L'iniziativa degli studenti del liceo Tacito rappresenta la corretta applicazione del principio di sussidiarietà
Risorse pubbliche Scuola Storie e notizie

Studenti imbianchini

Al Liceo Tacito di Roma ridipingono le pareti scrostate

La manutenzione delle scuole può partire dagli stessi studenti. Al Liceo Tacito di Roma, gli studenti hanno imbracciato pennelli e buona volontà per ridipingere le pareti, coperte di scritte e minacciate dall ' umidità .

L’iniziativa, partita dalla volontà dei ragazzi e condivisa dal corpo dirigente dell’istituto scolastico, si è resa necessaria per fronteggiare le cattive condizioni in cui versa l’istituto, causate anche dalla mancanza di fondi e di lungimiranza nella gestione della manutenzione ordinaria.

“Lo scorso anno la Provincia aveva già ridipinto una decina di aule e un corridoio della nostra sede centrale – racconta la preside Giuliana Mori – Ora sta intervenendo per sistemare gli uffici e gli altri corridoi, ma nel frattempo i ragazzi hanno deciso di contribuire pitturando le ultime aule che erano rimaste in sospeso per mancanza di fondi”.

” Ci siamo divisi i compiti, abbiamo scrostato il vecchio intonaco, passato la carta vetrata e steso la nuova vernice: insieme abbiamo lavorato benissimo e, allo stesso tempo, abbiamo lanciato un messaggio costruttivo alle istruzioni: noi teniamo alla nostra scuola e vorremmo che anche voi ve ne prendeste più cura”, hanno dichiarato gli studenti.

Per affrontare ulteriori rischi e assicurare gli alunni impegnati nella manutenzione straordinaria delle aule, la scuola ha deciso di attivare il ” Progetto Decoro ” , coordinato da una docente di storia dell’arte e inserito nel piano dell’offerta formativa della scuola.

La sussidiarietà parte dai ragazzi

L’iniziativa degli studenti del liceo Tacito è la rappresentazione, in maniera lampante, di come sia possibile applicare il principio di sussidiarietà , partendo dalla volontà e dall’impegno dei cittadini, che vogliono prendersi cura dei beni comuni.

Labsus, a tal proposito, ha promosso l’avvio di un progetto, la ” Scuola di manutenzione civica ” che coinvolge gli studenti del Liceo Farnesina e Righi di Roma, affinchè siano, in prima persona, responsabili dei propri spazi: l’iniziativa prevede il ruolo attivo dei ragazzi, che decideranno in che modo gestire, valorizzare e condividere la loro struttura.

La scuola, quindi, può diventare un laboratorio concreto nel quale esercitare pratiche di cittadinanza attiva: gli studenti, responsabilizzati e liberi di dare sfogo alla propria creatività , cominciano ad occuparsi della piccola manutenzione del proprio edificio scolastico e della conservazione delle strutture; le istituzioni concretamente coinvolgono gli studenti e rendono più efficace la gestione di strutture pubbliche.



Lascia un commento