Il Ludobus porta il gioco nelle strade, coinvolgendo i bambini e rivitalizzando il quartiere
Sviluppo della persona

Ludobus, socializzare giocando

Il furgone dei giochi per le strade di Bologna

Da aprile ad agosto 2008, le strade della Bolognina sono state solcate dal Ludobus, una delle tante iniziative avviate da " CinquePerCinque " , un progetto promosso dalla Caritas che ha come obiettivo quello di valorizzare alcune zone disagiate delle città .

A Bologna si è optato per lo storico quartiere Navile, dove persistono determinate forme di esclusione, essendo l’area della città con la più alta densità di popolazione straniera.

Il Ludobus è una struttura itinerante, attrezzata a portare ovunque divertimento e animazione, che coniuga funzionalità e sicurezza; funzionalità perché propone diverse attività a seconda che si organizzino giochi all’aperto o al chiuso; sicurezza perché le attrezzature sono a dimensione di bambino e facilmente smontabili, in modo tale che in breve tempo il Ludobus possa tornare al suo originario aspetto di ” normale furgone ” .

Il motore del Ludobus CinquePerCinque non si sarebbe potuto accendere se il quartiere Navile non avesse sostenuto tale iniziativa, facilitandone l’attuazione: infatti esso, fornendo gli spazi pubblici necessari per l’animazione e provvedendo alla pubblicizzazione di questo evento, ha partecipato in maniera molto propositiva e collaborativa.

In tal modo, si è venuto creare un lavoro di grande sinergia tra la pubblica amministrazione e l’Associazione Agio, la quale non ha solo gestito il progetto ma ha messo a disposizione anche gli educatori, anima del progetto, che si sono occupati direttamente delle attività educative e dei laboratori per i bambini.

La presenza del Ludobus in giro per le vie della Bolognina ha coinvolto in particolare i bambini di età compresa tra i 3 e gli 11 anni, i quali attraverso i giochi e i laboratori proposti dagli educatori e dagli animatori hanno imparato a relazionarsi con i loro coetanei di nazionalità diversa.

Inoltre, questa ” macchina del gioco ” ha agito indirettamente anche sulla vivibilità urbana perché, fermandosi nei punti più disagiati e difficili del quartiere, valorizzandone gli spazi come occasione di gioco e apprendimento, compensando cosìalla mancanza di opportunità e di aree per il divertimento.



ALLEGATI (1):

Lascia un commento