L'obiettivo di LabGov è quello di formare una figura professionale inedita nel panorama italiano, quella dei " professionisti della cura condivisa dei beni comuni "
Effetto Labsus

LabGov: un territorio inesplorato del mondo del lavoro

Il Laboratorio per la Governance dei Beni Comuni si presenta

Logo_LabGovVenerdì10 maggio, alle ore 17.00, presso l'aula 406 della sede LUISS Guido Carli di Viale Romania, verranno presentati i risultati della prima edizione di LabGov - Laboratorio per la Governance dei Beni Comuni, istituito presso il Dipartimento di Scienze politiche della LUISS Guido Carli.

L’obiettivo di LabGov è quello di formare una figura professionale inedita nel panorama italiano, quella dei ” professionisti della cura condivisa dei beni comuni ” , persone in grado di operare nelle amministrazioni pubbliche, nella società , nelle imprese, nel terzo settore valorizzando l’enorme patrimonio rappresentato dal capitale sociale presente in tutte le comunità locali.

LabGov punta a creare tra cittadini, imprese e amministrazioni un rapporto nuovo, fondato sull’amministrazione condivisa delle risorse che ciascuno di questi soggetti può mettere in campo in vista della tutela dell’interesse generale, dando cosìvita anche ad un nuovo paradigma economico fondato sulla tutela e la valorizzazione dei beni comuni.

LabGov ha anche intenzione di costituirsi come soggetto e di proporsi come un centro di ingegneria/progettazione sociale che svolga attività di ricerca-azione, formazione-intervento e incubazione di “start-up a vocazione sociale” in materia di beni comuni.

Il primo riconoscimento dello sforzo degli studenti del Laboratorio è rappresentato dalla sottoscrizione di un accordo di partenariato con Roma Capitale per aiutare l’amministrazione comunale a ripensare se stessa in un’ottica di amministrazione condivisa e di facilitazione dell’economia dei beni comuni. Labsus – Laboratorio per la sussidiarietà sosterrà LabGov con l’obiettivo di sottoporre il progetto a una campagna di fundraising e lavorare alla costruzione di una rete di alleanze con soggetti interessati a sostenere gli obiettivi di LabGov.

Nell’ambito della presentazione verrà illustrato, fra gli altri, anche il progetto Reti Scuole Attive che mira a diffondere all’interno delle scuole la cultura della sussidiarietà orizzontale, della cittadinanza attiva e della cura condivisa dei beni comuni, attraverso la sperimentazione di azioni concrete volte al recupero degli spazi scolastici, interni o esterni, o di specifiche aree del quartiere realizzando attività di manutenzione e valorizzazione. Saranno proprio alcuni studenti del gruppo di LabGov, a scegliere i progetti di cura condivisa da realizzare in “rete” con altri istituti presenti nel territorio e interessati all’iniziativa.

Il programma dell’evento:

17.00 Registrazione e apertura

17.15 Presentazione LabGov a cura degli studenti membri di LabGov, con Giusy Buscemi, Miss Italia 2012, madrina dell’evento ed emblema di un’Italia bella

Firma dell’accordo di partenariato con Roma Capitale per il progetto PICA (Percorsi Innovativi di Cittadinanza Attiva). Sarà presente Damiano Colaiacomo, Direttore del Dipartimento Risorse Umane di Roma Capitale

17.45 “Accogliere e raccogliere”, feedback e spunti di riflessione. Ne parliamo con:

Marina Migliorato, Head of CSR Enel Spa,

M. Benedetta Francesconi, Dirigente Divisione XI Politiche per i Settori industriali del Made in Italy del Ministero dello Sviluppo Economico e Responsabile del Segretariato PCN OCSE,

Giovanni Lo Storto, Vice-direttore generale LUISS Guido Carli

Intervengono Maria Teresa Rosito, Vicepresidente Labsus e Christian Iaione, Direttore Labsus

18.30 Dibattito

18.50 Conclude Gregorio Arena, Presidente Labsus

19.00 Fine lavori e aperitivo



Lascia un commento