Pisa, deliberazione del Consiglio Comunale n. 36 del 14 settembre 2017

22 ottobre 2017 | Diritto Norme Regolamenti comunali

pis

Il regolamento di Pisa per l’amministrazione condivisa Labsus ha già avuto modo di dare notizia dell’approvazione del regolamento per l’amministrazione condivisa di Pisa. Se torna ora ad occuparsene, procedendo a un’analisi dettagliata del regolamento, è perché, da un lato, Pisa è una città importante del nostro paese e capace spesso di intercettare i fenomeni più […]

Verona, delibera del consiglio comunale n. 10 del 2 marzo 2017

31 luglio 2017 | Diritto Norme Regolamenti comunali

Verona

Nella seduta del 2 marzo 2017 il Comune di Verona ha approvato il proprio “regolamento per l’attuazione della sussidiarietà orizzontale mediante interventi di cittadinanza attiva”. Il regolamento – in vigore decorsi 15 giorni dall’esecutività della delibera di approvazione n. 10/2017 – presenta una struttura peculiare: alle disposizioni di carattere generale con cui si apre il testo normativo seguono i tipi di interventi in cui può estrinsecarsi l’attività di amministrazione condivisa dei cittadini attivi.

Il Titolo III è dedicato alle disposizioni definite di carattere procedurale, contenenti tanto le statuizioni relative al contenuto delle “proposte di collaborazione” e dei “patti di sussidiarietà” che le norme relative alla fase gestoria e di controllo dell’attività regolamentata. Successivamente viene introdotto un Titolo rubricato “Laboratorio per la cittadinanza attiva” con 2 articoli dedicati rispettivamente […]

Il regolamento di Lucca per l’amministrazione condivisa

29 maggio 2017 | Diritto Norme Regolamenti comunali

lucca2

Il regolamento di Lucca si presenta come un’ulteriore e originale ipotesi di adattamento del modello di regolamento di Labsus al contesto di un’amministrazione comunale di medie dimensioni. Il risultato che ne esce fuori è quello di un testo leggermente più sintetico che però opera tagli solo in parte condivisibili.

La prima caratteristica che risalta del regolamento lucchese sull’amministrazione condivisa è che il suo principale presupposto normativo lo si rinvenga nello Statuto comunale, il cui art. 3, c. 2, già faceva proprio l’obiettivo programmatico dell’attuazione del principio costituzionale di sussidiarietà orizzontale e di integrazione tra l’iniziativa pubblica e quella privata. Inoltre è da apprezzare il […]

Comune di Perugia. Deliberazione di Consiglio comunale 6 febbraio 2017, n. 12

3 aprile 2017 | Diritto Norme Regolamenti comunali

Fontana_Maggiore,_Perugia

Con Delibera consiliare del 6 febbraio 2017 il Comune di Perugia ha adottato il nuovo “Regolamento sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la valorizzazione dei beni comuni urbani”. E così l’Umbria aggiunge il proprio capoluogo alla lista dei Comuni che già negli anni scorsi avevano approvato il regolamento.

La struttura generale richiama in gran parte quello del regolamento di Bologna; ma vi sono anche alcuni profili che se ne distanziano e che non appaiono di poco conto, anche rispetto all’influenza che potranno di fatto avere nell’attuazione concreta delle norme. Di sicuro interesse è la complessiva apertura che emerge dai primi tre articoli del […]

Taranto, deliberazione del Consiglio comunale 28 dicembre 2016, n. 250

10 marzo 2017 | Diritto Norme Regolamenti comunali Senza categoria

puglia-1575452_1920 prova 3

Il Regolamento adottato dal Consiglio comunale di Taranto ricalca, in modo piuttosto fedele, il testo regolamentare bolognese, valorizzando, nondimeno, il ruolo dei quartieri, in relazione allo sviluppo di percorsi di cittadinanza attiva e gestione condivisa dei beni comuni.

In primo luogo, in analogia con quanto previsto in molti altri testi regolamentari sull’amministrazione condivisa, la collaborazione con i cittadini attivi è concepita quale funzione istituzionale dell’amministrazione comunale, ai sensi dell’art. 118, co. 4, Cost.; l’organizzazione di tale funzione, inoltre, è tesa ad assicurare la prossimità al territorio, il coordinamento con gli organi di indirizzo […]

Parma, delibera di Consiglio comunale del 17 novembre 2015, n. 84

26 dicembre 2016 | Diritto Norme Regolamenti comunali

Piazza_Duomo_Parma_2009-08

Il Consiglio comunale di Parma ha approvato il “Regolamento di cittadinanza attiva sulla promozione dell’impegno civico e sulla collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani” che ricalca – seppur con peculiari innovazioni – l’omologo regolamento elaborato da Labsus con il comune di Bologna.

Il numero degli articoli si espande fino a 46, ovvero rispetto al modello originale ben dieci in più, la maggior parte dei quali hanno contenuto del tutto originale. A parziale spiegazione di ciò, c’è da rilevare che questo atto sostituisce e abroga un precedente regolamento del 2010 “per la stipula dei contratti di sponsorizzazione e […]

Genova, Delibera del Consiglio comunale, 25 ottobre 2016, n. 51

26 novembre 2016 | Diritto Regolamenti comunali

genova

Il regolamento di Genova, in armonia con il principio di sussidiarietà orizzontale contenuto nell’articolo 118, comma 4, della Costituzione, delinea un modello di amministrazione condivisa dei beni comuni che si esplica attraverso l’iniziativa autonoma dei cittadini, ovvero su proposta dell’amministrazione.

I principi L’articolo 3 rileva le prime novità del regolamento in ordine ai principi. Recentemente i regolamenti di Pavia e di Macerata hanno introdotto il principio di pari opportunità e contrasto alle discriminazioni, che viene ora così rubricato dal presente regolamento come principio della “promozione dei diritti, pari opportunità e contrasto alle discriminazioni”. Nell’attività di […]

Bergamo, deliberazione del Consiglio comunale 19 gennaio 2016, n. 4

13 ottobre 2016 | Diritto Norme Regolamenti comunali

Bergamo-Alta4 800_400

Il Regolamento del comune di Bergamo si allinea, per forma e contenuto, ad altri regolamenti sulla cura e rigenerazione dei beni comuni urbani, promossi e sostenuti da Labsus, tesi ad attuare il principio costituzionale di sussidiarietà orizzontale, caratterizzandosi, nondimeno, per il suo circoscritto ambito di applicazione soggettivo, ristretto alle sole “associazioni dei cittadini”.

Un regolamento per le associazioni dei cittadini Il Regolamento di Bergamo ripropone, sebbene in forma semplificata, quanto già visto in altri regolamenti comunali, promossi e sostenuti da Labsus, caratterizzandosi, in modo particolare, per il suo circoscritto ambito di applicazione soggettivo, ristretto alle sole associazioni dei cittadini – presumibilmente sia quelle “riconosciute” sia quelle “non riconosciute” […]

Pavia, deliberazione del Consiglio comunale, 20 giugno 2016, n. 22

9 settembre 2016 | Diritto Regolamenti comunali

pavia

Il regolamento di Pavia, teso a dare attuazione al ben noto principio di sussidiarietà orizzontale contenuto nell’art. 118 cost., delinea un modello di amministrazione che vede coinvolti i cittadini nella cura e rigenerazione dei beni comuni e l’amministrazione che può sostenere concretamente tali iniziative.

I Principi Il regolamento in commento, oltre ai noti principi di fiducia reciproca, sostenibilità e proporzionalità – per citarne alcuni – contenuti nel testo bolognese, ripropone il principio di pari opportunità e contrasto delle discriminazioni e quello di prossimità e territorialità contenuti nel regolamento del comune di Macerata. Attraverso il principio di pari opportunità e […]

Pordenone, deliberazione del Consiglio comunale del 14 dicembre 2015, n. 50

4 agosto 2016 | Diritto Norme Regolamenti comunali

public building in Pordenone, Italy

Il Regolamento pordenonese è da annoverare tra i molteplici ed apprezzabili testi regolamentari adottati dai comuni italiani che hanno ad oggetto la disciplina, nonché promozione, dei rapporti intercorrenti tra l’Amministrazione e i cittadini (attivi) per la cura, rigenerazione e gestione condivisa dei beni comuni.

Si segnalano, in particolare, alcuni aspetti di rilievo. Innanzitutto, la disposizione di cui all’art. 1, co. 2 individua nel “principio della sostenibilità”, al contempo, economica, sociale ed ambientale, un caposaldo dell’intera infrastruttura giuridica assieme al ben noto principio di sussidiarietà orizzontale. Alle consuete definizioni regolamentari se ne aggiungono tre: la “comunità di riferimento”, intesa quale […]