Un parco voluto e realizzato, con il sostegno dell'amministrazione comunale, dai volontari residenti nel quartiere
Notizie

Soave; un parco per il quartiere realizzato dai residenti

L ' ennesimo esempio, più o meno consapevole, di sussidiarietà  orizzontale

04_27_are_f1_433_mediumNel comune di Soave, in provincia di Verona, è stata inaugurata un'ampia area verde, recuperata dal degrado grazie all'impegno del comitato cittadino e dell'amministrazione locale.

Progetti simili si moltiplicano sul territorio nazionale, la nostra sezione "casi" ne fornisce un'ampia catalogazione.

Il 4 settembre scorso alla presenza del Sindaco, della giunta comunale e di numerosi cittadini del quartiere dei Musicisti, si è proceduto all’inaugurazione del parco voluto e realizzato, con il sostegno dell’amministrazione comunale, dai volontari residenti nel quartiere; il Consiglio di Soave ha deciso di intitolarlo a papa Giovanni Paolo II.

Quella che fino a qualche tempo fa era uno zona abbandonata, più simile ad una discarica che ad un’area verde, si è trasformata in un parco polifunzionale di circa 8 mila metri quadrati a disposizione dei cittadini, che hanno dimostrato la volontà  concreta di riappropriarsi dello spazio che vivono quotidianamente.

La riqualificazione ha avuto inizio con la costituzione del comitato cittadino coordinato da Giorgio Ambrosi e Luciano Ambrosini.

I residenti hanno messo a disposizione spontaneamente e gratuitamente la loro manodopera ed il loro tempo per valorizzare l’area in questione; l’amministrazione comunale ha deciso di accogliere la richiesta dei volontari fornendo il materiale e l’attrezzatura necessaria.

Dopo mesi di intenso lavoro, ora gli abitanti del quartiere, con soddisfazione, potranno godere letteralmente dei frutti del loro impegno; il parco è diviso in due zone: in una è stato realizzato un parco giochi per bambini (giostre, altalene, scivoli, molle), mentre l’altra, la più estesa, presenta un percorso pedonale illuminato, con panchine in pietra ed alberi ad alto fusto lungo la strada.

“Siamo grati al gruppo di residenti che si sono impegnati per recuperare questo parco pubblico, che ora è a disposizione di tutti”, sottolinea l’assessore ai lavori pubblici, Silvio Camponogara, “all’interno del quale abbiamo ritagliato anche un tappeto verde per l’attività  sportiva, in particolare per giocare a calcio”.

“Uno spazio pubblico a disposizione di bambini, giovani, anziani ed adulti, strappato all’incuria”, il commento finale di Tebaldi, vicesindaco con delega all’ambiente e Camponogara.

Necessità  di beni comuni e di una visione collettiva

L’iniziativa di Soave riassume il principio di sussidiarietà  orizzontale che sosteniamo, una relazione attiva tra amministrati ed amministratori a tutela dell’interesse generale e quindi dei beni comuni; la collaborazione tra cittadini favorisce inoltre la formazione di quel senso di comunità  e di collettività  basilare per la comprensione del concetto stesso di bene comune.

Sempre più spesso i cittadini dimostrano la tendenza a condividere gli spazi e a ricercare soluzioni comuni, non solo per necessità , ma perché ritengono sia il modo migliore per convivere, noi siamo convinti che il principio di sussidiarietà , nel modo in cui lo intendiamo, possa dare un ulteriore slancio ed alimentare questa visione collettiva.

La nozione di bene comune, condiviso e soprattutto accessibile diventa quindi centrale, per un approfondimento sul tema rimando all’editoriale del professor Gregorio ArenaBeni comuni. Un nuovo punto di vista” e al complesso lavoro di Carlo Donolo.



Lascia un commento