Ex carcere di Bergamo: un patto di collaborazione “storico” come la città alta

16 gennaio 2018 | Patti di collaborazione Patti e beni comuni

ExSA, Ex carcere di Sant’Agata, è incastonato tra le mura in pietra del cuore medioevale
di Bergamo Alta. Per tutte le persone che hanno partecipato al progetto, iniziato due anni fa, l’ExSA è la risposta spaziale ai bisogni del tessuto sociale in cui viviamo. ExSA è un bene comune all’interno del quale gli abitanti imparano e innovano facendo e interagendo, raggiungendo traguardi che sono esito di improvvisazione e sperimentazione.

L’ExSA, Ex carcere di Sant’Agata, è a Bergamo, capoluogo lombardo che ha adottato il Regolamento dei Beni Comuni all’inizio del 2016. Qui l’associazione Maite dall’estate del 2015 si prende cura di una porzione del monumentale complesso di Sant’Agata, tramite un programma funzionale che si adatta continuamente alla struttura, creando sempre nuovi scenari. Spaziando e sperimentando in […]

Palmi condivisa: una piattaforma a misura di sussidiarietà

2 gennaio 2018 | Patti di collaborazione Patti e beni comuni

Palmi (RC) è stato il 125° Comune italiano a firmare il Regolamento per l’amministrazione condivisa dei beni comuni urbani grazie alla delibera n° 41 del Consiglio comunale del 28 Settembre. Il Comune non si è limitato all’approvazione del regolamento, ma ha puntato sull’applicazione del principio costituzionale della sussidiarietà orizzontale tramite la piattaforma online “Palmi Condivisa”: l’idea partita dall’assessore e architetto Consuelo Nava, ricercatrice universitaria, che ne ha curato design e contenuti, e realizzata con il supporto tecnico di PMopenLab srls.

II regolamento infatti è solo il primo passo per agevolare un rapporto collaborativo e partecipativo tra rappresentati e rappresentanti e per vivere esso necessita di strumenti in grado di promuoverlo e di renderlo accessibile ai cittadini. “Sin dal nostro insediamento abbiamo voluto dare vita a un’idea nuova di città, in cui a prendersi cura degli […]

Ostuni: ventitré patti per ventitré orti urbani condivisi

19 dicembre 2017 | Patti di collaborazione Patti e beni comuni

Riqualificare e valorizzare gli orti urbani posti a valle della cinta muraria del centro storico di Ostuni, in provincia di Brindisi: questo l’obiettivo dei Patti di Collaborazione con cui sono stati assegnate ad altrettante associazioni, enti e soggetti privati ventitré aree la cui proprietà è stata acquisita dall’Amministrazione Comunale.

L’intento è quello di salvaguardare un’area di enorme interesse paesaggistico, ambientale e archeologico attraverso la collaborazione con i cittadini prevedendo attività multifunzionali che vanno dalle iniziative didattiche, formative e culturali, alla valorizzazione delle aree archeologiche, sino ad attività agricole incentrate sul biologico. Il percorso che ha portato alla stipula dei Patti di Collaborazione è stato […]

La comunicazione come strumento di inclusione e partecipazione: i patti di Genova e Trento

21 novembre 2017 | Patti di collaborazione Patti e beni comuni

Considerare i cittadini una risorsa, è questo uno dei principi essenziali dei Patti di Collaborazione. Non solo per la capacità di prendersi cura dei luoghi della propria città, dalle aree verdi sino a immobili abbandonati o sottoutilizzati, come raccontano tante esperienze maturate in tutto il nostro Paese.

Ma anche per delineare un nuovo modello di pubblica amministrazione, per esempio, in tema di informazione e comunicazione considerate, ormai, un elemento essenziale e funzionale per il governo locale e lo sviluppo del territorio. Dall’informazione alla partecipazione È questa la chiave di lettura di due Patti di Collaborazione, uno a Genova e l’altro a Trento, […]

La Buona Terra: legami di prossimità. Un patto speciale

29 agosto 2017 | Patti di collaborazione

“La Buona Terra: legami di prossimità” è il titolo del Patto di Collaborazione siglato lo scorso 18 luglio dal Comune di Adelfia in provincia di Bari, ActionAid Italia, le donne braccianti del progetto Cambia Terra, diverse associazioni attive sul territorio e le due parrocchie del paese. Il Patto nasce dal progetto denominato “Cambia Terra. Pratiche di resilienza per le donne impiegate in agricoltura nell’area metropolitana di Bari”, ​rivolto alle braccianti con l’obiettivo di contribuire ai processi di inclusione sociale e riduzione delle condizioni di povertà delle donne impiegate in agricoltura nell’area metropolitana di Bari. In allegato il testo del patto

È un Patto che presenta diversi profili innovativi, diverse chiavi di lettura, ampi spazi di sperimentazione per la sua capacità di incrociare le esigenze della comunità e delle istituzioni e trovare, attraverso azioni condivise, risposte inedite a situazioni complesse. La vera forza del Patto risiede nella sua capacità di costruire legami, è certamente questa la […]

Park Trento, un patto animato da ragazzi con la passione per lo skate e il bmx

14 agosto 2017 | Patti di collaborazione Patti e beni comuni

Si chiama “Park Trento” il nuovo skatepark di Trento, riaperto al pubblico dopo i lavori di ampliamento e ristrutturazione. Le nuove strutture sono state progettate insieme ai ragazzi del gruppo “FAT.ONE BMX Crew&Friends”, che hanno avanzato la proposta di collaborazione.

 I ragazzi hanno messo a disposizione le proprie competenze nelle discipline dello skate e della bmx affinché Park Trento sia veramente a misura degli amanti di questi sport. Un rappresentate della crew ripercorre il percorso di coprogettazione, esprimendo soddisfazione per il rapporto con l’amministrazione e per i risultati raggiunti: “La fase di progettazione delle strutture è […]

Grazie ai cittadini rinasce il Parco di Monte Menola a Pontecorvo

11 luglio 2017 | Patti di collaborazione Patti e beni comuni

A qualche chilometro da Pontecorvo, in provincia di Frosinone, sorge il comprensorio di Monte Menola: quattro colline con un’altezza di quattrocento metri, boschi di conifere, macchia mediterranea e una grande varietà di flora e fauna.

 

Il parco di Monte Menola è da sempre un luogo identitario della popolazione di Pontecorvo e se un tempo era molto frequentato per la raccolta della stramma, oggi lo è per le sue attività di svago. Un patrimonio naturalistico che qualche anno fa si era deciso di valorizzare facilitandone la fruibilità. Erano nati un rifugio, […]

A Bologna un patto di collaborazione a sostegno delle persone anziane

3 luglio 2017 | Patti di collaborazione

Fornire supporto alle persone anziane in condizione di disagico economico è l’obiettivo del nuovo patto di collaborazione stipulato dal Comune di Bologna – Quartiere Santo Stefano e dall’Associazione Profutura.

Fornire supporto agli anziani, soprattutto nelle condizioni più indigenti e con limitazioni di autosufficienza, è l’obiettivo del Comune di Bologna – Quartiere Santo Stefano e dell’Associazione Profutura. Dal 13 gennaio infatti, con il patto di collaborazione “Interventi socio-assistenziali a favore della popolazione anziana in condizioni di disagio economico”, l’associazione e l’amministrazione locale si prendono carico delle […]

Ragusa, un patto di collaborazione per la rigenerazione di Palazzo Zacco

2 maggio 2017 | Patti di collaborazione Patti e beni comuni Vivibilità urbana

A Ragusa è stato avviato un patto di collaborazione con l’associazione culturale Aurea Phoenix con l’obiettivo di promuovere la cultura e la tradizione del territorio ibleo attraverso la rigenerazione di Palazzo Zacco, storico edificio della città.

Palazzo Zacco è parte del patrimonio artistico del Comune di Ragusa, nella costa sud-orientale della Sicilia. L’edificio rappresenta da sempre un prezioso esempio di arte barocca che caratterizza anche molti altri monumenti della città. Nell’ultimo anno esso ha rivestito ancora più importanza da quando è diventato oggetto della cura e promozione dell’associazione culturale Aurea Phoenix. […]

L’Hortus Conclusus di Parco Dora: a Torino il primo patto di collaborazione

27 febbraio 2017 | Patti di collaborazione Patti e beni comuni

L’hortus conclusus” di Parco Dora è il primo patto di collaborazione della città di Torino: della realizzazione del progetto si occuperà l’associazione Innesto che lo avrà in carico sino al 2020. Tutti i cittadini e le realtà associative potranno inviare al comune di Torino osservazioni e suggerimenti entro le ore 12 del 3 marzo.

Ad un anno dall’approvazione del Regolamento sui beni comuni (con deliberazione del Consiglio Comunale in data 11 gennaio 2016), anche Torino avvia il primo patto di collaborazione tra cittadini e amministrazione: al centro del progetto vi è l’Hortus Conclusus di Parco Dora. Si tratta dell’area dove un tempo sorgevano i laminatoi delle Ferriere Fiat ed […]