" Restituire alla città eterna nuovo splendore attraverso la compartecipazione di tutta la realtà produttiva, gli enti, le università , per garantire a Roma il livello di manutenzione che si merita"
Notizie Notizie

“Roma sei mia”: cittadini in campo per riqualificare la città

Riqualificazione degli spazi pubblici urbani

Grazie all'iniziativa "Roma sei mia", tutti i cittadini potranno collaborare con l'amministrazione alla cura e alla riqualificazione degli spazi pubblici urbani lasciati al degrado. Si inaugura una nuova forma di mecenatismo che si estende non solo ai grandi marchi ma anche ai singoli cittadini che voglio contribuire personalmente e a proprie spese alla ristrutturazione di piazze, edifici e pezzi del centro storico.

Si apre una nuova era per l’amministrazione condivisa nella capitale. Con l’iniziativa “Roma sei mia” presentata il 4 Febbraio dal presidente del I Municipio Sabrina Alfonsi e dall’assessore ai Lavori Pubblici Tatiana Campioni, presso la Cavea della Quercia del Tasso (al Gianicolo), ogni soggetto pubblico e privato potrà presentare e realizzare a proprie spese progetti per la riqualificazione di strade, piazze, edifici e pezzi del centro storico della città lasciati al degrado. L’iniziativa potrebbe essere un modo innovativo per sperimentare la collaborazione diretta tra il settore pubblico e quello privato per la realizzazione di opere di interesse pubblico. A dimostrazione di ciò, il logo stesso dell’iniziativa è stato donato da un privato, Sabina Leoni, direttrice per il settimo anno consecutivo del Festival dei due mondi di Spoleto.

Obiettivi

“L’obiettivo è quello di restituire alla città eterna nuovo splendore attraverso la compartecipazione da parte di tutta la realtà produttiva, gli enti, le università , per garantire a Roma il livello di manutenzione che si merita”, ha affermato Alfonsi. Il progetto vuole promuovere un nuovo tipo di mecenatismo che si rivolge non solo a grandi marchi come Tod’s (che di recente ha messo a disposizione 25 milioni di euro per restaurare il Colosseo in cambio dell’esclusiva sull’immagine del famoso monumento per 15 anni), ma si allarga a tutti i cittadini che vogliono prendersi cura degli spazi pubblici urbani.

Procedura

L’iniziativa inoltre permetterà di semplificare l’iter burocratico previsto per la procedura che di solito prevede tempi lunghi. I progetti saranno dapprima sottoposti al vaglio della giunta e solo nel caso si verifichi l’esistenza di un reale interesse pubblico verrano sottoposti al giudizio della commissione tecnica. In ogni caso l’oggetto della riqualificazione manterrà la sua natura di bene comune usufruibile da parte di tutta la collettività . Le varie proposte potranno essere inviate a breve alla voce “lavori pubblici” del sito del comune. La prima proposta nell’ambito di questa iniziativa è stata già avanzata dall’ospedale pediatrico Bambin Gesu’ per la riqualificazione di un muro lesionato nei pressi dell’ingresso al villino Sion dove si svolgono le attività di formazione e aggiornamento professionale di medici e infermieri.

LEGGI ANCHE:

Segna in agenda! Il 22 febbraio a Bologna sarà presentato il primo regolamento sull’amministrazione condivisa
La seconda ricostruzione e i beni comuni
La cultura della collaborazione
Edifici sfitti e inutilizzati: un tesoro per la riqualificazione urbana




Lascia un commento