Luoghicomuni

Luoghicomuni, all’interno del programma Lacittàintorno di Fondazione Cariplo, è il progetto coordinato da noi di Labsus in collaborazione con Italia Nostra Milano Nord. Il progetto si avvale inoltre del lavoro di ricerca condotto dal Dipartimento di Architettura e Studi urbani del Politecnico di Milano, nonché dai diversi partner che stanno lavorando con Lacittàintorno e con il Comune di Milano.

Luoghicomuni è un’azione che avrà successo solo se sarà profondamente condivisa con i diversi attori, formali e informali, già attivi sul territorio. L’obiettivo è molto ambizioso: sperimentare l’amministrazione condivisa dei beni comuni nelle zone di Milano dove il programma Lacittàintorno è già partito – quartiere Adriano, area di Via Padova, quartiere Corvetto e borgo di Chiaravalle – promuovendo i patti di collaborazione come strumento di innovazione e inclusione sociale nelle periferie, oltre che di rigenerazione urbana.

Lacittàintorno e i beni comuni

Nelle aree pilota di Lacittàintorno vi sono diverse realtà, riunite in associazioni o in gruppi informali, che si prendono cura del proprio territorio, spesso tra mille difficoltà. Parallelamente, i due quartieri sono ricchi di potenziali beni comuni, come spazi dismessi, aree verdi abbandonate, strade e piazze degradate. Applicando il Regolamento – recentemente adottato in via sperimentale anche dal Comune di Milano – attorno a ogni porzione di edificio, frammento di strada, angolo di piazza o giardino, che venga trasformato in bene comune da un gruppo di cittadini attivi intenzionati a prendersene cura, si può costruire un patto di collaborazione, in cui il Comune e i protagonisti delle iniziative sottoscrivono gli impegni e le responsabilità reciproche. L’azione di Lacittàintorno attraverso il progetto Luoghicomuni è in questo senso duplice:

  • tesa a valorizzare le risorse e le progettualità presenti attraverso i patti di collaborazione, per intercettare con più facilità e rapidità le proposte degli abitanti;
  • volta a creare le condizioni grazie alle quali, facendo perno sulle attività di cura del quartiere inteso come bene comune, potranno nascere e svilupparsi alleanze inedite tra soggetti diversi, ma con un obiettivo comune: quello di vivere in un quartiere più bello, sicuro, inclusivo.

Ciò di cui siamo fermamente convinti è che le attività di cura, rigenerazione e gestione dei beni comuni promuovano il senso di comunità e la coesione sociale, valorizzando il protagonismo delle persone e il valore dei legami: i beni comuni permettono di allontanare l’idea di una società sempre più chiusa e intollerante, contrastandola con l’idea, necessaria e potente, di una società della cura. Il nostro auspicio è allora che le azioni innescate attraverso Luoghicomuni siano non solo di supporto alle progettualità in corso, ma che possano offrire, in modi anche imprevedibili, nuove occasioni di condivisione, sinergia e coinvolgimento, per raggiungere insieme quelle finalità che, ricomponendo l’interesse pubblico e privato, sono espressione di bisogni individuali e collettivi, allo stesso tempo.

Per richiedere informazioni potete contattare:

Elena Taverna: taverna@labsus.net

Gloria Gusmaroli: gloria.gusma@gmail.com

Lacittàintorno

Lacittàintorno è un programma di rigenerazione urbana, che non punta semplicemente a riattivare spazi inutilizzati ma a dare spazio nuovo a idee, relazioni, culture, economie. Il programma si basa sulla collaborazione e il coinvolgimento di cittadini, istituzioni, associazioni e di tutti coloro che vogliono partecipare attivamente alla creazione di una nuova mappa culturale, economica e sociale della città. Il programma offre nuove opportunità e connessioni, aumenta le possibilità aggregative, di benessere e di cittadinanza. Una nuova sfida da cogliere insieme, per rendere la città ancora più vicina alle esigenze di ciascuno.

Lacittàintorno ha una durata triennale e ha preso il via nel mese di ottobre 2017 a Milano, in alcune aree pilota nel nord-est e sud-est della città: quartiere Adriano, Via Padova, quartiere Corvetto e borgo di Chiaravalle. In queste zone, dove accanto alle criticità è presente un ricco tessuto di associazioni, cooperative sociali e gruppi informali, Lacittàintorno ha portato ricerca, interventi nelle scuole, percorsi di cittadinanza attiva e animazione culturale, arte relazionale, per ampliare le opportunità, promuovere il protagonismo delle comunità nello sviluppo delle aree, “accendere le luci” e renderle attrattive nel contesto cittadino. Fulcro del programma sono i Puntidicomunità, centri di gravità aperti e plurali, dove le persone potranno incontrarsi, fruire di servizi e partecipare ad attività culturali, aggregative, formative, orientate al lavoro e alla cittadinanza attiva. Luoghi polifunzionali in cui sviluppare un’offerta di attività culturali, sociali e di condivisione.

Per avere informazioni sul programma potete consultare:

www.lacittaintorno.it – fb tw ig @lacittaintorno