Ricerche Tesi

Per un nuovo rapporto tra PA e cittadini nel governo dei beni comuni

Pubblichiamo la tesi di Dottorato della Dott.ssa Marina Melis: "Dalla tecnologia digitale alla tecnologia istituzionale"

Pubblichiamo integralmente in allegato la tesi di Dottorato di Ricerca in Diritto dell'attività  amministrativa informatizzata e della comunicazione pubblica della Dott.ssa Marina Melis. Il titolo del lavoro, coordinato dal Prof. Felice Ancora dell'Università  degli Studi di Cagliari, è "Per un nuovo rapporto tra PA e cittadini nel governo dei beni comuni: dalla tecnologia digitale alla tecnologia istituzionale".

Questo lavoro è volto ad esplorare la tematica dei beni comuni, della sussidiarietà  orizzontale e delle tecnologie dell’Informazione e della comunicazione, collocandosi all’interno di una riflessione sullo sviluppo di un nuovo modello di amministrazione pubblica le cui basi sono poste da un rinnovato bisogno sociale, ovvero l’esigenza da parte dei cittadini di assumersi delle responsabilità  in ordine alla gestione delle proprie risorse comuni.

Pertanto, come risultato di tale riflessione, si è cercato di tracciare un percorso, mediante l’illustrazione di alcune esperienze concrete, per la definizione di un ” paradigma sussidiario ” , in cui le istituzioni pubbliche collaborano con i cittadini nella gestione dei beni comuni. Si è cercato di dimostrare, come i beni comuni, non essendo legati nà© alla proprietà  pubblica nà© a quella privata, rappresentino lo strumento ideale per la realizzazione di soluzioni condivise.

Le iniziative di gestione partecipata di tali beni, diventano cosà¬, modelli sostenibili di sviluppo economico e sociale. Ciò, ovviamente, richiede il coinvolgimento dei cittadini in tutti i procedimenti aventi ad oggetto i beni comuni, attraverso la persecuzione dei principi della sussidiarietà , trasparenza, partecipazione, democraticità  e pari opportunità . Per l’affermazione di questo modello è fondamentale che le P.A., operino con i cittadini mediante un ordinato percorso di approfondimenti che deve necessariamente partire dalla conoscenza, la quale dovrà  essere costruita in modo, inclusivo, diffuso e integrato.
Ci si muove, quindi, nell’ambito delle dinamiche della informazione e della comunicazione pubblica, su cui è fondamentale investire per portare a sistema i processi di e-Government. Sul tema del governo dei beni comuni, informazione e comunicazione hanno una responsabilità  cruciale, nel senso di potere e capacità  di influire sulla costruzione di un rapporto condiviso nella realizzazione dell’interesse pubblico. In tal senso, si sono tracciate le positività  e le criticità  degli strumenti ITC nel nostro sistema amministrativo, per definire una strategia di informazione e comunicazione, volta ad una effettiva condivisione delle scelte pubbliche. Si è cercato di individuare quei correttivi utili a costruire un rapporto sussidiario, prendendo in considerazione tutti i fattori idonei alla crescita di una cittadinanza consapevole delle proprie responsabilità  e dei propri diritti. Come si vede, allora, se c’è un punto di partenza di questa riflessione, è la consapevolezza di una ” malattia ” del nostro attuale sistema amministrativo, e proprio analizzando questa malattia, si è tentato di definire una possibile cura, che si è scelto di individuare nella introduzione di una ” tecnologia istituzionale ” in chiave sussidiaria, su cui potrà  efficacemente adattarsi quella digitale, al fine di una reale e consapevole partecipazione dei cittadini ai processi decisionali e alla gestione delle proprie risorse comuni.

In allegato la tesi della Dott.ssa Marina Melis.

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento