Fiera Milanocity 12 e 13 marzo: per imparare ad essere più virtuosi
Notizie

La Scuola dell’alt(r)a amministrazione

Per formare amministratori locali virtuosi

Per chi crede che una politica amministrativa virtuosa sia necessaria. Sei amministratori locali mettono a disposizione la loro esperienza presentando alcuni progetti innovativi, realizzati in campo ambientale e non solo, sperando che altri vogliano riproporli a casa loro. La prima edizione della scuola verrà ospitata all’interno di "Fa la cosa giusta" fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, giunta alla sua settima edizione.

Come si fa a far tornare i conti di un’amministrazione locale che decide di non cementificare più il suo territorio rinunciando agli oneri di urbanizzazione? Come può un comune diventare energeticamente indipendente? Come si fa a raggiungere l’8 percento di raccolta differenziata? Queste sono solo alcune delle sfide che diversi amministratori locali hanno affrontato e che illustreranno ad altri amministratori di piccoli e medi comuni, motivati ad approfondire le tematiche ambientali e interessati a riprodurre nel proprio territorio simili progetti.

Promotori dell’iniziativa sono l’Associazione dei comuni virtuosi, impegnata a promuovere e valorizzare l’azione virtuosa di piccoli comuni che operano in difesa dell’ambiente e per una migliore qualità della vita dei propri cittadini, "Terre di mezzo eventi" e "Fa la cosa giusta", manifestazione giunta alla settima edizione che si è ormai imposta sul territorio nazionale come punto di riferimento per tutte le tematiche relative alla responsabilità sociale e ambientale.

La scuola prevede 4 sezioni tematiche: Gestione del territorio (cementificazione zero, recupero aree dismesse, progettazione partecipata, bioedilizia, energie alternative), Impronta ecologica della macchina comunale (efficienza energetica, acquisti verdi, mense biologiche, software libero), Rifiuti (raccolta differenziata, riduzione dei rifiuti e riuso, case dell’acqua), Mobilità sostenibile (car-sharing, car-pooling, trasporto pubblico integrato, piedibus, carburanti alternativi al petrolio), Nuovi stili di vita e partecipazione attiva (autoproduzione, filiera corta, cibo biologico, sostegno alla costituzione dei Gas, turismo sostenibile, diffusione commercio equo e solidale, finanza etica, partecipazione attiva).

I temi verranno approfonditi con l’illustrazione di cinque casi, dai protagonisti che hanno realizzato i progetti con il supporto, quando necessario, di funzionari amministrativi e di imprese che hanno reso possibile il buon esito dell’iniziativa. Inoltre verrà realizzato del materiale didattico che include delibere, atti amministrativi e tutto ciò che è utile a riproporre le esperienze in altri territori.

La partecipazione è gratuita ma è necessaria l’iscrizione che può avvenire sul sito www.falacosagiusta.org fino ad esaurimento dei posti, entro il 28 febbraio (sarà data la precedenza agli amministratori di enti locali).
Per informazioni più dettagliate è possibile consultare il programma in allegato.



ALLEGATI (1):

Lascia un commento