Notizie

Firmato il protocollo di collaborazione tra UNCEM PIEMONTE e LABSUS

Sussidiarietà orizzontale e amministrazione condivisa sono, secondo Uncem Piemonte e Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà – strumenti fondamentali per lo sviluppo dei territori montani. Su questa convinzione è basato il protocollo di collaborazione siglato il 16 aprile scorso tra i due Enti. L’accordo, di durata triennale, sancisce l’impegno reciproco nel favorire e coordinare azioni di comunicazione, informazione e formazione rivolte alla diffusione della cultura della sussidiarietà, così come alla conoscenza di strumenti innovativi in ambito amministrativo – quali il Regolamento per l’amministrazione condivisa dei beni comuni e i patti di collaborazione – di cui Labsus è promotore.

“Il Piemonte sarà così la prima regione nella quale questa innovazione amministrativa troverà ampia diffusione al di là della dimensione urbana. Ci guardano con interesse non solo altre aree interne italiane, ma anche altri territori montani europei”, commenta Daniela Ciaffi, vicepresidente Labsus e referente per la rete regionale in Piemonte.
I partner assumono inoltre l’impegno di approfondire congiuntamente ulteriori strumenti di supporto alla diffusione delle pratiche di collaborazione, di condividere in modo trasparente e collaborativo la scelta di ulteriori partner nel percorso, di accompagnare lo sviluppo dei processi anche attraverso patti di collaborazione specifici.

“Anche nei piccoli Comuni, nelle Unioni montane, sperimentare nuove occasioni di incontro e dialogo tra Amministrazione e cittadinanza è necessario – evidenzia Lido Riba, presidente Uncem Piemonte – A differenza delle città, nei nostri paesi abbiamo una dimensione sociale che ha nella comunità il suo fulcro. Ripartiamo da qui. Così iniziamo seriamente a lavorare sulla valorizzazione dei servizi ecosistemici-ambientali. Acqua, foreste, clima, paesaggio, presenza dell’uomo sono beni comuni che devono essere riconosciuti. Difenderli e costruire rapporti sussidiari tra chi li mantiene e chi li utilizza è decisivo oggi”.

 

COMUNICATO STAMPA – Torino, 9 Maggio 2018

LEGGI ANCHE:

Lascia un commento