato sottratto alla comunità  dei cittadini. La strada non è certo facile, ricorda il Presidente della Fondazione Unicredit, Maurizio Carrara: ” La mafia tenta di condizionarti ” , e lo fa in tanti modi, anche distruggendo materialmente tutto quello che si era costruito con passione e fatica, come nel caso del Villaggio della legalità  Serafino Famà , ripetutamente danneggiato a scopo intimidatorio. Avere la preparazione adeguata per gestire questi beni diventa imprescindibile: l’impresa sociale non ha bisogno solo di finanziamenti, ma anche di investimenti nella formazione di personale competente e qualificato.

Puntare sul Made in Italy, quello vero

Numerosi i contributi alla Tavola Rotonda della mattinata, moderata dalla giornalista de Il Sole 24 Ore Serena Uccello. Nando Dalla Chiesa, Presidente del Comitato Antimafia del Comune di Milano, sottolinea il ” meccanismo moltiplicatore della legalità  ” , che è insieme memoria delle vittime, creazione di opportunità , tutela dell’ambiente, rottura dell’isolamento. Critiche all’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e l’assegnazione dei beni sequestrati e confiscati alle mafie sono mosse invece da Giuseppe Carrozza, Direttore del Consorzio Terre del Sole Reggio Calabria, per la lentezza dei meccanismi burocratici e la sostanziale inefficienza. Valentina Fiore, Amministratore Delegato del Consorzio Libera Terra Mediterraneo, sottolinea le possibilità  di sviluppo professionale, parallele alla scelta di campo etica, per chi lavora in queste realtà , mentre Giovanni Puglisi, Presidente della Fondazione Sicilia, insiste sul necessario ” cambio di mentalità  ” , contro la perversa, quanto diffusa, cultura del ” ci penso io ” , come unica speranza per il futuro del nostro Paese. Seguono le considerazioni di Maurizio Martina, Ministro delle Politiche Agricole e Forestali e di Roberto Maroni, Presidente della Regione Lombardia.
Lucide e appassionate le conclusioni di Don Luigi Ciotti: ” Noi di Libera non siamo volontari, ma cittadini responsabili. E il vero problema dell’Italia non sono i poteri illegali, ma quelli legali che si muovono illegalmente ” , quei poteri forti e corrotti che usano strumentalmente la bandiera dell’anti-mafia, con l’odiosa retorica ” fatta di parole che ci hanno rubato ” . Ciotti illustra allora la rilevanza della campagna di Libera ” Impresa bene comune ” , che si propone di coinvolgere il sistema imprenditoriale sano del nostro Paese, il vero Made in Italy, in un grande progetto di responsabilità  sociale: ” condividere le esperienze imprenditoriali di successo e metterle al servizio del recupero, della salvaguardia e della valorizzazione delle aziende sequestrate e confiscate alla criminalità  organizzata, a beneficio dello sviluppo economico, della legalità  e della tutela del lavoro ” .

LEGGI ANCHE:

image_print

Di origini sabine, dopo le parentesi romane e iberiche si trasferisce a Milano. Si è formata nell’ambito dell’Economia dello Sviluppo, appassionandosi di beni comuni e processi cooperativi a partire dalla tesi di laurea magistrale sulla riscoperta dei commons, vincitrice nel 2013 del concorso nazionale “Enti locali e sostenibilità”. Ha svolto attività di ricerca presso la SDA Bocconi – School of Management, e lavorato in ambito di sviluppo locale collaborando con organizzazioni diverse come Positive Planet, Collaboriamo, InPatto Locale. Oggi è caporedattore centrale di Labsus, di cui segue inoltre le attività in Lombardia. Collabora parallelamente con Impact Hub Trentino in progetti sperimentali di innovazione aperta.

Notizie sull'autore

Elena Taverna

Di origini sabine, dopo le parentesi romane e iberiche si trasferisce a Milano. Si è formata nell’ambito dell’Economia dello Sviluppo, appassionandosi di beni comuni e processi cooperativi a partire dalla tesi di laurea magistrale sulla riscoperta dei commons, vincitrice nel 2013 del concorso nazionale “Enti locali e sostenibilità”. Ha svolto attività di ricerca presso la SDA Bocconi – School of Management, e lavorato in ambito di sviluppo locale collaborando con organizzazioni diverse come Positive Planet, Collaboriamo, InPatto Locale. Oggi è caporedattore centrale di Labsus, di cui segue inoltre le attività in Lombardia. Collabora parallelamente con Impact Hub Trentino in progetti sperimentali di innovazione aperta.

Lascia un commento