Miglioriamo Empoli per viverla!
Notizie Notizie

Gli Angeli del Bello di Empoli

" Questa è Empoli " : come migliorare una città con la cultura e la partecipazione dei cittadini

Nata nel novembre 2013, su iniziativa della giovane e intraprendente Giulia Bini - con il contributo determinante del fratello Giacomo e di altri amici -, Questa è Empoli è un ' associazione culturale che si è subito distinta per l ' attenzione nei confronti dei cittadini. Dopo aver partecipato ai tavoli di discussione indetti dalla candidata sindaco Brenda Barnini (in particolare quello sulla cittadinanza attiva), l ' associazione si è presentata, come lista civica, alle elezioni amministrative del 25 maggio 2014 (a sostegno della Barnini) riuscendo a far eleggere due consiglieri comunali e a far nominare due assessori.

“L’Associazione culturale Questa è Empoli si propone di migliorare Empoli per viverla”, ci racconta la presidente Giulia Bini. “Con questo principio ispiratore non potevamo non accorgerci che, a poca distanza da noi, esiste una fondazione che si occupa del decoro di una delle più belle città del mondo: gli Angeli del Bello di Firenze“. L’idea di contattare gli Angeli del Bello è venuta alla socia Barbara Bacchelli: “Mi sono occupata per anni di marketing territoriale e seguivo da tempo gli Angeli del Bello come caso di successo. All’interno di Questa è Empoli l’idea di attivarci come volontari per il decoro della nostra città è piaciuta molto e cosìsiamo passati dalle parole ai fatti”.

Il primo intervento dei volontari di Questa è Empoli (ben presto soprannominati gli Angeli del Bello di Empoli) si è svolto lo scorso 13 giugno e ha riguardato la rimozione dei graffiti presso il bagno pubblico di Piazza Matteotti. Il successo della prima iniziativa e il sostegno dei cittadini hanno spinto i volontari di Questa è Empoli a organizzare un secondo importante intervento la sera del 24 luglio. Per l’occasione, sono stati invitati i volontari della Fondazione Angeli del Bello di Firenze, che hanno risposto con grande entusiasmo alla chiamata, mettendo a disposizione degli amici empolesi le loro competenze. L’intervento si è svolto all’angolo tra Via San Francesco e Via del Papa, in pieno centro storico. Il sindaco Brenda Barnini e tutti gli assessori hanno partecipato attivamente e hanno riconosciuto l’alto significato civico dell’iniziativa, sottolineando il sostegno del Comune. Lo scorso 4 ottobre, i volontari di Questa è Empoli hanno partecipato alla Festa annuale degli Angeli del Bello ripulendo Piazzetta Madonna della Quiete. I materiali necessari per l’intervento sono stati donati da tre commercianti: Swarovski, Caffè La Piazzetta e Il Principe Ranocchio.

Questa è Empoli è un laboratorio di idee, un luogo dove la creatività di ciascuno trova spazio e libertà di espressione. Cittadini con diverse competenze si sono ritrovati insieme, mettendosi a disposizione degli altri per migliorare gli spazi pubblici. “Il nostro obiettivo come Angeli del Bello di Empoli è ora quello di crescere, dando il buon esempio e coinvolgendo singoli cittadini, istituzioni, commercianti e altre associazioni che vogliano unirsi a noi in questa esperienza di cittadinanza attiva e di sensibilizzazione”, prosegue Giulia Bini. “Chiediamo la partecipazione attiva da parte di tutti”.

Attualmente costituita da giovani tra i 25 e i 40 anni, l’associazione cerca nuovi volontari anche tra i cittadini in pensione e gli studenti. Chi si vuole impegnare attivamente per contribuire alla bellezza e al decoro di Empoli può contattare gli Angeli del Bello di Empoli ai seguenti recapiti:

Email: info@questaempoli.it
Facebook: https://www.facebook.com/questa.e.empoli
Twitter: @questaempoli
Telefono: 338 161 9620

LEGGI ANCHE:
A Siena l’iniziativa ” Puliamo il boschetto ” di San Miniato
Un Ponte nelle Alpi tra cittadini e ambiente
A Monte San Giovanni Campano si adotta un parco
A Brescia i cittadini adottano parchi e monumenti
Agrigento, diffidato per aver ripulito il parco
Gli Angeli del bello al parco Stibbert di Firenze
Più facile partecipare alla cura dei beni comuni con il Regolamento per l’amministrazione condivisa



Lascia un commento