Mostrarsi responsabili delle terra significa prendersi cura dei beni comuni
Recensioni

C’è vita nella terra!

La natura come bene comune per eccellenza

Si parla sempre di ciò che accade sulla Terra e mai di quest ' ultima in quanto tale. Viceversa, leggere " La pelle del pianeta " è come fare un ' escursione nella terra, per perdersi nei meandri dei suoi misteri. Ma anche per acquisire la consapevolezza che il pianeta che popoliamo ha bisogno del nostro rispetto poiché " queste terre non sono eterne. Tutt ' altro. " E allora sta a noi prendercene cura affinché si conservino intatte il più a lungo possibile.

” Un tempo era normale che un buon contadino comprendesse le proprietà della terra assaporandone un pezzetto in bocca ” . Oggi non più.

E’ da costatazioni solo apparentemente semplici come questa che prende le mosse ” La pelle del pianeta. Storia della terra che calpestiamo ” , ultima fatica letteraria di William Bryant Logan. Attraverso racconti di vita vissuta e aneddoti tratti dalla storia, cosìcome della mitologia, l’autore narra della Terra, intesa non solo come pianeta ma anche come elemento vitale. Meglio, ci spiega la vita che è nella terra, ben sapendo che la maggior parte di noi non è solito porsi interrogativi in proposito.

Madre Natura a … New York


Eppure – è questo il messaggio sotteso – la terra è vita. La nostra. E Logan ce lo dimostra raccontandoci la storia di Clyde. Precipitato da un impalcatura a New York, Clyde è costretto ad un riposo forzato per diverse settimane, durante le quali nel cassone del suo pickup, tra pezzi di legno, foglie secche e una marea di rifiuti, cresce una piccola foresta. Anche nel bel mezzo di una metropoli, dunque, ” all’aria aperta e all’umido, il motore di Madre Natura gira a meraviglia ” .

Allora la domanda è ” come si può vivere la propria vita camminandoci sopra senza meravigliarsene ” ? E, soprattutto – ci permettiamo di aggiungere – senza averne cura?

Semplici meraviglie

La verità , osserva Logan, è che abbiamo rinunciato a molto inseguendo il miraggio della conoscenza e ora ci sfuggono le cose più semplici, ma non per questo meno importanti. Sarà capitato a molti di esclamare: ” ero passato di lìun sacco di volte in macchina, con gli occhi fissi sulla strada, ammirando distrattamente le bellezze della natura, ma senza mai osservarle per davvero ” . Cosìcome può capitare che ci sia un bell’albero proprio fuori dalle finestre della nostra casa e di non notare come esso cambi giorno dopo giorno. Come i fiori si tramutino in frutti e come, ad un certo punto dell’anno, le foglie inizino a cambiare colore fino a cadere dai rami, per poi comparire di nuovo e tornare a fiorire.

San Foca e la terra come bene comune

Nulla a che vedere,dunque, con quanto si narra a proposito di San Foca L’Ortolano, diventato patrono dei giardini perchè, parseguitato a causa della sua fede cristiana, secondo la leggenda, scelse di farsi seppellire nel proprio giardino cosìda tramutarsi in compost e restituire alla terra “quel corpo che ne aveva tratto sostentamento”. Quanto ci sia di fantasioso in questa storia non è dato saperlo, di certo tuttavia, un pò come nelle favole di Esopo, ciò che dobbiamo ricavarne è la morale. Il fatto che la natura debba essere il nostro metro di paragone e che “mostrarsi responsabili nei confronti della terra significa ricambiare i suoi doni con i nostri”. Singifica, in definitiva, prendersi cura di un bene comune.

W. B. Logan

La pelle del pianeta. Storia della terra che calpestiamo, ed. Bollati Boringhieri, 211.



Lascia un commento