Il bisogno di senso si costruisce a partire dall ' attenzione agli altri
Sostenibilità

Aiutare gli altri fa vivere meglio!

Il segreto dell ' elisir di lunga vita

Un articolo apparso sul Wall Street Journal ha reso noti i risultati di una serie di studi che hanno dimostrato come dare un senso alla propria vita attraverso la cura dei figli, lo svolgimento di un ' attività che appassiona ed è anche socialmente utile, aiuta a vivere più a lungo e a conservare una certa vivacità mentale.
Tali studi si inseriscono in un più ampio dibattito sul significato da attribuire al benessere e alla felicità all ' interno delle società contemporanee. Molte sono le iniziative in corso che nel giro di pochi anni dovrebbero produrre nuovi strumenti metodologici per misurare tali valori, fornendo una base scientifica a quello che si preannuncia come un mutamento culturale di lungo periodo.

Eudemonisti vs. Edonisti


Tutto dipende dalla nozione di felicità alla quale facciamo riferimento. Gli studi parlano infatti di un ” benessere eudemonistico ” idealmente contrapposto ad un ” benessere edonistico ” , di solito identificato con la felicità .
Secondo la tradizione greca, la parola ” eudaimonia ” significa ” vivere secondo un buon demone ” , uno spirito guida positivo che spinge a cercare il bene invece del male. E’ qualcosa di diverso dall’edonismo, in quanto come affermava Aristotele, gli individui possono raggiungere uno stato di eudemonia valorizzando il proprio potenziale e vivendo in modo virtuoso, qualcosa quindi di molto diverso da ciò a cui noi oggi associamo l’idea di felicità .

Dare un senso alla vita

Studi condotti nel campo di quella che viene definita la ” psicologia positiva ” hanno evidenziato come le persone che si concentrano sul dare un senso alla loro vita, è più probabile che invecchiando si mantengano attivi sul piano intellettivo, conservino una salute mentale e addirittura vivano più a lungo di coloro che si concentrano sulla ricerca di una felicità individualisticamente intesa.
Il piacere derivante da un buon pasto, dalla visione di un bel film o da un successo nello sport – definito ” benessere edonistico ” ha una breve durata; al contrario, allevare i propri figli, fare volontariato, aiutare gli altri potrebbe essere meno piacevole nel breve periodo, ma nel lungo periodo dà un senso di appagamento e di piena realizzazione di sé.

Oltre i valori materialistici

Dati statistici pubblicati nel 21 sulla Clinical Psychology Review, da un team di studiosi della San Diego State University dimostrano che dal 1938 al 27 sono aumentate tra gli studenti dei college americani la depressione, la paranoia e le psicopatologie in genere. Ciò sarebbe dovuto all’enfasi posta dalla cultura americana sui valori materialistici e sullo status, elementi che hanno a che vedere con il benessere edonistico, facendo passare in secondo piano l’attenzione allo spirito di comunità e al senso della vita.



Lascia un commento