Il provvedimento giunge dopo anni di battaglie da parte di Active Citizenship Network, programma europeo di Cittadinanzattiva
Notizie

Verso la carta europea dei diritti del malato

Approvata una mozione dal Parlamento europeo

Cittadinanzattiva-Acn: “importante riconoscimento verso un sistema di tutela comune e l’adozione della Carta europea dei diritti del malato”

Il parlamento europeo “ritiene che sia necessario inserire nel futuro quadro europeo una carta comune dei diritti dei pazienti, onde garantire l’esercizio pratico dei detti diritti nel paese d’origine e in ambito transnazionale”.

Con l’emendamento all’articolo 8 della risoluzione sui servizi sanitari transfrontalieri della commissione sanità e ambiente, approvato il 15 marzo scorso, per la prima volta il parlamento dell’Unione europea, con una votazione trasversale rispetto ai gruppi politici, sottolinea l’esigenza di individuare e di applicare un insieme di diritti comuni a tutti I cittadini europei.

Il provvedimento giunge dopo anni di battaglie da parte di Active Citizenship Network, programma europeo di Cittadinanzattiva, che da lungo tempo sostiene la necessità dell’adozione della Carta Europea dei diritti del malato a livello comunitario, anche attraverso azioni di sensibilizzazione e di denuncia delle criticità della sanità in Europa.

La prima giornata europea dei diritti del malato
Il prossimo 29 marzo sarà celebrata a Bruxelles, proprio nel Parlamento Europeo, la prima giornata europea dei diritti del malato; un momento per riproporre ufficialmente la Carta Europea dei diritti del malato assieme ad esponenti della società civile europea, a parlamentari dei diversi gruppi, del parlamento italiano ed europeo, e presentare pubblicamente I risultati di un monitoraggio condotto sul rispetto degli stessi diritti in 14 Paesi.

La Carta Europea dei diritti del malato promossa da Acn-Cittadinanzattiva individua 14 diritti, volti a garantire il rispetto dell’individuo e la qualità dei servizi nei diversi sistemi sanitari nazionali: diritto alle misure preventive, all’accesso, alla informazione, al consenso, alla libera scelta, alla privacy e alla confidenzialità, al rispetto del tempo, al rispetto degli standard di qualità, alla sicurezza, alla innovazione, a evitare il dolore inutile, a trattamenti personalizzati, al reclamo e al risarcimento.

Il testo completo della Carta è consultabile sul sito di Cittadinanzattiva, www.cittadinanzattiva.it e sul sito di Active citizenship network www.activecitizenship.net.



ALLEGATI (1):

Lascia un commento