"Un master in eco mobility management deve necessariamente prevedere un ' esperienza diretta sul campo"
Notizie Notizie

Master in Eco mobility Management per i manager del futuro

Al via la terza edizione del Master promosso dalla LUISS Business School

Economia, management, ingegneria, marketing, comunicazione ed eco mobilità : per garantire questa interdisciplinarietà è stato creato il Master in Eco mobility Management (MEM), concepito e promosso dalla LUISS Business School, divisione della LUISS Guido Carli. Il MEM, giunto alla sua terza edizione, avrà inizio il prossimo 21 marzo e consentirà la formazione di nuove figure professionali necessarie per il profondo cambiamento che sta coinvolgendo la mobilità verso una tecnologia ed una cultura green.

Gli studi più recenti in ambito di mobilità evidenziano come il tradizionale sistema a carbone sarà progressivamente soppiantato da un nuovo sistema basato sulla mobilità sostenibile: cresce infatti a livello mondiale la domanda di veicoli a emissione zero. Secondo alcuni dati della Commissione europea, nel prossimo decennio i veicoli elettrici rappresenteranno il 20-25% del totale dei veicoli circolanti. Si sta per affrontare un cambiamento epocale nella tecnologia e nella cultura, orientati progressivamente verso la sostenibilità . Per questi motivi la LUISS Business School ha deciso di creare il Master in Eco mobility Management, finalizzato a coinvolgere i manager che saranno coinvolti nel cambiamento verso la cultura green, ma anche a creare le nuove figure professionali dei mobility manager. Il corso è rivolto ad Executive operanti nel settore marketing o commerciale di grandi aziende, piccole e medie imprese e di società di consulenza, a professionisti impiegati negli assessorati alla mobilità e ai trasporti, a manager responsabili della logistica, ma anche a giovani laureati che vogliano specializzarsi nella green economy.

Gli obiettivi del Master

I principali obiettivi del Master MEM:

  • fornire una conoscenza della normativa, locale ed internazionale, in materia ambientale, nonché delineare un profilo del contesto in cui l’eco mobilità si confronta con la logistica e i trasporti;
  • creare gli esperti nel campo dell’eco mobilità , dai mobility managers ai city logistic & marketing managers;
  • approfondire la conoscenza della tecnologia sostenibile, della mobilità delle merci e delle persone nel territorio nazionale ed internazionale;
  • trasformare le conoscenze acquisite in competenze spendibili efficacemente sul mercato del lavoro;
  • creare figure professionali in grado di studiare l’impatto e lo sviluppo che i diversi modelli potranno produrre.

Il direttore del Master, Roberto Maldacea, ha sostenuto che il MEM è l’unico in Italia che risponda alla mancanza della pratica nella formazione universitaria e alle crescenti esigenze del mercato della mobilità sostenibile. Il Master MEM risponde a quelle che sono le necessità del mercato pubblico e privato nell’area del mobility management, affinché si possa gestire al meglio la mobilità delle persone e delle merci.

Come sarà strutturato il Master

Il Master prevede 300 ore di formazione, impartite da 25 docenti con la collaborazione di imprenditori operanti nel privato e nel pubblico che mostreranno le loro esperienze. Il progetto ha coinvolto ben 6 atenei italiani, e oltre alle lezioni teoriche sono previste dimostrazioni pratiche, essenzialmente nei principali autodromi italiani, grazie alla partecipazione di otto case automobilistiche. ” Un master in ecomobility management – sottolinea Maldacea – deve necessariamente prevedere un’esperienza diretta sul campo, per la conoscenza delle tecnologie e dei mezzi ” . Il direttore ha evidenziato anche che investire in green economy consentirà di creare un numero di posti di lavoro tre volte maggiore rispetto ad un sistema tradizionale. Le principali aziende hanno preso coscienza l’importanza di investire in eco mobility management, tanto che il Ministero dei Trasporti ha richiesto di inserire all’interno del master un modulo destinato alla formazione del mobility manager nel trasporto delle merci nelle ZTL.

LEGGI ANCHE:

Parte la seconda edizione di LabGov – Laboratorio per la Governance dei beni comuni
ReinventAda
Civitas Capital, fondi europei per la mobilità sostenibile



Lascia un commento