"Si stava già vagliando l ' ipotesi di concedere in 'adozione' le aree di verde pubblico ad associazioni ed aziende"
Notizie Notizie

Il verde pubblico adottato a Fasano

La cittadinanza attiva conquista anche aziende e residenti

A Fasano, in Puglia, dei cittadini si sono adoperati per ripulire alcune aree verdi sommerse dalle erbacce e da tempo in stato d ' abbandono: l'iniziativa ha riscosso notevole successo sollecitando una crescente partecipazione in varie parti del territorio. In tema di adozione degli spazi verdi l ' associazione " U'mbracchie " si è incaricata della gestione della zona di piazza Ciaia.

Il fenomeno della ” cittadinanza attiva ” , un tempo poco diffuso, si è negli ultimi anni affermato in molte realtà : sono sempre più i cittadini che si attivano per risolvere piccoli problemi di quartiere, per sistemare una strada, per adornare una scuola, per aiutarsi nel vivere quotidiano e rendere il proprio territorio bello e curato. A Fasano (Puglia), in via Accademia di Livorno a Savelletri, Enzo Bagorda ha deciso di dedicarsi alla gestione di un angolo di verde pubblico in stato d’abbandono: l’iniziativa ha presto coinvolto anche gli altri residenti della zona che hanno deciso di ripulire la pineta attigua. Cosìarmati di attrezzi e nuove piante ornamentali i cittadini hanno sopperito alle carenze comunali, prendendosi cura del territorio divenuto non più elemento estraneo, ma luogo di comune interesse.

Il verde è di tutti!

Nell’area pugliese si stava già vagliando l’ipotesi di concedere in ” adozione ” le aree di verde pubblico ad associazioni ed aziende, cosìda poterne garantire la cura e la manutenzione senza ulteriori oneri per il Comune: l’iniziativa dei cittadini non ha però atteso il completamento dell’iter burocratico e cosìanche i gestori del ” Green Bar ” di via Giovanni XXIII (Fasano) si sono ” rimboccati le maniche ” ed hanno ripulito l’intera area. Proprio a fine aprile, inoltre, l’associazione ” U’mbracchie ” (Associazione per la riqualificazione del Centro Antico di Fasano) si è fatta carico della riqualificazione della zona di piazza Ciaia, garantendo cosìuna nuova ondata di verde in città . Cittadini e associazioni si rivelano così, ancora una volta, elementi imprescindibili per la gestione del territorio, per la sua cura e manutenzione, in quel connubio vincente tra amministrazione pubblica e l’amore del singolo per l’ambiente che lo circonda.

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento