I manifestanti puliscono Piazza Taksim
Notizie Notizie

Gezi Park: la lotta per i beni comuni e il diritto alla città

Dalla rivolta alla pulizia di Piazza Taksim

medium_8925042486Gezi Park è il parco urbano che sorge nei pressi di Piazza Taksim, spazio storico del Paese e da sempre simbolo di aggregazione e luogo di incontro, nonché centro turistico del distretto. Taksim non a caso, vuol dire "raccolta" e rappresentava anticamente il punto in cui confluiva l'acqua per essere poi distribuita nelle varie zone della Città . Scambio, raccolta, distribuzione e condivisione sono le stesse parole che potrebbero essere usate oggi per raccontare la storia di Gezi Park e della rivolta di cui è teatro in questi giorni.

Una ribellione nata dall’opposizione alla cementificazione del parco, ma che ha radici più profonde della lotta ambientalista da cui ha preso le mosse. Lo scontro in atto a Istanbul nasce dalla rivendicazione a poter esercitare il diritto alla città : la possibilità dei cittadini di rappresentare se stessi tramite i luoghi in cui vivono, prendendo parte alle decisioni che riguardano i luoghi della loro esistenza. Un diritto che diventa ancora più vivo e necessario quando viene negato, e che si inserisce tra le rivendicazioni delle lotte per i beni comuni che in questi anni hanno in vario modo, caratterizzato altri Paesi con altre storie ma un’unica esigenza: riappropriarsi dei beni comuni, beni di tutti.

Dalla protesta alla “cittadinanza attiva”: si può?

La protesta ha generato, ormai è noto, diversi scontri molto violenti. Un’immagine però, colpisce particolarmente: i manifestanti a tarda serata, alla fine dei conflitti, puliscono Piazza Taksim. Armati di sacchetti di plastica, scope e palette centinaia di persone si sono trasformate in “cittadini attivi”, pronti a prendersi cura dei beni comuni. Donolo afferma che i beni comuni sono “un insieme di beni necessariamente condivisi”, quindi per essere tali non basta il possesso e la fruizione di questi spazi, ma è necessaria la tutela dei cittadini che condividono anche la responsabilità di gestione e miglioramento, anche queste necessariamente condivise.

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento