Il progetto mira al raggiungimento di un ' effettiva integrazione economica e sociale nel nostro Paese
Notizie

Start it up!

Immigrati ed imprenditoria

immigrazionePromosso dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con Unioncamere, il progetto " Start it up " permetterà a 400 immigrati extracomunitari di acquisire adeguate competenze manageriali che gli consentano di avviare un ' attività imprenditoriale.

L’imprenditoria straniera è un settore in costante crescita che, in questa fase di profonda crisi, può rivelarsi un elemento fondamentale per lo sviluppo dell’economia nazionale ma anche utile strumento di misurazione della qualità dell’integrazione e della mobilità sociale dei cittadini dei paesi terzi.

L’iniziativa si rivolge infatti agli immigrati provenienti dai Paesi non appartenenti all’Unione Europea ed in possesso di regolare permesso di soggiorno e mira al raggiungimento di un’effettiva integrazione economica e sociale nella nostra comunità , attuabile attraverso la realizzazione di un percorso di orientamento – formazione – affiancamento per la redazione del business plan che volga all’acquisizione delle necessarie competenze settoriali.

Claudio Gagliardi, Segretario Generale di Unioncamere, informa che le Camere di Commercio stanno offrendo il proprio sostegno per la creazione di nuove imprese attraverso la semplificazione amministrativa, l’offerta di servizi di accompagnamento e di diffusione della cultura imprenditoriale. Il progetto mira anche alla sensibilizzazione degli enti istituzionali e del partenariato economico e sociale affinché offrano la propria collaborazione alla nascita di nuove attività economiche gestite da cittadini stranieri.

Ogni Camera di Commercio promuoverà inoltre seminari formativi sull’imprenditorialità che permettano a coloro che hanno aderito a “Start it up” di approfondire le proprie conoscenze sulle tematiche basilari per la creazione d’impresa (forma giuridica e adempimenti amministrativi, il mercato di riferimento, aspetti economico-finanziari).

Questo progetto, tanto sperimentale quanto innovativo, potrebbe rivelarsi uno strumento utile alla riapertura delle discussioni circa la politica per l’immigrazione: ci si dovrebbe interrogare sulle modalità di attrazione di talenti, di persone qualificate che possano ricoprire ruoli di alta responsabilità . Esigenza fondamentale per tutte le imprese che mirino ad inserirsi sul mercato mondiale.



Lascia un commento