Fondazioni di origine bancaria, onlus e volontari insieme per Haiti
Notizie

” Crescere insieme, nutrirsi bene ”

Aiuti economici e non solo

Parte il progetto “Crescere insieme, nutrirsi bene”, finanziato da Fondazioni di origine bancaria, con il patrocinio dell’Acri, l’associazione che le rappresenta collettivamente, e con la collaborazione al progetto di Fondazione AVSI, Fondazione Rava NPH Italia Onlus e Oxfam Italia.
Il progetto di lotta alla malnutrizione a Haiti coinvolgerà 60mila abitanti, abbracciando un’area che copre sia la capitale che la zona rurale di Les Cayes.

Il progetto, finanziato per 772mila euro da fondazioni di origine bancaria, vuole fornire alla popolazione di Haiti non solo cibo e soldi, ma la possibilità di ricominciare a produrre e vendere da soli almeno una parte degli alimenti di cui hanno bisogno.
Il progetto, infatti, coinvolge oltre le tre Ong realizzatrici del progetto anche organizzazioni locali ed è mirato alla responsabilizzazione della popolazione locale riguardo la produzione degli alimenti ed anche il loro consumo, sfruttando e valorizzando le competenze locali.

“Crescere insieme, nutrirsi bene”

Le iniziative sono divise in vari settori a partire da quello nutrizionale e sanitario.
Oltre a curare la popolazione malnutrita, in particolare i bambini, attraverso centri nutrizionali e sanitari, progetti di educazione alimentare e distribuzione di alimenti nelle scuole verranno costruiti e avviati 3 centri nutrizionali a Portu-au-Prince, equipaggiati 9 centri di salute a Les Cayes e formate 15 persone in campo medico.
Terminata la costruzione e la formazione del personale, seguendo l’obiettivo principale del progetto, i centri nutrizionali e sanitari saranno affidati alla gestione autonoma del personale locale.

Nelle scuole

Il progetto si estende anche alle scuole, dove i bambini oltre a ricevere cure mediche possono mangiare,spesso, l’unico pasto della giornata.
Non solo, ma parte del cibo utilizzato nelle scuole sarà prodotto a Francisville dove grazie alle conoscenze apprese nei corsi di educazione alimentare e nei laboratori lavorano ex ragazzi di strada.

Altri settori

Nel settore agricolo è prevista la costruzione di 1 vivaio, 2 campi dimostrativi, 1 magazzino e 1 impianto per la trasformazione della frutta tramite la collaborazione tra Oxfam Italia e ong locali, Graphes e Kokam.
Anche in questo caso, una volta costruite e avviate le attività, verranno affidate a Recocas, un ong locale, che ne assumerà la gestione.



Lascia un commento