I cittadini si riappropriano degli spazi verdi del quartiere, sottraendoli all'abbandono e alla speculazione
Notizie

Orto insorto al Quadraro

Un'assemblea pubblica presenterà il lavoro di cittadini e volontari

I cittadini del Quadraro, Vigne e Torpignattara hanno lavorato per più di un mese alla riqualificazione di un terreno abbandonato appartenente all'INPS, esclusivamente con il proprio impegno e l'autofinanziamento. Hanno dato vita ad un orto urbano autogestito, racchiuso in uno spazio verde aperto a tutti. Domenica 27 marzo, dalle 11.00, tutti i cittadini potranno visitare e conoscere questa nuova realtà, e ne discuteranno poi in un'assemblea pubblica alle 15.00, in Via degli angeli.

Domenica 27 marzo dalle ore 11. verrà raccontata l’eseperienza di donne, uomini, ragazzi e bambini che hanno lavorato alla riqualificazione di un terreno dell’INPS, posseduto dall’ente pubblico sin dal 1979 e accatastato da trentadue anni come orto irriguo, che versava in stato di abbandono, adibito a discarica e perciò colmo di spazzatura.

Alcuni cittadini residenti al Quadraro, Vigne e Torpignattara per più di un mese si sono impegnati nella bonifica del terreno, con l’obiettivo di restituire al quartiere un orto urbano, pubblico e condiviso, uno spazio verde aperto a tutti: l’impresa è stata compiuta grazie al lavoro volontario e all’autofinanziamento dei cittadini.

È lo stesso comitato organizzatore che afferma di aver agito per ripensare il rapporto tra uomo e ambiente, valorizzando ciò che il quartiere offre senza dover fare compromessi politici, elettorali o commerciali.

Ciò che ha spinto tante persone ad un impegno così lungo e faticoso, sicuramente pieno di soddisfazioni, è infatti il timore fondato che il terreno possa essere oggetto di interessi speculativi e diventare moneta di scambio e compromesso tra gruppi di potere politico ed economico.

I progetti di riqualificazione urbana previsti per l’orto ora occupato non hanno convinto il comitato di quartiere, che ha deciso di intervenire e coinvolgere i cittadini stessi, che il quartiere lo vivono e ne conoscono caratteristiche e necessità.

Questa domenica, alle 15., vi sarà poi un’assemblea pubblica nella quale verrà illustrato il progetto dell’orto comune. Il messaggio che il comitato civico intende lanciare è chiaro: solidarietà, condivisione e senso civico devono ispirare la gestione dell’orto comune, sottratto all’abbandono e alla speculazione.



Lascia un commento