"In quanto pubblica amministrazione, abbiamo deciso semplicemente di non applicare alcun ricarico alle forniture di gasolio"
Notizie

La benzina costa meno

Contro il caro del carburante arrivano i distributori comunali.

Una pratica che sta prendendo piede poco alla volta in diversi comuni italiani, quella dei distributori comunali di carburante, in cui i costi superflui vengono abbattuti e la benzina costa meno. Labsus ha intervistato i sindaci dei primi tre comuni che si sono impegnati nella realizzazione di questo nuovo servizio: Pollica in Campania, Cortino e Pizzoferrato, in Abruzzo.

Contro il caro benzina, alcuni piccoli comuni si sono adoperati per far pesare meno nelle tasche dei propri cittadini, il costo sempre più alto dei rifornimenti di carburante. Così, arrivati ad oltrepassare quella che in molti chiamano “la soglia psicologica dei due euro al litro”, da un lato aumentano le proposte di mobilità alternativa, come quella di Salvaiciclisti (di cui Labsus si è occupato la scorsa settimana), dall’altro si diffondono pratiche di risparmio amministrato dagli stessi comuni. I casi presi in riferimento sono stati i primi tre nel territorio nazionale e sono riportati di seguito in ordine cronologico.

Pizzoferrato: il primo modello

Il primo caso in Italia di un distributore comunale di benzina è stato infatti a Pizzoferrato, paese in provincia di Chieti. L’impianto, inaugurato il 24 gennaio 26 col nome di “Pizzoil”, vendeva carburante a prezzo ridotto, ai residenti di Pizzoferrato e degli altri otto paesi della comunità montana che avevano partecipato all’accordo di programma. Nel 27, il sindaco Palmierino Fagnilli, ha raccontato in una trasmissione di Rai Uno che “nel paese non c’era nessun distributore di benzina e che nessuna societa’ petrolifera era disposta ad impiantarne uno, cosi’ abbiamo deciso di metterci in proprio ed abbiamo fondato la ‘Pizzoil’. Non e’ stato facile – ha continuato il primo cittadino di Pizzoferrato – ma adesso abbiamo il nostro distributore ” . Un distributore dove la benzina costava da 1 a 2 centesimi di meno al litro, a seconda dell’oscillazione del prezzo di mercato. La distribuzione però, essendo gestita direttamente dall’allora sindaco Palmierino Fagnilli, ha avuto uno stop nel giugno 27, a causa della caduta della giunta. L’impianto è tornato in attività a novembre 28, non più gestito dal sindaco, ma da un esterno, mantenendo comunque i prezzi contenuti, perché il progetto non aveva lo scopo di produrre reddito, ma solo di coprire i costi di gestione.

Cortino: copiando s’impara…e si migliora

In questo comune abruzzese, che ha saputo ben replicare quest’estate l’iniziativa del non lontano comune di Pizzoferrato, il distributore comunale è stato finanziato grazie al mutuo concesso dalla cassa depositi e prestiti (pari a € 12.), di cui ogni anno si pagherà la rata maturata, e al preziodo contributo del B.I.M. (il consorzio dei comuni del Vomano e Tordino e della provincia di Trento), pari a € 32., previsti per la spesa relativa alla tettoia.

“Il principio per cui paghiamo meno il carburante – spiega il sindaco Gabriele Minosse – è quello del preventivo per l’acquisto eseguito di volta in volta; non compriamo il materiale dalle classiche compagnie, quindi possiamo permetterci di fare un bassissimo ricarico. Inoltre il Comune non deve necessariamente guadagnare, in quanto il distributore, che è gestito direttamente dal Comune, è completamente automatico, quindi non c’è personale da pagare”. Tramite una tessera prepagata, i cittadini residenti a Cortino o i proprietari di un’abitazione all’interno del comune pagheranno cosìil carburante al prezzo di costo.
Un servizio creato per i cittadini, in cui proprio la collaborazione tra i cittadini membri del consorzio e il comune di Cortino, è stata fondamentale per la realizzazione del distributore.
Pollica: un distributore per il porto
Nel Cilento invece, il distributore è stato realizzato mediante l’uso di fondi europei del programma FEP – Fondo Europeo per la Pesca (che finanzia e sostiene le necessarie ristrutturazioni correlate all’evoluzione del settore) e grazie al finanziamento per il 2% del Comune di Pollica, mediante l’accensione di un mutuo. “Per quanto concerne il meccanismo di risparmio – ci spiega il sindaco Stefano Pisani – è molto semplice: infatti, non essendo legati alla pura logica del profitto in quanto pubblica amministrazione, abbiamo deciso semplicemente di non applicare alcun ricarico alle forniture di gasolio agevolato per la pesca e di ricaricare meno quello per il diporto.” Il servizio infatti, gestito mendiante personale dipendente del Comune, per ora è dedicato esclusivamente al diporto e non è utilizzabile per le autovetture “ma questo solo perché posizionato in area portuale”, precisa il Sindaco.

Una prima prova dunque più limitata, quella del comune salernitano, che magari potrà pensare in futuro di ampliare il bacino d’utenza del servizio, offrendolo ad un numero maggiore di cittadini.



Lascia un commento