Bici sempre più in competizione con le automobili
Notizie

Il boom delle biciclette elettriche

Entro il 2012 saranno 30 milioni in tutto il mondo

14.EurobikeVuoi per scelta, vuoi per necessità , il futuro sembra portare verso le due ruote. I forti aumenti del prezzo dei carburanti registrati negli ultimi anni, infatti, stanno spingendo un numero crescente di persone a preferire le biciclette alle automobili, con notevoli benefici per ambiente, salute e vivibilità urbana.

I dati parlano chiaro: con una crescita annua prevista del 7,5 percento all’anno tra il 212 e il 218, per una stima di 47 milioni di mezzi in circolazione entro 6 anni e un fatturato annuo di di 12 miliardi di dollari, il settore delle e-bike (o biciclette elettriche) è in forte espansione. Sempre più all’avanguardia e con tecnologie che le rendono ogni giorno più paragonabili quanto meno a delle motociclette (vedi ad esempio il sensore che cambia marcia automaticamente in base alle necessità ), le biciclette elettriche si propongono con forza come alternative alle automobili.

Rispetto alle biciclette tradizionali, questi mezzi hanno il vantaggio di poter essere utilizzati per coprire distanze maggiori, permettendo così, anche a coloro che hanno l’ufficio a 1-15 chilometri da casa, di raggiungerlo in tempi ragionevoli e con un minore dispendio di energie. Infatti, anche dove le strade lo permetterebbero, molti individui continuano a preferire un mezzo inquinante per via della sudata che la bici richiede, inevitabile in un mese estivo. A tutto beneficio della salute, dell’ambiente e della vivibilità urbana, invece, da alcuni anni si stanno diffondendo le cosiddette e-bike che, grazie all’ausilio di un motorino elettrico che assiste la pedalata, garantiscono a un numero maggiore di persone la possibilità di presentarsi dal capo in una condizione decente ma, soprattutto, di rinunciare all’automobile.

Ora, non ci si può certo aspettare che tutto il mondo cominci a muoversi in bicicletta, ma l’auspicio è che tutti coloro che siano nelle condizioni di poterlo fare facciano questa scelta. I centri storici delle città ringrazieranno, e la salute e l’ambiente certamente ne trarranno giovamento. Nell’attesa, c’è già chi ha fatto dei passi avanti. Senza contare i Paesi Bassi, dove quasi uno spostamento su tre in città avviene per mezzo delle due ruote, è davvero impressionante la diffusione delle piste ciclabili in Germania, dove si arriva a 4mila chilometri di lunghezza complessiva (come la rete ferroviaria)!

E forse non è un caso che Eurobike, il più importante salone del ciclo, atteso dagli appassionati come quello dell’auto di Parigi, si tenga proprio in Germania, a Fridrichshafen dal 29 agosto al 1 settembre.



Lascia un commento