Un ' occasione per istituzioni e cittadini di tutt'Europa, per promuovere i propri obiettivi volti ad incrementare la mobilità sostenibile e la qualità della vita
Notizie

European mobility week 2012

La settimana europea della mobilità approda in ottantadue città italiane

european_mobility_weekIn migliaia a piedi e in bicicletta hanno salutato a Bruxelles l ' apertura della Settimana europea della mobilità sostenibile. Dal 16 al 22 settembre, in Italia, 82 città vi hanno partecipato, programmando sette giorni di incontri, dibattiti, manifestazioni e iniziative di vario genere, come gli sconti sui mezzi pubblici e il blocco del traffico nelle zone centrali, per sensibilizzare la comunità e diffondere modelli alternativi di trasporto.

Si è conclusa sabato scorso, l’undicesima edizione della Settimana europea della mobilità sostenibile, promossa dalla Commissione Europea, che si è svolta dal 16 al 22 settembre 2012, impegnando numerose città nella promozione e diffusione di nuovi modelli di mobilità , più rispettosi dell’ambiente e della qualità della vita. Un appuntamento di respiro internazionale che ha l’obiettivo di incoraggiare i cittadini all’utilizzo di mezzi pubblici o biciclette, incentivando dunque i mezzi di trasporto alternativi.
La possibilità di rendere più sana e sicura la vità all’interno delle aree urbane, e migliorare al tempo stesso quello che viene definito il bilancio energetico del sistema dei trasporti, riducendo le emissioni di gas, l’inquinamento acustico e la congestione, che giocano un ruolo importante per il benessere fisico e mentale della collettività , diventa realtà nel momento in cui si differenziano e migliorano le modalità di spostamento a livello locale.
Il contesto urbano rappresenta infatti la sfida maggiore per la sostenibilità , specialmente nel nostro Paese, dove sono ancora poche le infrastrutture necessarie per una scelta diversa da parte del cittadino, e dove ci vorrebbero piste ciclabili e limiti di velocità più severi, come propongono ad esempio i membri del comitato Salvaiciclisti, e una rete di trasporto pubblico efficiente e adeguato al numero di abitanti delle diverse città .
Il primo passo è dunque quello della duplice sensibilizzazione di cittadini ed amministratori, che ancora non si dimostrano particolarmene attenti a questo tema. Ed è di questo primo passo che si occupa la Settimana Europea, che oltre ad essere un chiaro esempio di come un’istituzione più grande, in questo caso la Commissione Europea, può incoraggiare ed agevolare l’azione a livello locale, è stata l’occasione, per i Comuni, che ha permesso di presentare proposte alternative e sostenibili ai cittadini e ottenere da questi un utile feedback.

Undicesima edizione

Quest’anno l’argomento scelto dalla Comunità Europea è ” Muovendosi verso la giusta direzione ” , che intende evidenziare il ruolo della pianificazione integrata per la realizzazione di un sistema di mobilità sostenibile efficiente in ambito urbano.
In occasione dell’evento, l’UITP (International Association of Public Transport) ha riaffermato l’esigenza di politiche che prevedano investimenti nel trasporto pubblico per decongestionare i centri urbani, dove si stima che, entro il 2020, vivrà l’8 per cento della popolazione europea. Sul sito del Ministero dell’Ambiente si legge che l’adesione all’iniziativa si è rinnovata anche quest’anno, attraverso le istituzioni locali degli ottantadue comuni aderenti che, condividendo gli obiettivi posti dalla Commissione Europea, hanno svolto un ruolo di coordinamento nazionale e di supporto alle iniziative ed eventi promossi dalle associazioni.
La Settimana ha dunque rappresentato un’occasione per le istituzioni, le organizzazioni e le associazioni di tutta Europa per promuovere i propri obiettivi volti ad incrementare la mobilità sostenibile e la qualità della vita, per condividere i diversi punti di vista e per diffondere e promuovere una diversa cultura del muoversi, per accrescere sempre più la consapevolezza nei cittadini e cambiarne le abitudini.



Lascia un commento