17546784_208763499609599_2713021120733408378_o

UFFA, a Trani per generare valore e costruire comunità

- 27 luglio 2017

Ultimamente però c’è una percezione negativa da parte dei cittadini tranesi: il contesto sociale è quello di una città che si svuota, in cui i giovani vanno via perché le opportunità non sono moltissime”. Così Francesco e un’altra decina di ragazzi hanno creato UFFA: “Con la parola Uffa si esprime una lamentela, un’insoddisfazione, noi vogliamo ribaltare questa idea, per noi è l’acronimo di Urban Future For All: una spinta propositiva, l’idea ottimistica di fornire un futuro alla nostra città e a tutti noi che ci viviamo“.

19468028_246135285872420_3192774982646475340_o

UFFA esiste da meno di un anno e l’obiettivo è chiaro: “Vogliamo dialogare con l’amministrazione e creare gli strumenti per coinvolgere i cittadini nella creazione di comunità”, prosegue Francesco, “più che un organizzazione vogliamo essere una piattaforma abilitante che inneschi opportunità”. La partecipazione è anche una questione di metodo, così per individuare i bisogni latenti della comunità tranese UFFA ha avviato un ciclo d’incontri: T’E DIT – pratiche possibili per la creazione di comunità, (dal dialetto pugliese: “ti ho detto”) un titolo che richiama la nota serie di conferenze TEDx, e che voleva suonare un po’ come “te l’ho detto che si poteva fare”. “È stato un modo per confrontarsi con esempi virtuosi, sono venuti ospiti da tutta Italia e abbiamo parlato di social street, green city e coworking. Volevamo farci raccontare delle esperienze che potessero essere d’ispirazione. Dopo l’ascolto abbiamo svolto dei laboratori di co-progettazione per provare a immaginare un futuro possibile. Da questo percorso è nato il Rifest che è, appunto, l’output di questo primo ciclo d’incontri.”

buona

Il Rifest è un festival che andrà in scena a Trani il 4 e il 5 agosto sul Lungomare Mongelli. La scelta del lungomare non è casuale, “durante il percorso partecipato è emersa la voglia di connettere lo spazio rurale con lo spazio urbano” mi spiega Francesco, “le aree rurali sono anche aree marginali e periferiche, e sono rappresentate bene dalle zone costiere: punti di tensione vissute dai cittadini come aree dell’abbandono, dei fallimenti amministrativi, di frustrazione”. Il Rifest sarà quindi l’occasione per un intervento di riqualificazione: “Vicino la spiaggia realizzeremo il prototipo di un Agrilido, piantando piante grasse e aromatiche; nell’area pedonale invece monteremo un piccolo skatepark; inoltre ci sarà un muro a disposizione di street artist e una biblio-apecar, che metterà a disposizione libri per i bambini”. Per ora si sono autotassati ma per il Rifest hanno organizzato un crowdfunding civico, “crediamo nel coinvolgimento e nella volontà della cittadinanza di fare questo festival”, continua Francesco, “inoltre le microdonazioni permettono di coinvolgere quante più persone possibili e ci costringono a una trasparenza estrema: un modo per avvicinare persone al progetto”.

20369482_260201461132469_3622611291345089132_oE il rapporto con l’amministrazione comunale? “Abbiamo un rapporto molto sereno con l’amministrazione cittadina, c’è un certo interesse sui temi della partecipazione e della cittadinanza attiva, in particolare da parte dell’assessore alla cultura”. Anche per questo il Regolamento per l’amministrazione condivisa dei beni comuni è un discorso aperto: “Credo sia uno strumento valido che risponde alla necessità di gestire in modo efficiente e condiviso gli spazi pubblici”, e in fondo questo è il loro obiettivo.

 

 

LEGGI ANCHE:

 

Condividi la pagina
    comments powered by Disqus