Un modo per dare valore, vivibilità e sicurezza ad una strada della città
Vivibilità urbana

Luoghi di sosta pedonale

Progetto urbanistico dell'associazione Centotrecento

Bologna_centotrecentoVia Centotrecento, storica strada bolognese, è stata per un paio di mesi al centro di un esperimento di riqualificazione micro-urbanistica.

L’intervento, un progetto organizzato dall’associazione Centotrecento e realizzato con la collaborazione del Comune e del Quartiere San Vitale, ha trasformato in via sperimentale due aree di parcheggio contigue in un luogo di ritrovo completamente attrezzato.

Per i promotori dell’iniziativa la realizzazione del primo Luogo di sosta pedonale (LSP) rappresenta un modo per dare valore, vivibilità e sicurezza ad una strada della città , valorizzando l’attivazione diretta degli abitanti e utilizzando l’intervento come volano per la riqualificazione di altre parti dell’ambiente di prossimità .

Detto altrimenti: bastano minime e mirate azioni sullo spazio pubblico per renderlo un luogo più attraente, ospitale e funzionale, capace di trasformarsi in aggregatore di iniziative sociali e supporto alle attività commerciali.

E’ esattamente quanto avvenuto in via Centotrecento: abitanti ed esercenti hanno organizzato ripetutamente incontri, merende, mercatini dell’usato, spettacoli di danza e altro ancora.

Un successo confermato dalla passione con cui associazione ed abitanti hanno avanzato al Comune la richiesta di rendere permanente il Luogo di sosta pedonale in via Centotrecento.

Non solo. L’iniziativa potrebbe essere replicata in altri luoghi della città , con allestimenti diversi ed adattati ai bisogni differenti di ogni quartiere. La progettazione del LSP prevede infatti la possibilità di realizzare di volta in volta allestimenti diversi basati sulla ricombinazione di alcuni elementi modulari, come si può vedere qui.

Qui, invece, il video relativo alla costruzione del LSP di via Centotrecento.



Lascia un commento