Un esempio di governance urbana per favorire l'integrazione culturale e perseguire la riqualificazione degli spazi urbani.
Storie e notizie

Hub multiculturale Cecchi point

Negli spazi abbandonati di Via Cecchi, un progetto per l'integrazione e la promozione del protagonismo giovanile

foto-cecchi L'Hub Multiculturale è uno dei sette "nodi" della rete delle "Case del quartiere" di Torino. L'Hub Checchi point nasce ufficialmente nel 2011: da anni, tuttavia, l'associazione "Il Campanile ONLUS" si impegna per la comunità  del Borgo Aurora, coinvolgendo i ragazzi e i bambini nel doposcuola e in laboratori artistici. Nel 2001 è cominciato l'iter che ha portato a una collaborazione con il Comune di Torino, varie Fondazioni e altre associazioni, per la costituzione dell'Hub multiculturale Cecchi point.

Il progetto dell’Hub multiculturale si innesta in un percorso che vede protagonisti numerosi soggetti, provenienti da diversi settori della società . L’iniziativa delle Fondazioni Vodafone, Umana mente e Intesa San Paolo, che ha portato alla costituzione dell’Hub nella sede di Via Cecchi, prese spunto dalla convinzione che le energie del Terzo settore, se messe a sistema, possano apportare un contributo significativo per l’inclusione sociale e la riqualificazione urbana. L’idea delle Fondazioni ha trovato nella Città  di Torino terreno fertile: il Comune, infatti, proprio in quegli anni stava operando un potenziamento delle politiche giovanili. Nel 2009 viene quindi firmato un Protocollo d’Intesa che vede  le istituzioni, le imprese e i cittadini mettersi in rete per un progetto di rigenerazione urbana che facesse leva sull’ integrazione e il protagonismo giovanile.

La storia

L’ Associazione Il Campanile è un’associazione fortemente radicata nel territorio, che si impegna da anni per la comunità  Torinese nella convinzione dell’importanza che riveste per  i cittadini l’esistenza di uno spazio nel quale i ragazzi possano passare il loro tempo libero e che offra l’opportunità  di partecipare ad attività  che favoriscono interfacciarsi di realtà  ed età  differenti. L’associazione è stata individuata come capofila del progetto delle Fondazioni e del Comune, proprio sulla base della sua esperienza diretta sul territorio. Con la delibera 2539/5 del 2009, l’Associazione si impegna, con il sostegno delle Fondazioni, per a creare l’Hub Multiculturale  Cecchi Point.  Le Fondazioni hanno messo a disposizione le risorse necessarie per la ristrutturazione degli spazi di Via Cecchi, sede dell’Hub. Il compendio immobiliare, di proprietà  del Comune, versava in uno stato di abbandono e il Comune aveva intenzione di riqualificarlo per farne un catalizzatore delle energie del quartiere, un centro propulsore della creatività  e della socialità .

Nel 2001 viene firmata una Convenzione tra la Circoscrizione 7 e l’associazione Il Campanile inerente l’uso degli spazi di  Via Cecchi.  Oltre a poter contare sul sostegno del Comune e su quello delle Fondazioni, l’Hub si autosostenta: a Via Cecchi si possono trovare, infatti, un bar, un ristorante e altre attività  remunerative. I proventi sono devoluti all’autofinanziamento. Ma queste non sono solo attività  commerciali, perché rappresentano per i frequentatori dell’Hub occasioni preziose di incontro e dialogo.

Le attività  del Cecchi, all’insegna della creatività 

La parte predominante delle attività  dell’Hun Cecchi è quella educativa; anche il “filone teatrale” è molto forte, oltre ovviamente agli sforzi dedicati all’affermazione del multiculturalismo: “Il quartiere è un quartiere multietnico. In questi spazi si cerca di offrire un punto di incontro a tutte queste realtà “, come ci racconta Simona Guandalini. Il tempo e le competenze messe a disposizione dai volontari sono fondamentali per la vita dell’Hub, e la varietà  dei servizi offerti promuove lo scambio e la conoscenza di sempre nuove esperienze: attraverso spettacoli, conferenze, feste, mostre, doposcuola, laboratori si cerca di incentivare la partecipazione del maggior numero possibile di persone, favorendo il mutuo apprendimento attraverso l’interazione continua tra contesti anche molto diversi.

L’Hub cecchi è ancora molto giovane, ma ha già  prodotto un impatto positivo sulla realtà  Torinese: la speranza è che possa continuare ad animare la vita del Borgo Aurora, mescolando le culture presenti nel contesto locale per diventare un modello replicabile in altre realtà .

Nel 2013, il Comune ha rinnovato l’impegno con l’associazione, mettendo a disposizione gratuita dell’associazione gli spazi di Via Checchi per 10 anni.

LEGGI ANCHE:

Torino spazio pubblico

I bagni pubblici e multiculturali di Via Agliè a Torino

La casa del quartiere di San Salvario a Torino



Lascia un commento