Le vacanze in tempi di turismo di massa rappresentano una minaccia per gli ecosistemi naturali e le comunità locali
Sostenibilità

àˆ tempo di vacanze … responsabili!

Dal turismo di massa all'ecoturismo

Le vacanze, specialmente in tempi di turismo di massa, rappresentano spesso una minaccia per gli ecosistemi naturali e le comunità locali. In questo caso i benefici economici derivanti dal turismo non ripagano i danni fatti all’ambiente, ma soprattutto diffondono un’idea di turismo permeata di una cultura “usa e getta”. Negli ultimi decenni qualcosa sta cambiando anche in questo campo. Numerose sono infatti le iniziative che a livello internazionale promuovono un turismo sostenibile che non alteri gli equilibri ambientali e sociali delle mete di viaggio.

Ecoturismo sostenibile

The international ecotourism society (Ties) celebra quest’anno i venti anni di attività nel settore del turismo sostenibile. Per ecoturismo si intende “responsible travel to natural areas that conserves the environment and improves the well-being of local people." (Ties, 199). Si tratta quindi di una tipologia di turismo che deve rispettare una serie di principi, quali la riduzione dell’impatto, la consapevolezza e il rispetto per l’ambiente e le comunità locali, benefici economici da destinare alla conservazione di questi ambienti e al benessere delle popolazioni locali. Spesso la sostenibilità dell’offerta è data anche dall’attenzione ad una serie di comportamenti quotidiani che vanno dall’utilizzo della biancheria, al risparmio idrico, ai materiali usati per l’arredo e alla garanzia di fornire solo prodotti alimentari della zona, secondo la formula Km..

L’associazione ha anche pubblicato una Green travel guide, dove sono indicate le eco destinazioni in tutto il mondo, e dall’8 al 1 settembre organizza a Portland l’Ecotourism and sustainable tourism Conference, che si annuncia come un’importante occasione di dibattito su questi temi. Altre esperienze si sono aggiunte nel tempo, sostenute anche dall’affermarsi di una sensibilità nuova nei confronti di questo tema. La Ecotour raccoglie 17 tra tour operator, agenzie di viaggio e singoli operatori turistici in tutto il mondo che forniscono proposte di ecoturismo.

Notizie dall’Italia

In Italia l’Istituto nazionale ricerche turistiche (Isnart) aderisce alla Rete europea del turismo sostenibile e competitivo Necstour, creata nel 27; è inoltre partner ufficiale del progetto europeo Camere di Commercio attive per un turismo sostenibile e competitivo (Cast), insieme ad altri 6 paesi europei (Acfci francese capofila, Ungheria, Uk, Lettonia, Grecia e Spagna), cofinanziato dalla Commissione europea.

L’Associazione italiana turismo responsabile (Aitr) raccoglie associazioni e cooperative che si occupano di turismo responsabile e della realizzazione di progetti di sviluppo turistico.
Ecoturismo Italia è un portale che nasce dall’incontro tra le differenti realtà presenti sul territorio nazionale attorno all’ecoturismo. Si rivolge a tutti coloro che vogliono far parte del mondo dell’ecoturismo sia come operatori che viaggiatori, studiosi, pianificatori e amministratori locali.
Sulle pagine di questa rivista ci siamo occupati in passato di alcuni esempi di turismo sostenibile in Italia, quali il turismo di comunità e l’albergo diffuso, interessanti esperimenti che uniscono il recupero del territorio e la promozione turistica.

Il viaggio come esperienza di vita

Il turismo costituisce attualmente uno dei maggiori indicatori sociali e anche in questo campo si registrano interessanti cambiamenti di costume. Troppo spesso infatti i ritmi frenetici del turismo di massa, hanno fatto dimenticare che il viaggio è prima di tutto un’esperienza di vita, che comporta un processo di apprendimento che ha bisogno di tempo e consapevolezza.
L’attenzione alla qualità dei servizi, elemento imprescindibile di ogni offerta turistica, rischia di far passare in secondo piano che spesso quello che apparentemente può essere percepito come un disservizio è in realtà un segno di rispetto nei confronti dell’ambiente e delle popolazioni locali.



Lascia un commento