New York Chronicles: The City Parks Foundation

| Notizie Notizie

Condividi la pagina

    nyc park (2)

    What is your role in the City Parks Foundation?
    My name is Sabina Saragoussi and I am the director of Partnerships for Parks which is a joint program of NYC Parks Department and City Parks Foundation which is a nonprofit organization. Our program serves people across NYC.

    nyc parkWhat is the goal of your organization?
    Partnerships for Parks as a joint program of the city and a nonprofit organization is here to help, grow and support sustainable community groups and activity in NYC parks across the city. The parks we focus on are the neighborhood parks, the local parks, that don’t necessarily have a formal conservancy to take care of them. We engage everyday people from across NYC who care about their parks in their neighborhoods and we provide many different types of skill building opportunities, grants, staff support to help and develop a community based group to care for their local park.

    nyc park 3 (2)How does the City Parks Foundation collaborate with the NYC Department of Parks?
    Partnerships for Parks is a great example of how City Parks Foundation and NYC Parks collaborate. All the programs we develop have to be discussed and planned by both City Parks Foundation and the Parks Department so we meet with the leadership from both the City Government and City Parks Foundation on a regular bases to discuss our plans for engaging communities in parks across the city. There is an ongoing conversation between the city and between people and City Parks Foundation about what kinds of programs they can bring to community parks.

    How do you involve the local communities in your projects?
    We involve people in a number of ways. The first thing is that when we are thinking about the kinds of resources to develop for people we want to know what is most needed so instead of just creating a program without speaking to anyone in the public nyc park 3 (4)we will take the time to produce service where ask people what kind of resources they need and they want. If we are developing a new workshop or new training we often ask people what kind of skill would you like to develop, maybe it’s fundraising, maybe it’s writing skills so they can learn to write a proposal, maybe it’s planning an event, so once we know what people really want and what they need we create programs to respond to those community requests. Another way we involve people in our work is primarily what we hear to do is to connect people in the public with the decision makers in the City Government so that people can have a say and input into the design of their parks and into the programs that have been brought into their parks, so that really reflects the community’s idea of what is useful for them and what is interesting to them.
    We go directly into communities across the city through staff, we have outreach coordinators that work with people in the public everyday to figure out how to bring them to meetings with the City Government, whether it’s in a community board meeting, which is part of our governmental process here in NYC, whether it’s a community event or other kind of meeting that’s taking place nyc park (1)in the evening or an event on the weekend. We try to bring people together with the decision makers from the Parks Department so that they can have conversations about what the community is interested in for their local park. We gather input from people both we also make sure that people are speaking with the Government to be a part of the decisions they are taking place about their parks in their neighborhoods.

    Have you some local partners, for example schools or other nonprofit organizations?
    We have many partners throughout NYC. We have a program called “It’s my park” which is from March to November where they are involved volunteers in parks so it’s a way to beautify and to enhance park spaces everything from planting flowers to painting benches and fences to really upgrade our park spaces and so we work with companies such as ING, American Express, Ralph Lauren and many other corporate partners who come to us, they bring their staff, their employees out to a park for a day, it’s a great experience for them because they do love team building work.
    sabina saragoussiWe also work with our community partners so we have hundreds and hundreds of community based organizations. There are many of which that are right informal they are not a 501c3 organization, as we say here, but they are just groups of neighbors that come together regularly to plan programs, to fundraise, to make their park as great as it can be and to involve other neighbors with the idea that there is always a sort of working to grow their networks and people are taking care of those parks.

    Do you manage all parks in NYC?
    We work in official NYC parks spaces that could be anything from a regular park as we think of it, with a playground or ball fields, to beaches. We don’t necessarily manage the parks, there is a Department within the agency that focuses on maintenance operations work, they are in uniform, they are out in the field everyday cleaning and fixing the equipment, so we work very close with them to coordinate different kinds of projects.

    nyc park 2Can you tell us some projects that you realized?
    Something was really important to the local community was the renovation and reconstruction of High Bridge which is the oldest bridge in NYC, used to carry water from Upstate New York into NYC, it was also a pedestrian bridge so people could walk from Manhattan over the water into the Bronx. A few decades ago it was closed to the public so wasn’t been used as an aqueduct anymore and it was not available for the public to use as a pedestrian bridge for many years and so we had supported for many years those community members that want to see this bridge reopened. It took many years of advocating and fundraising until the Mayor and some other politicians committed millions of dollars to having it restored and so last year we accomplished that project and this past summer we celebrated the reopening of this historic bridge. It was a long process but it was one of the most exciting and significant victories I think, for the public working with the Government to really make an important change in a park space in two communities that really saw this vision realized.

    nyc park 3 (3)How do you finance your projects? Have all projects to be economic self sustaining?
    In Partnerships for Parks we have money to find our work through the Government so we have public funding but we also have private funding through City Parks Foundation. We also, through trainings and workshops, show people different ways to fundraise so that they have the money that they need to buy materials for the work that they are doing.

    How do you promote the citizens empowerment?
    We have citizens that are from here, live here, we also have people that have businesses, people that are in New York for maybe a brief period of time so we engage all New Yorkers as long as they care about their neighborhood and their park. It’s important to us to make resources available, access available to people. When we are thinking about access I think the most important form of empowerment is helping people to be a part of decisions. We feel that by connecting people to decision makers and by providing the skills and tools we can really create very dynamic assets for communities in parks and green spaces.

    nyc park 3 (1)According to you, in a particular city like New York is the shared care of public spaces a good solution for people integration?
    Yes, in a city like NY most communities don’t have a lot of private land or private backyards so our parks are our “out living rooms”. There are common spaces for gathering with our families, with our friends where we go to play, to rest,  to breath clean air, to get some sun. Especially in a big city we really have a treasure, green spaces for a health both physically and emotionally and we can use common spaces like parks to connect people. You can meet your neighbor in a park, if you didn’t know from where you live, and maybe you develop a friendship. When you bring groups of people together you find there common desires and common interests. And a great way to do that it’s starting in a place, that is a common place, a shared place, a neutral place compared to someone’s private house or a private institution.

    nyc park 3 (5)How much is the external communication important in your work?
    Communication is very important. We want to make sure number one that people know that we are here; our primary focus is to support people and to connect people with the Parks Department so we have to make sure that people know that we are here and what kind of resources we have to offer. Otherwise we can’t do our job so we promote using our website and we think our most powerful tool is through people talking to one another. We have staff that everyday go to neighborhoods across NYC meeting with people, talking to people, going to the park with people and spending time with their family and having conversations with them about what we have to offer. If they are interested we can help connect them to the resources and to the people that they need to contribute to their park and their neighborhood.

    Copyright photo: Fabrizio Rostelli and New York City Parks Foundation.

    Guarda il video dell’intervista.

    LEGGI ANCHE:
    Cronache da New York: Citizens Committee for NYC

    Condividi la pagina

      Donato Di Memmo racconta il Regolamento per i beni comuni di Bologna

      | Notizie Notizie Regolamento amministrazione condivisa

      Condividi la pagina

        bacheca-di-strada

        Come è accaduto che ti sei ritrovato coinvolto nella nascita del Regolamento?

        È stata una circostanza del tutto casuale, ovvero una riunione organizzata con Labsus a cui partecipai su invito del Direttore Generale del Comune di Bologna. All’epoca ero a capo dell’Ufficio per la semplificazione amministrativa e perciò presi parte a questo confronto; l’intento era capire come la sussidiarietà orizzontale potesse aiutarci a risolvere problemi di ordine quotidiano con cui si confrontava il Comune. Il caso ha voluto che proprio in quelle settimane fosse arrivata la proposta di un gruppo di nostre concittadine che si offriva di realizzare un intervento di abbellimento di una piazza. L’iter per formalizzare questa collaborazione si è rivelato piuttosto complicato.
        Sebbene avessimo tradizionalmente delle intense relazioni di collaborazione con il mondo dell’associazionismo, davanti a queste iniziative da parte di cittadini singoli il nostro ente era infatti scarsamente attrezzato.

        Come gestivate le esperienze di cittadinanza attiva, prima del Regolamento?

        Ce n’erano molte ma non posso nascondere che alcune difficoltà e strozzature le incontravamo anche con le associazioni. La cosa divenne lampante dopo aver lanciato nel 2012 un avviso pubblico per raccogliere proposte provenienti dalla società civile. La risposta fu sorprendentemente alta, a testimonianza della grande attenzione ai temi della cittadinanza attiva e della sussidiarietà orizzontale, ma ancora una volta molte idee si scontravano con problemi di natura burocratica e rischiavano di rimanere inattuate.

        È nata così, allora, l’idea del Regolamento?

        Sì, avevo la sensazione che fosse l’unico modo per essere attrezzati a dare una risposta a tutti. Si riusciva ad attribuire una paternità giuridica, all’interno del Comune, a queste manifestazioni spontanee provenienti dai cittadini, associati e non. Il segnale che volevamo dare era: non solo si può fare ma è doveroso, da parte dell’amministrazione, sostenere le iniziative dei cittadini attivi. In questo modo anche i colleghi poco abituati a collaborare con i cittadini si sono confrontati con uno strumento che rendeva doverosa l’attività di ascolto e facilitazione delle proposte, al pari delle altre funzioni del proprio ufficio. La sussidiarietà orizzontale diventava, agli occhi di tutti, uno strumento per risolvere problemi pratici entro confini giuridici chiari.

        Il Regolamento è riuscito a smussare queste resistenze interne all’amministrazione?

        Sicuramente c’è stata molta attenzione nel coinvolgimento dei colleghi, tramite la comunicazione e diffusione di buone pratiche, anche se c’è ancora molto da fare in tal senso. Ma il Regolamento è servito a cancellare alcune obiezioni di fondo, fornendo delle soluzioni concrete a problemi nascenti dal rapporto con i cittadini. L’atteggiamento è cambiato molto ed in positivo. La sorpresa è stata quella di vedere parti dell’amministrazione, rimaste in passato del tutto estranee a questi argomenti, farsi avanti di propria iniziativa chiedendo supporto per trovare, grazie al Regolamento, nuove soluzioni a questioni rimaste per lungo tempo irrisolte.

        Perché non ci spieghi come funziona il vostro Ufficio di coordinamento?

        È tutto molto semplice, le proposte dei cittadini ci arrivano tramite un’email, indipendentemente dall’ambito dell’intervento o dal Quartiere della città coinvolto. Noi procediamo ad un primo esame di carattere tecnico, per valutare l’effettiva riconducibilità della proposta al Regolamento sui beni comuni, poi assegnamo la proposta al punto dell’amministrazione competente, per materia o territorio, a portarla avanti. Di solito si tratta di indirizzare la domanda ad un Quartiere, ma noi continuiamo a fornire attività di supporto e affiancamento nella fase di progettazione e stesura del Patto di collaborazione tramite uno dei nostri sei referenti territoriali. Infine il Patto torna all’Ufficio di coordinamento che procede ad un’ultima revisione del testo, solo allora si dà l’assenso definitivo alla sua sottoscrizione. Inoltre, noi ci occupiamo della pubblicazione on-line dei Patti e di tutto il materiale a nostra disposizione attinente alla loro attuazione e svolgiamo anche una funzione di coordinamento periodico affinché si diffondano comportamenti e pratiche uniformi a livello istituzionale.

        Quale Patto di collaborazione ritieni sia stato più significativo?

        Personalmente mi ha dato molta soddisfazione il Patto con cui abbiamo creato una bacheca di strada, principalmente perché l’iniziativa è venuta da un gruppo informale di cittadini, dandoci la possibilità di esplorare vie nuove, impraticabili prima dell’adozione del Regolamento. C’è poi da dire che il sostegno dell’amministrazione è stato minimo in termini economici ma molto importante sul piano materiale, perché è stato messo a disposizione dei cittadini il pannello pubblicitario, stralciandolo da una precedente concessione: un piccolo investimento ha creato ricadute molto positive sul territorio, contribuendo alla crescita di beni comuni materiali ed immateriali. Più in generale, mi piacciono tutti quei Patti in cui si vedono energie provenienti da mondi diversi convogliarsi nella cura di un bene comune. In questo sono esemplari le istituzioni scolastiche, che fanno da tramite tra gruppi di genitori che intendono rendere più bello un angolo di scuola, coinvolgendo in molti casi anche artisti locali. Le scuole sono un vero e proprio punto nevralgico, perché hanno grandi potenzialità nel mettere in comunicazione mondi diversi .

        Quale è il successo più evidente raggiunto tramite il Regolamento nella cura dei beni comuni?

        Uno dei risultati più incredibili è quello che ci viene dai dati che abbiamo raccolto sul versante della manutenzione dei muri e la loro pulizia dal vandalismo grafico. In questo caso, siamo di fronte ad una lotta di trincea che richiede un’attenzione costante. Il Regolamento, grazie ai numerosi Patti di collaborazione attuati, ci ha permesso di mettere insieme una “squadra” di circa trecento cittadini attivi che si sono impegnati nella pulizia di qualcosa come 17.000 m² di muri della città e il successo è ora bene evidente! È importante sottolineare il carattere esclusivamente volontario del contributo dato dai nostri concittadini, perché questo incredibile risultato si fonda esclusivamente sulla bellezza di un rapporto bilanciato tra cittadini e amministrazione. Niente a che vedere, insomma, con quelle forme di scambio coatto che chiamano “baratto amministrativo”.

        LEGGI ANCHE:
        Cosa sono e come funzionano i patti per la cura dei beni comuni
        Patto di collaborazione per gli Ultras di Bologna
        Si possono ridurre i tributi per premiare i cittadini attivi?
        S.O.S. Scuola, la scuola che diventa bene comune

        Condividi la pagina

          La vera sicurezza è un bene relazionale, fondato sul rafforzamento dei legami comunitari

          | Il punto di Labsus Notizie

          Condividi la pagina

            Prendersi cura dei “beni comuni” o rafforzare la vigilanza (umana e tecnologica) su beni privati? Con il rischio di semplificare, provo così a sintetizzare un dubbio a proposito dell’estensione del principio di sussidiarietà ai compiti, tradizionalmente autoritativi e statali, di mantenimento della sicurezza interna. Funzione originaria dello Stato, quasi la sua ragione sociale, è proprio quella di garantire la sicurezza interna e la difesa dall’esterno. Come spiega il filosofo S. Natoli, lo Stato nasce dalla “perdita dell’oggettività del bene”, che rende urgente uno “strumento per limitare il male” e “l’unico bene che [questo] può salvaguardare è che non dilaghi il male, cioè che non si realizzi un potere di distruzione tra gli uomini” (Politica e virtù, in S. Natoli-L.F. Pizzolato, La politica e la virtù, Lavoro, Roma 1999, pp. 12-13). Il lessico dei beni comuni non è “di famiglia” per lo Stato moderno. Le formazioni sociali sono state da questo ricacciate entro una sfera privata, così come privato è lo spazio rimesso alla libertà e alla partecipazione. Libertà e proprietà, a partire da Locke, vengono a costituire un binomio quasi inscindibile. E il non-proprietario è riguardato con sospetto, come fosse un cittadino inaffidabile. La povertà rappresenta – ieri come oggi – una minaccia per l’ordine pubblico. Per Tocqueville, “pericoloso è (…) soltanto il soggetto che non avendo nulla – né i diritti, né proprietà (…) -, nulla ha da perdere nel costituirsi come soggetto di rapina. (…) Buon cittadino può diventarlo soltanto chi abbia una partecipazione nel patto di cittadinanza. Ovvero chi, libero come può esserlo soltanto chi goda di proprietà e di diritti, agisca concretamente la propria libertà”[1]. Oggi l’equazione povertà-minaccia è riproposta nei confronti dei migranti e dei mendicanti.

            Politiche securitarie

            In una società percepita come intrinsecamente conflittuale e minacciosa, lo Stato e il mercato costituiscono tecniche complementari di “immunizzazione” dell’individuo dal rapporto con l’altro da sé. Nulla di strano, pertanto, se in ausilio dello Stato nelle funzioni securitarie accorra il mercato che a individui (consumatori) impauriti promette strumenti che consentano loro di organizzare – a fianco dello Stato stesso – la propria auto-difesa e di alzare le “siepi”, ormai spoglie, che il sovrano ha piantato per separare i sudditi e difendere le loro proprietà. Le politiche securitarie costituiscono il terreno più naturale di questa alleanza tra Stato e mercato. Soprattutto in alcuni contesti nazionali si diffondono soluzioni private alla domanda di sicurezza. Nelle città, in preda alla mixofobia, e cioè alla paura della mescolanza con i diversi, come annota Bauman, si tengono separate le “gated communities”, sorvegliate da guardie private. Nel nostro ordinamento, piantato nella terra buona della nostra Costituzione, il ruolo di soggetti privati è consentito solo per funzioni di sicurezza complementare o integrativa, senza sconfinamenti nell’ambito di interventi coercitivi di ordine pubblico.

            Percezione e domanda di sicurezza

            Non che, anche da noi, manchino pulsioni, non sempre spontanee o fondate su pericoli reali, all’autodifesa da parte degli individui. Nel dibattito che ha portato alla “liberalizzazione” della legittima difesa domiciliare (con la riforma dell’art. 52 c.p.) si è scomodato impropriamente il principio di sussidiarietà. Il Sindaco di Borgosesia, nonché europarlamentare della Lega, ha esibito in televisione una pistola per presentare la sua iniziativa di istituire un fondo per sostenere l’acquisto di un’arma. E cittadini italiani che hanno sparato in casa propria, talora uccidendo, per proteggere la proprietà e/o l’incolumità minacciate, assurgono al rango di eroi popolari e, quand’anche condannati, se ne reclama rumorosamente (talora con successo) la grazia.

            Se questa è la tendenza, è evidente il rischio di separare la domanda di sicurezza dalla cultura della legalità. In nome dell’emergenza, reale o presunta, si auspicano misure restrittive, deroghe, che incontrano un certo consenso tra i cittadini, soprattutto quando siano selettive, rivolte cioè a colpire in modo diseguale i non cittadini o i non abbienti. In questo contesto, la partecipazione dei cittadini può prendere strade ambigue. Attività di vigilanza passiva del territorio e di segnalazione, in sé innocue e finanche utili, vengono presentate con il nome sinistramente evocativo di “ronde”. E i cittadini attivi vengono assoldati in compiti di presidio di beni privati, quasi fossero un surrogato povero della videosorveglianza o della vigilanza professionale privata. Si manifesta così una nuova variante della dimensione “parassitaria” della visione liberale, quella per cui una società di individui liberi, presunti indipendenti e razionali, vive alle spalle di forme previe di socializzazione e di legame sociale, che pure contribuiscono a indebolire[2]. Non di rado, nei Comuni, queste iniziative, anziché occasione di ricomposizione del tessuto sociale, diventano motivo di ulteriore lacerazione, causata da una pericolosa predeterminazione ideologica. E per scongiurare derive, si deve giungere a una regolamentazione prudente e così analitica da far evaporare ogni carattere di spontanea iniziativa (G. Arena in http://www.labsus.org/2009/09/la-sicurezza-e-un-bene-comune-di-cui-i-cittadini-possono-prendersi-cura/).

            Soluzioni private

            Misure così congegnate di attivazione (privata più che) civica rischiano paradossalmente di generare altra insicurezza, poiché – così come avviene nell’etologia animale – anche negli uomini il senso di paura può scatenare l’aggressività o alimentare un rancore pronto a esplodere. Negli USA lo stesso Presidente Obama si è fatto portavoce della preoccupazione crescente per i danni causati da una scriteriata diffusione delle armi tra i cittadini. E strategie comunicative, proprie di certo linguaggio politico, volte ad additare il nemico responsabile dell’insicurezza, inducono a loro volta un’intolleranza che può sfociare in reati. Un caso piuttosto recente, la strage di Utoya in Norvegia, conferma quanto la diffusione anche politica di posizioni xenofobe possa far deflagrare comportamenti violenti e psicosi. E, in ultima analisi, appare miope e insieme illusoria una visione che pretenda o prometta di ricavare soluzioni private o anche locali, ritagliando rifugi di una pretesa sicurezza assoluta, in presenza di un contesto internazionale segnato da un forte disordine politico ed economico.

            Sicurezza: bene pubblico, esclusivo, rivale

            Per usare categorie di derivazione economica, si può forse vedere il rischio che, fattualmente, la sicurezza, da esempio classico di “bene pubblico”, degradi a “esclusivo”, quando non addirittura a bene “rivale”, che alcuni consumano al prezzo dell’insicurezza altrui. Inserendosi in questa cornice, il dibattito sui beni comuni e ancor più il richiamo al principio di sussidiarietà,  sono esposti a strumentalizzazioni. Alla cultura dei beni comuni e della sussidiarietà pertiene un orizzonte profondamente diverso, stando nel quale la sicurezza si deve costruire promovendo la rete di relazioni che rinsalda e anima il tessuto sociale. Cultura dei beni comuni e della sussidiarietà esigono dunque di alzare il livello della sfida, mettendo nel mirino un’idea diffusa di libertà come privatezza e separazione, per promuoverne una che si svolga nella cooperazione, da cui è ispirata una Costituzione fondata sul lavoro e aperta a una dimensione internazionale di pace e giustizia. La libertà che il progetto politico della modernità ha messo al centro è infatti intrinsecamente ansiogena, poiché ancorata a una condizione – l’indipendenza – antropologicamente ingannevole; e questa è riletta oggi, in chiave mercatista, in correlazione ambigua con il merito: “liberi di competere per il proprio personale successo, poiché non esistono più limiti fissi e prestabiliti all’esercizio del desiderio, i soggetti del processo democratico trasferiscono sul piano della competizione (sul terreno dell’economia; su quello del desiderio del riconoscimento sociale; su quello della rinomanza e della fama) quella possibilità di differenziarsi gli uni dagli altri che gli è stata tolta dal punto di vista politico”[3]. Di una libertà intesa come indipendenza gli individui devono mostrarsi all’altezza; e la fragilità diventa inadeguatezza, fallimento e colpa. Da qui una insicurezza esistenziale che tracima nella percezione di rapporti sociali minacciosi.

            Il contributo dei cittadini attivi

            Come scrive Gregorio Arena nell’articolo già citato, “ordine pubblico e sicurezza non sono la stessa cosa”; perciò “il mantenimento dell’ordine pubblico è compito delle istituzioni, mentre la sicurezza è un bene comune di cui tutti i cittadini, individualmente e collettivamente, dovrebbero sentirsi responsabili”. L’apporto dei cittadini attivi alla sicurezza dovrebbe allora concentrarsi sulla cura della relazione, attraverso la rivitalizzazione degli spazi pubblici e del legame sociale, affinché il tessuto sociale ne guadagni in inclusività e in coesione (ciò che aiuta a prevenire il disagio) e perché si sviluppi una cultura della legalità che è premessa dell’ordine pubblico e sostegno per i tutori istituzionali della sicurezza.
            A questa funzione la videosorveglianza non può arrivare…

            [1] S. Chignola, Il fragile cristallo. Per la storia del concetto di società, Editoriale Scientifica, Napoli 2004, p. 447.

            [2] S. Zizek, Politica della vergogna, Nottetempo, Roma 2009, pp. 40-41.

            [3] S. Chignola, Il fragile cristallo, cit., p. 408; v. anche S. Zizek, Il coraggio di cancellare il debito, in S. Zizek-S. Horvat, Cosa vuole l’Europa?, tr. it. Ombre corte, Verona 2014, p. 117.

            Condividi la pagina

              SIBEC – Scuola italiana beni comuni: ISCRIZIONI APERTE fino al 20 febbraio

              | Cantieri Notizie

              Condividi la pagina

                SIBEC - Scuola italiana per i beni comuni

                L’obiettivo del primo Laboratorio SIBEC è formare la figura professionale del “gestore di beni comuni”, un ruolo che potrà essere svolto sia all’interno delle pubbliche amministrazioni, sia nelle comunità locali, combinando un solido background normativo e amministrativo con altrettanto solide abilità imprenditoriali e manageriali.
                I destinatari dell’attività formativa saranno professionisti, imprenditori (for profit e nonprofit), appartenenti ad associazioni e organizzazioni del Terzo Settore, amministratori locali.

                Nel corso dei primi sei mesi del 2016 si svilupperà un programma formativo, sia in presenza sia a distanza, attraverso il quale i partecipanti applicheranno le riflessioni teoriche sui beni comuni che saranno presentate durante un laboratorio itinerante, condividendo i saperi operativi maturati nelle rispettive esperienze professionali.
                Il 3-5 marzo si terrà il primo modulo dal titolo “Beni comuni e società della condivisione”.

                Le iscrizioni al Laboratorio formativo SIBEC sono aperte fino al 20 febbraio 2016.
                Le iscrizioni si possono effettuare tramite il sito ufficiale www.sibec.eu

                In allegato la brochure del Laboratorio formativo SIBEC 2016.

                PER INFORMAZIONI:
                Ilana Gotz – Referente SIBEC
                Tel. 0461/282289
                info@sibec.eu

                UFFICIO STAMPA SIBEC:

                Fabrizio Rostelli
                Tel. 339 6059376
                rostelli@labsus.net

                LEGGI ANCHE:
                A Roma inaugurata SIBEC, la prima Scuola per la gestione condivisa dei beni comuni

                Condividi la pagina

                  La rivista Animazione Sociale

                  | Cultura

                  Condividi la pagina

                    Animazione Sociale

                    Franco Floris, che da anni dirige questo mensile, al loro punto di vista ci tiene davvero. Chi ha scritto per lui, ha lavorato con lui: una delle sue tecniche è convocare gruppi di riflessione attorno a un argomento (e a un registratore), non solo per conoscerlo, allo scopo cioè di introdurlo e comunicarlo a un pubblico che ancora non lo conosce, ma anche per altri due motivi. Il primo è quello di riproporre l’argomento stesso nella prospettiva dei professionisti. Il secondo è quello di sollecitare argomentazioni nuove “Da masticare e rimuginare. E magari discutere in équipe. Perché il pensiero rende liberi. E alleggerisce il lavoro. Dandogli metodo, senso, prospettiva”.

                    L’intervista a Gregorio Arena apre il numero 8 del 2015: una dozzina di pagine sul tema “Amministrare nella società della condivisione. Cittadini e istituzioni in gioco nelle comunità locali per (ri)generare beni comuni”. Durante tutta l’intervista si va alla ricerca di possibili risposte al sentimento di sofferenza diffuso tra i cittadini e i practitioners attivi fuori e dentro i municipi italiani. “Spesso non basta la disponibilità delle persone, perché il nodo è precedente al loro incontro, dovuto a legislazioni bloccate rispetto all’evolversi dell’arte di amministrare”.

                    Creatività e responsabilità caratterizzano la società convergendo su forme di agire pratico che Animazione sociale indaga da decenni, ma il presidente di Labsus insiste su due aspetti teorici basilari: il primo è la società della condivisione, in cui non possiamo non condividere; il secondo è l’intuizione che dai problemi si esce solo incarnando il principio di sussidiarietà.

                    Ma le domande ovviamente lo incalzano sull’interpretazione del moltiplicarsi delle pratiche. E le risposte riprendono concetti da tempo al centro del lavoro di Labsus, il Laboratorio per la sussidiarietà: ciò che conta è l’uso e non il possesso dei beni, il paradosso per cui se condivido moltiplico, la regola dell’uno a uno nella società della disintermediazione. Nel cuore dell’articolo le questioni sollevate dalla redazione portano gli scenari futuri all’estremo: “Senza beni condivisi il rischio è la catastrofe?”;o concentrano l’attenzione su effetti collaterali ad alto rischio: “Come contenere rigurgiti tribali?”.

                    Alla “Città del noi”, terzo appuntamento degli operatori sociali che si terrà a Torino da giovedì 10 a sabato 12 marzo, presso la sede del Gruppo Abele le riflessioni scritte continueranno sotto forma di dibattito; sui beni comuni, l’appuntamento è con Gregorio Arena e Luca Fazzi venerdì 11 dalle 14:30 alle 17:30.

                    LEGGI ANCHE:

                    I beni comuni nella società della condivisione

                    Condividi la pagina

                      Together for Tavolara, scienza e ambiente per tutti

                      8 febbraio 2016 | Notizie Notizie

                      Condividi la pagina

                        amp tavolara

                        Il progetto è finanziato dalla Fondazione CON IL SUD attraverso il Bando Ambiente 2015 ed oltre ai due principali promotori, vede il partenariato di otto soggetti, sia pubblici che privati, tra cui l’Università  degli studi di Sassari ed i comuni di Olbia, San Teodoro e Loiri Porto San Paolo. Esso prevede la realizzazione di workshop, seminari, azioni di cittadinanza attiva e di sensibilizzazione ambientale presso l’Area Marina Protetta di Tavolara.
                        Le linee di intervento sono quattro: educazione non formale, attività subacquee di monitoraggio e mappatura per l’habitat Posidonia oceanica e per le specie aliene, monitoraggio ed eradicazione di specie aliene vegetali invasive costiere, monitoraggio e pulizia delle spiagge nell’AMP, raccolta dati e loro divulgazione.
                        Il progetto vede il coinvolgimento diretto degli studenti dell’Università di Sassari, mentre tutti potranno partecipare alle attività grazie alla partecipazione ad un bando.
                        Abbiamo parlato con la vicepresidente dell’associazione Mine Vaganti NGO, la Dott.ssa Maria Grazia Pirina per avere ulteriori informazioni:

                        Come nasce la vostra associazione e di che cosa vi occupate?
                        La nostra associazione nasce nel 2009, siamo una non profit e ci consideriamo degli imprenditori che agiscono per il territorio, intendendo come territorio, non la sola Sardegna, ma operando anche a livello nazionale e globale attraverso gli ultimi progetti realizzati.
                        Abbiamo quattro sedi: a Sassari, dove gestiamo anche un centro giovanile, Uri, Olbia e Tempio Pausania. L’associazione nasce come risposta alla mancanza di associazioni che, in Sardegna, si potessero occupare di europrogettazione, area che è poi diventata uno dei nostri pilastri, assieme alla formazione su atteggiamenti eco orientati e le cosiddette green skills, oltre ad attività di consulenza e coinvolgimento nei programmi Erasmus+ ed Erasmus Traineeship.

                        La metodologia della citizen science

                        Come è nata la collaborazione tra la vostra associazione e l’Area Marina Protetta Tavolara- Punta Coda Cavallo?
                        Nel 2011 per la prima volta abbiamo organizzato delle visite guidate per i ragazzi stranieri coinvolti nei progetti Erasmus o Traineeship proprio sull’isola di Tavolara. In seguito, abbiamo continuato a suggellare la nostra collaborazione con diversi progetti: ad esempio, abbiamo partecipato ad uno di questi ultimi riguardante la rivitalizzazione delle aree rurali e la valorizzazione delle competenze verdi, rivolto agli abitanti della Sardegna, in cui degli esperti del settore provenienti dalla Georgia mettevano a disposizione le loro competenze e che vedeva sempre coinvolta l’Area Marina Protetta Tavolara – Punta Coda Cavallo.

                        Quali sono gli obiettivi del progetto “Together for Tavolara”e come verranno sviluppati?
                        “Together for Tavolara” è un progetto scritto e presentato per il Bando Ambiente 2015, promosso dalla Fondazione CON  IL SUD.  Assieme all’ AMP abbiamo deciso di voler rivolgere questa iniziativa a tutta la popolazione olbiese e dell’hinterland, così come agli studenti italiani e stranieri dell’Università di Sassari. Il progetto prevede due linee di intervento, una  mare e una terra di monitoraggio e conservazione della specie. Sono previste delle attività laboratoriali di educazione non formale e, per chi è in possesso del brevetto da sub, delle immersioni. Il concetto su cui ruota il progetto è la sensibilizzazione della cittadinanza al rispetto del territorio, perché ci si è resi conto che se il cittadino è informato e consapevole, sarà più attento e sensibile anche ad informare e trasmettere queste conoscenze ai suoi pari, avendo, così, una ricaduta a cascata su tutta la popolazione. Il metodo utilizzato è quello della citizen science, cioè una metodologia per poter avvicinare i cittadini alla ricerca scientifica utilizzando un linguaggio più semplice ed accessibile.

                        LEGGI ANCHE:

                         

                         

                         

                        Condividi la pagina

                          Siena, un nuovo atto della collaborazione tra comune e Contrade

                          | Notizie Notizie

                          Condividi la pagina

                            001

                            Così, ancora una volta, Siena si dimostra un esempio nell’attuazione pratica del Regolamento dei beni comuni (clicca qui per accedere alla sezione dedicata), della sua logica e dei valori che ne sono alla base.
                            Grazie ad un accordo raggiunto a metà novembre tra Comune e Contrada dell’Aquila, gli Orti del Santa Maria, grandi giardini situati in vicolo del Verchione e da decenni non valorizzati, anzi, quasi abbandonati, potranno essere riqualificati, risanati, e riportati alla vita, affinché i cittadini possano usufruirne e godere della bellezza di un luogo verde così affascinante.
                            I lavori sono già cominciati, l’area è stata pian piano ripulita ed in progetto ci sono interventi come l’inserimento di nuova vegetazione accanto a quella esistente e l’installazione di fontanelle, panchine, di un impianto di illuminazione e di giochi per bambini, che trasformeranno gli Orti in uno spazio attrattivo di incontro e condivisione per giovani e adulti, in pieno centro storico.

                            Ovviamente i lavori di manutenzione e risanamento richiederanno tempo e risorse, ma se tutto procederà secondo i piani, i cittadini senesi potranno usufruire di questo piccolo angolo di paradiso già all’inizio della stagione estiva.

                            La Nobile Contrada dell’Aquila si occuperà, inoltre, del mantenimento e della periodica manutenzione del giardino anche a lavori terminati, così da poterne garantire l’accesso alla cittadinanza durante tutto l’anno, sebbene si prevede che lo spazio sarà sfruttato al massimo delle sue potenzialità soprattutto durante il periodo del Palio di Siena.
                            Gli Orti del Santa Maria sono solo uno dei tanti esempi del virtuoso rapporto di collaborazione tra amministrazione comunale senese e Contrade, grazie al quale spazi e beni comuni, altrimenti abbandonati o inutilizzati, sono restituiti alla collettività in un’ottica di condivisione e socialità, l’ottica messa in luce dal Regolamento sui beni comuni, l’ottica che introduce una nuova idea di società e che porta a nuovi rapporti, legami tra individui e, per questo, vantaggi alla vita di ciascuno di noi.

                             

                            LEGGI ANCHE:

                            Condividi la pagina

                              Il progetto C-BIRD e lo sviluppo rurale in Europa

                              | Notizie Notizie

                              Condividi la pagina

                                New life

                                C-BIRD ha lo scopo di promuovere la conoscenza dello sviluppo rurale sostenibile e di fornire soluzioni ad hoc ai bisogni di ciascuna area analizzata. Il progetto coinvolge diversi paesi europei, alcuni tramite partners accademici: l’Italia, ad esempio, mediante Euricse, o la Spagna e l’Irlanda mediante i settori di ricerca delle loro università; altri, come Serbia e Bulgaria, attraverso partners commerciali, associazioni e organizzazioni di produttori, organizzazioni non governative, imprese sociali ed enti di ricerca del settore agricolo ed ambientale.
                                In particolare, il progetto prevede lo scambio e l’interazione tra due figure, ricercatori ed operatori del settore, per studiare il ruolo di cooperative, associazioni ed istituzioni ad esse correlate, all’interno dei processi di innovazione e sviluppo rurale.
                                Allo stesso tempo, il programma si pone l’obiettivo di creare ed incrementare lo sviluppo rurale cooperativo, attraverso la diffusione di conoscenze e know-how, accompagnate dalla divulgazione di pratiche sostenibili. Il tutto alla luce dei continui e repentini cambiamenti verificatisi negli ultimi anni, ed ancora in corso, nell’economia, nella società e nel territorio europeo, anche in seguito ai mutati scenari politici, che hanno portato alla nascita di provvedimenti e normative incisive nel settore agricolo.
                                E dunque, ci si chiede in che modo le istituzioni, gli enti, le cooperative siano in grado di gestire tali cambiamenti, di affrontarli e fornire soluzioni atte a garantire un progresso sostenibile; mediante quali azioni e modelli di organizzazione della produzione questi soggetti riescano ad incidere e contribuire alle economie locali.
                                I riflettori dell’iniziativa europea sono puntati soprattutto sull’organizzazione in forma cooperativa: sulle potenzialità e criticità di questo tipo di organismi, sia negli aspetti prettamente gestionali e sulle strategie messe in atto per competere sui mercati nazionali ed internazionali, sia riguardo la capacità di influenzare vaste aree rurali, direttamente proporzionale al legame col territorio che tali forme organizzative riescono a raggiungere.
                                Il risultato atteso è di individuare i soggetti che si trovano effettivamente alla guida dei mutamenti rurali, di esplorare le attività economiche e produttive che accrescono la sostenibilità economica, sociale ed ambientale, di supportare le best practices delle aree rurali più attive e vivaci, in particolare, ma non solo, nel settore agricolo. Infine si vuole identificare mediante analisi e ricerche le caratteristiche chiave dello sviluppo in tali territori rurali, esaminando le ragioni dell’esistenza di differenti modelli di organizzazione di enti e strutture che operano in questo settore (ad esempio, movimenti cooperativi o organizzazioni di produttori).

                                Il caso di Almerìa

                                Almerìa è una delle province spagnole coinvolte nel progetto. Contraddistinta dal dualismo geografico costa – zone interne, è stata oggetto di studi e ricerche da parte di Jacopo Sforzi, ricercatore Euricse, che nell’ottica del progetto C-BIRD ha analizzato le caratteristiche fondamentali dell’economia e dei modelli organizzativi di produzione del territorio. Dall’indagine è emerso che il motore trainante dell’economia almeriense è l’agricoltura intensiva praticata nelle zone costiere, mentre nelle aree interne, grazie all’azione di gruppi di sviluppo rurale che coinvolgono attori pubblici e privati, si stanno man mano affievolendo i fenomeni di degrado ed abbandono del territorio, dovuti soprattutto alla quasi totale assenza di servizi.
                                Insomma, studiare, proteggere, valorizzare e sfruttare al meglio le potenzialità e le opportunità offerte dalle aree rurali, in maniera cooperativa, con politiche ad hoc ma allo stesso tempo integrate e definite a livello europeo è un buon modo di occuparsi dell’ambiente.

                                LEGGI ANCHE:

                                 

                                Condividi la pagina

                                  I giovani: risorsa essenziale della comunità regionale

                                  | Notizie Notizie

                                  Condividi la pagina

                                    LetsGov_Umbria

                                    La legge è “destinata ai giovani compresi fra i 14 e i 35 anni, residenti o presenti nel territorio regionale per motivi di studio e di lavoro, i quali vengono riconosciuti risorsa essenziale della comunità regionale, promuovendo e favorendo la loro formazione, l’accesso al mondo del lavoro e la loro partecipazione alla vita pubblica attiva”.
                                    LetsGov_Umbria_2Il caso merita un interesse particolare per l’iter che ha portato all’approvazione della Legge e che ha visto coinvolti, oltre la Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica e la Regione, comunità locali rappresentate da funzionari pubblici e cittadini, in un progetto dialogico a più riprese denominato “Let’s Gov, promuovere opportunità e praticare cittadinanza”.

                                    Dalla scrittura collaborativa all’approvazione della Legge: un laboratorio d’innovazione civica

                                    Un lavoro condiviso di cui il fulcro, messe da parte le gerarchie di ruolo, è stato l’acceso interesse nei confronti dei giovani, categoria di cittadini che, senza dubbio, soffre maggiormente in un periodo storico d’incertezza e precarietà, non solo lavorativa. Proprio per questo, nobile e pragmatico esempio di costruzione di una politica di amministrazione condivisa che, portato a termine al di fuori delle sedi tradizionali, ha mantenuto anche nelle modalità comunicative l’intento di assistere efficacemente la “parte indifesa” della cittadinanza, ridonandole dignità.
                                    LetsGov_3Alla prima fase, incentrata sull’ascolto dei bisogni dei destinatari e alla discussione puntuale dei dati a disposizione, è seguita una fase progettuale in cui la Regione Umbria, rendendo soggetti co-promotori quei destinatari troppo spesso relegati a soggetti passivi, ha creato un’occasione di scrittura collaborativa, dando forma tangibile al concetto astratto di democrazia partecipativa. Un laboratorio d’innovazione civica che, come si legge tra le pagine del sito internet del team di Puntodock, ha coinvolto gli interlocutori giusti e con strumenti metodologicamente corretti ha portato a termine uno degli obiettivi più alti cui si possa ambire: scrivere una Legge.
                                    Il testo di quest’ultima è stato così arricchito di una varietà di punti di vista e sfumature di cui la sensibilità dei tecnici non sarebbe stata capace.

                                    La dignità dei giovani al centro

                                    Una legge che, prendendo in considerazione i bisogni dei giovani presenti sul territorio si pone l’obiettivo di garantire maggiore dignità alle nuove generazioni, facendo acquistare loro maggiore fiducia nel futuro. Tra gli altri temi, l’incentivo alla partecipazione dei giovani alla vita pubblica e alla cittadinanza attiva, l’istituzione di una Giornata regionale dei giovani, di un tavolo di coordinamento composto da un assessore alle politiche giovanili e dodici assessori comunali selezionati dal Consiglio delle Autonomie locali e la formazione di una Consulta regionale dei giovani, composta al massimo da trentacinque rappresentanti, scelti con la massima trasparenza e garantendo parità di genere tra associazioni, movimenti giovanili, universitari, oratori, giovani imprenditori, giovani professionisti e altri.

                                    La galleria fotografica completa del percorso di costruzione collettiva della legge, è disponibile ai seguenti link: http://bit.ly/1ZDTo6q e http://bit.ly/1Sz5jTL

                                    Per l’intervista all’allora referente alle politiche giovanili della Regione Umbria, Giovanni Castellani, cliccare qui.

                                    LEGGI ANCHE:

                                    Condividi la pagina

                                      Patto di comunità in linea con il progetto FAGUS

                                      | Notizie Notizie

                                      Condividi la pagina

                                        Progetto Fagus

                                        Lo scorso dicembre si è compiuto un passo in avanti nella stipulazione di un patto di comunità all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.
                                        Il Parco ha partecipato al quarto appuntamento per la realizzazione del progetto FAGUS, avviato nel 2013, con lo scopo di assicurare la conservazione a lungo termine degli habitat in alcuni parchi nazionali italiani.
                                        Il progetto “Forests of the Apennines: Good practices to coniugate Use and Sustainability” (FAGUS) ha lo scopo di contribuire all’attuazione della politica e della normativa comunitaria in materia di natura e biodiversità, in particolare della direttiva concernente la conservazione degli uccelli selvatici e di quella relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, della flora e della fauna selvatiche contribuendo alla costituzione del network europeo di aree protette Rete Natura 2000.
                                        Il punto di forza del progetto sta nella collaborazione di più enti ed associazioni nello sviluppo di aree di patrimonio del Parco Nazionale, che permette ai singoli cittadini di far presente quelle che sono le prime necessità e di individuare una strada comune per il progresso e la conservazione dell’ambiente naturale.
                                        Nell’ultimo appuntamento si è discusso, appunto, dell’approvazione di un patto di comunità che valga come protocollo di buone pratiche, per coniugare nel giusto modo l’utilizzo, e al contempo la sostenibilità, del patrimonio forestale del Parco.
                                        Le zone interessate si estendono nei comuni di Pietracamela e Crognatelo (TE), piccoli comuni abruzzesi con un’evoluzione demografica in calo, che necessitano di collaborazione e partecipazione attiva per salvaguardare l’ambiente circostante.

                                        Una mappa di comunità che evidenzia le singole criticità

                                        All’incontro hanno partecipato: tutti gli enti locali, l’ente Parco, l’Amministrazione Separata dei Beni di Uso Civico di Intermesoli e Pietracamela, l’Ufficio Territoriale per la Biodiversità del corpo forestale, la Pro Loco e la comunità locale. Il vero successo dell’incontro è stato la grande presenza di giovani, motivati a dare un contributo per la tutela del proprio territorio, cercando insieme una soluzione per nuove opportunità di lavoro e arginando l’inevitabile fenomeno di spopolamento.
                                        Negli incontri precedenti era stata studiata e creata una mappa di comunità utile a far emergere criticità su cui operare, con urgenze e punti di forza sui quali spingere per lo sviluppo ambientale, sociale, turistico e culturale. Tra gli elementi da valorizzare sono emersi: il Bosco vetusto di Fonte Novello, le feste della tradizione e la pastorizia, siti archeologici e beni architettonici, elementi culturali legati al dialetto e alla cultura materiale, ma anche turistici, come gli impianti sciistici di Prati di Tivo e Prato Selva. Tra le criticità emerse: il problema dei cinghiali, l’insufficienza di abbeveratoi per il bestiame, la sentieristica e la mancanza di prospettive occupazionali per i giovani residenti.

                                        Un altro obiettivo, prospettato all’incontro, sarà quello di creare un processo di rivitalizzazione di un percorso sul sentiero “Fonte vecchia”, che l’amministrazione si è impegnata ad affidare con un regolamento per i beni comuni. In questo processo è richiesta una forte collaborazione da parte degli abitanti dell’area.
                                        Inoltre, al Parco è stato chiesto di fornire sostegno nella progettazione di laboratori di educazione alla sostenibilità ambientale, mentre all’Ufficio Territoriale per la Biodiversità, di estendere ai collaboratori tutto il background di conoscenze necessarie per una riqualificazione ed un rilancio del percorso naturalistico.
                                        Si tratta di un patto per la natura e per la cura del proprio territorio, che si offre come modello replicabile dinamico ed aperto a nuove prospettive, obiettivi e partecipazioni.

                                        LEGGI ANCHE:

                                        Condividi la pagina