Nell ' universo mediatico, la comunicazione è uno dei principali fattori strategici per lo sviluppo dell ' organizzazione di ciascuna associazione
Cultura

Manuale di identità visiva per il non profit

Il "Manuale dell'identità visiva per le associazioni non profit", curato da Antonino Santomartino e Marco Binotto, è un progetto di Studio Idea Comunicazione in collaborazione con il Dipartimento di comunicazione e ricerca sociale - Sapienza Università di Roma.

Il volume, recentemente edito da Logo Fausto Lupetti Editore, si rivolge prevalentemente agli esperti di comunicazione e agli operatori nel settore non profit ed elabora un modello progettuale volto ad individuare gli elementi visivi che caratterizzano le associazioni e sono in grado di definirne l’identità . Il punto di partenza della riflessione degli autori è il mancato investimento delle associazioni non profit nella “comunicazione di impresa”, in particolare nella comunicazione “visiva”.
Attraverso il Progetto di identità visiva, quindi, si delineano le regole per individuare i colori sociali, i caratteri tipografici e in generale lo stile comunicativo che definiscono ciascuna associazione. Tale progetto costituisce uno strumento fondamentale per la comunicazione esterna anche nel settore non profit. E proprio il raffronto con la comunicazione di impresa consente di affrontare il tema della comunicazione delle organizzazioni non profit sia sotto un profilo teorico che pratico. In primo luogo, infatti, si pone la riflessione sulla centralità dell’identità e della sua comunicazione per le organizzazioni contemporanee. In questo contesto gli strumenti dell’identità visiva risultano originali e necessari e costituiscono il fondamento per definire l’appartenenza all’associazione e per l’edificazione del capitale sociale. In un secondo momento, poi, l’analisi si estende alla riflessione sul rapporto tra identità e immagine nella comunicazione d’impresa: il Progetto di Identità Visiva si pone come un modello comunicativo creato appositamente per il variegato mondo del Terzo Settore.

La definizione esatta dell’identità delle organizzazioni non profit cosìcome la loro puntuale comunicazione sono l’imprescindibile fondamento per il loro riconoscimento. Nell’universo mediatico, infatti, la comunicazione è uno dei principali fattori strategici per lo sviluppo dell’organizzazione di ciascuna associazione.
Mentre nel settore dell’impresa è pacifico l’assunto per cui attraverso la comunicazione si minimizza la distanza tra identità e apparenza, nel Terzo settore tale riflessione stenta ad affermarsi, sia per ragioni economiche che culturali. Le organizzazioni non profit più piccole e meno affermate tendono, pertanto, a non dotarsi di strumenti e strategie comunicative idonee a definirne l’identità e renderle ben visibili all’esterno.
La soluzione proposta dagli autori è il Progetto di Identità Visiva, il quale si pone come un compendio degli elementi di base della comunicazione visiva, e rappresenta il pilastro intorno al quale ogni organizzazione, grande o piccola, può costruirsi gradualmente un’immagine coerente con la propria identità e compiere cosìun progresso decisivo, anche a fini promozionali e di raccolta fondi.

SANTOMARTINO A., BINOTTO M. (a cura di), Manuale dell’identità visiva per le associazioni non profit, Logo Fausto Lupetti Editore, 2012.



Lascia un commento