Una sinergia concreta tra privati e enti locali per l'accoglienza degli stranieri
Integrazione

Atas: un impegno per l’integrazione

Dal 1989 l ' associazione accoglie e tutela gli immigrati

L ' Associazione trentina accoglienza stranieri viene fondata a Trento nel 1989; le sue finalità sono fin da subito quelle di accogliere gli immigrati extracomunitari e fornire loro assistenza nella ricerca del lavoro, dell ' alloggio e nella fruizione dei servizi sociali. Essa si propone inoltre di realizzare attività di sensibilizzazione sul territorio al fine di migliorare la loro integrazione.

Fondamentale è stata la collaborazione della provincia autonoma di Trento, che nel 1991 stipula una convenzione fra gli uffici provinciali e quelli dell’associazione; questo atto prevede che l’ente pubblico affidi all’associazione la gestione del centro di ascolto e di informazione istituito presso la sede dell’associazione stessa.

La convenzione prevede anche che Atas gestisca alcuni appartamenti destinati a soddisfare i bisogni abitativi degli stranieri.

La convenzione viene poi rinnovata nel 1996, nel 1998 e nel 2, trasformandosi da convenzione ” a bilancio ” a convenzione ” a servizi ” e conferendo un carattere istituzionale alla collaborazione con l’ente pubblico.

Nel 1996 l’Università di Verona e nel 1998 l’Università di Trento stipulano con Atas un accordo di tirocinio, formazione ed orientamento al fine di favorire la formazione professionale dei giovani laureati e offrire loro la possibilità di partecipare alle attività dell’associazione.

L’efficienza delle attività svolte e la collaborazione con le istituzioni pubbliche hanno permesso all’associazione di ampliare e migliorare i propri progetti, che oggi consistono in:

  • ascolto, informazioni, consulenza sociale e legale, orientamento al lavoro e segretariato sociale, sostegno nel contatto con i servizi;
  • gestione di alloggi per stranieri;
  • percorsi di integrazione sociale e formazione degli stranieri;
  • promozione di rapporti con enti, istituti, università ;
  • bibliografie e testi sul fenomeno migratorio;
  • attività in carcere, corsi, scambi.

Tra gli ultimi progetti, tutti conclusi con successo, si ricordano il progetto Coopera, focalizzato a sostenere l’integrazione degli stranieri richiedenti asilo, e Tutor di minori stranieri, un percorso di formazione per i cittadini volontari adulti che diano la loro disponibilità ad assumere la tutela legale dei minori stranieri non accompagnati.

Altrettanto proficuo è stato il progetto Pontest, che affrontava il problema della difficoltà di inserimento e reinserimento nel mercato del lavoro dei lavoratori immigrati.

Attualmente sono in atto due progetti: Atas Volo in rete, volto a rendere i volontari dell’Associazione competenti sul fenomeno migratorio, in particolare sull'intermediazione e l'accompagnamento degli stranieri, e Microcredito agli immigrati stranieri.

Quest’ultimo offre l’opportunità di crescita personale e socio-economica ad immigrati con regolare permesso di soggiorno, residenti nella provincia autonoma di Trento, che intendono sviluppare una attività ma che, per cause diverse, hanno difficoltà nell’accesso al credito.



Lascia un commento