Piedimonte Matese

I cittadini di Piedimonte Matese (CE) hanno il proprio Regolamento

- 28 dicembre 2017

È accaduto tutto in pochissimo tempo: il percorso è iniziato circa due mesi fa, precisamente lo scorso 26 ottobre, giorno in cui l’associazione Amici di Pericle di Piedimonte Matese, piccolo comune nell’Alto Casertano, ha invitato il Prof. Gregorio Arena per l’evento “L’Amministrazione Condivisa dei beni comuni – Un’opportunità di cittadinanza”, durante il quale Arena ha incontrato le istituzioni locali, le associazioni e la cittadinanza.

Approvazione all’unanimità

In occasione del recente Consiglio Comunale di Piedimonte Matese, tenutosi lo scorso 5 dicembre, il Regolamento per l’amministrazione condivisa dei beni comuni è stato approvato all’unanimità. Sale così a 136 il numero dei comuni italiani adottanti il Regolamento. 

Sulla pagina Facebook dell’associazione piedimontese, che opera per la cultura e la partecipazione civica, è stato pubblicato un comunicato: “Il Regolamento per l’Amministrazione Condivisa dei beni comuni è stato approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale di Piedimonte Matese! Come associazione “Amici di Pericle” non possiamo che essere felici e soddisfatti per questo traguardo. Un ringraziamento appassionato a Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà per il supporto che ci ha offerto e, in particolare, al Presidente Gregorio Arena per la sua infinita disponibilità. Ringraziamo, inoltre, tutte le forze politiche per aver con convinzione approvato il Regolamento sulla cura condivisa dei beni comuni. Siamo all’inizio di un percorso che davvero può cambiare il modo di essere cittadini. Da oggi abbiamo ancora più possibilità di esprimere le nostre capacità e liberare le nostre energie per il bene della comunità”.

Inoltre, sulla pagina istituzionale del Comune di Piedimonte Matese, l’approvazione del Regolamento viene così commentata: “Approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale il Regolamento per i beni condivisi, che disciplina la collaborazione attiva tra cittadini e Amministrazione in materia di cura e gestione dei beni comuni. Nella seduta consiliare, l’Amministrazione Comunale […] ha posto le basi per far sì che anche nella nostra comunità, sulla scorta di quello che sta accadendo su tutto il territorio nazionale, possa attuarsi il principio di sussidiarietà, per elaborare idee e proporre iniziative nell’interesse della cittadinanza tutta, collaborando con la pubblica amministrazione alla soluzione di problemi di interesse generale”.

Anche a Piedimonte Matese è tempo di Patti

Anche i cittadini piedimontesi hanno a disposizione uno strumento che permette loro di essere i protagonisti per la cura dei beni comuni e di mettere a disposizione della comunità locale le proprie competenze, perseguendo l’interesse generale. Dunque, anche a Piedimonte Matese, adesso, è tempo di Patti.

LEGGI ANCHE:

 

 

Print Friendly
Condividi la pagina
    Print Friendly
    comments powered by Disqus