"Proteggere gli asset pubblici locali in tempi difficili" sarà il tema del terzo ed ultimo appuntamento
Notizie

Turin School of Local Regulation

I corsi brevi dell ' executive education programme per la stagione autunnale

Nata per iniziativa della Fondazione per l'Ambiente, in collaborazione con la Camera di commercio di Torino, la TSLR a partire dal 2009 ha voluto porsi come punto di riferimento a livello internazionale per gli studi sulla governance locale. L'obiettivo della scuola è, infatti, quello di offrire ai suoi partecipanti gli strumenti idonei a interpretare e a regolare la gestione dei servizi pubblici locali, attraverso esperienze educative internazionali e di capacity building ad alti livelli, con un approccio orientato alle policy.

Qui di seguito vi segnaliamo le iniziative della TSLR per la stagione autunnale 212, che avranno inizio a partire dal mese di ottobre. Coerentemente agli obiettivi perseguiti dalla scuola, lo studio di casi selezionati sostituirà l’approccio didattico-manualistico, applicando le principali teorie e strumenti alle singole realtà presentate.

Il programma

8-19 Ottobre 212: Giving to the poor and the needy in urban contexts

Un approfondimento su come gli strumenti di aiuto economico condizionato (conditional cash transfer) possono contribuire a ripensare le politiche locali del welfare. (Lingua del corso: inglese)

8-9 Novembre 212: Project finance and regulation of local services and infrastructures: a challenging relationship?

Una panoramica sulle ampie implicazioni che la presenza – o assenza – della regolazione economica locale nel settore degli investimenti può influire sul project finance. (Lingua del corso: inglese)

Infine vi segnaliamo il terzo ed ultimo appuntamento, l’unico che si svolgerà in lingua italiana:

15-16 Novembre 212: Proteggere gli asset pubblici locali in tempi difficili: gestione, privatizzazione, finanziamento, capital markets.

Due giorni di approfondimento per una più attenta valutazione dei margini non sfruttati di rendimento degli asset locali, o quella di dismissioni efficaci, e valutare gli strumenti istituzionali e finanziari a disposizione.

In quest’ultima occasione sarà affrontato il tema divenuto centrale nel dibattito pubblico italiano a seguito del referendum sull’acqua pubblica e dalle dichiarazioni del Premier Monti sulla dismissione dei beni pubblici. Premessa fondamentale allo sviluppo delle riflessioni del corso, sarà l’attenta e analitica distinzione, con ovvie implicazioni politiche, tra beni comuni, beni pubblici e beni privati in mano pubblica.

Per maggiori informazioni sui programmi dei corsi, le modalità di iscrizione e i corsi, visitare la pagina www.turinschool.eu/eep o scrivere a: eep@turinschool.eu



Lascia un commento