Il consolidamento del modello sussidiario non può prescindere dalla garanzia della legalità e della trasparenza dell ' azione amministrativa
Altre Autorità indipendenti Diritto

Autorità Nazionale Anticorruzione, delibera n. 32 del 20 gennaio 2016

Linee guida per l ' affidamento di servizi a enti del terzo settore e alle cooperative sociali

Preso atto dell ' assenza di una disciplina organica dell ' affidamento di contratti pubblici ai soggetti operanti nel terzo settore, l ' Anac fornisce ad amministrazioni aggiudicatrici ed enti non-profit indicazioni operative utili a conciliare il conseguimento di obiettivi sociali con il rispetto della normativa in materia di contrattazione pubblica e di prevenzione della corruzione.

La delibera
Con la delibera n. 32/2016 l’Autorità Nazionale Anticorruzione (Anac) detta ampie e dettagliate Linee guida per l’affidamento di servizi a enti del terzo settore e alle cooperative sociali.
Il documento, volto a colmare l’assenza di una disciplina organica in punto di affidamento di contratti pubblici ai soggetti operanti nel terzo settore, illustra lo stato normativo e fattuale del settore socio-assistenziale e fornisce ad amministrazioni aggiudicatrici e organismi non-profit indicazioni operative utili ad assicurare il rispetto della normativa europea e nazionale in materia di contrattazione pubblica e di prevenzione della corruzione.
L’atto in esame si muove dunque nell’ambito di naturale espressione del principio di sussidiarietà orizzontale, non a caso promosso in seno alla legge quadro sui servizi sociali (l. 328/2000, art. 5) ancor prima della stessa consacrazione costituzionale del 2001. Pertanto, è agevole trarre dalle indicazioni dell’Anac anche coordinate di più ampio respiro, utili a tratteggiare ruoli e contorni delle esperienze di sussidiarietà riscontrabili entro e oltre il campo dei servizi sociali.

Il commento
Le Linee guida muovono da un rilievo di fondo: la frastagliata disciplina in materia di servizi sociali trova un punto di contatto nella frequente possibilità di ricorrere ad affidamenti, in favore delle organizzazioni del terzo settore, in deroga alle disposizioni del Codice dei contratti pubblici (d.lgs. 163/2006).
Dall’altro canto, la rilevanza sociale dei servizi oggetto di affidamento, il considerevole impatto sulla spesa pubblica e la necessità di assicurare comunque la parità di trattamento tra gli operatori del settore, impongono inevitabilmente l’innalzamento del ” livello di guardia ” e la previsione di serie forme di garanzia di qualità e correttezza.
Nello scenario appena descritto l’Anac, pur astenendosi dal richiedere l’univoca applicazione delle rigorose procedure ad evidenza pubblica, esorta comunque al rispetto dei principi generali (trasparenza in primis) che sovrintendono allo svolgimento delle stesse. Nel far questo l’Autorità evidenzia rilevanza e contenuti del ruolo del soggetto pubblico – legislatore prima e amministratore a seguire -, cosìconfermando, ancora una volta, l’impossibilità di un arretramento della parte pubblica nell’ambito di moduli sussidiari.
Sul fronte legislativo, la delibera, oltre a rammentare la potestà legislativa statale in ordine alla «determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale » (art. 117, co. 2, let. m) Cost.), rimette al soggetto pubblico la chiara predeterminazione dei requisiti di moralità e idoneità professionale richiesti alle aspiranti organizzazioni affidatarie.
Sul fronte amministrativo, invece, emerge dalla delibera l’importanza del decisore pubblico in relazione alle fasi, rispettivamente a monte e a valle dell’affidamento del servizio, di programmazione degli interventi e di monitoraggio e verifica. In particolare, in merito alla prima si sottolinea più volte come le attività di definizione dell’ambito territoriale di intervento e di individuazione dei bisogni da soddisfare e dei relativi servizi da erogare costituiscano una prerogativa dell’amministrazione. «La titolarità delle scelte deve sempre permanere in capo alle amministrazioni », si specifica, aggiungendo che «una confusione di ruoli in tali ambiti rischia, infatti, di distogliere l’azione amministrativa dalle finalità sociali cui è preposta per agevolare il soddisfacimento di interessi particolari e favorire l’emersione di comportamenti collusivi o di fenomeni di corruzione ».
Le modalità d’azione indicate dall’Autorità mirano non solo a prevenire fenomeni di corruttela ma anche ad evitare soluzioni emergenziali di dubbia qualità , operando cosìcontestualmente a garanzia degli utenti, delle altre organizzazioni concorrenti e degli stessi terzi contribuenti. Ed è proprio a tal fine, dunque, che nel documento si raccomanda la chiara predeterminazione degli elementi essenziali dei servizi e il controllo periodico dell’andamento degli stessi, rivelando in tal modo come, in ambito socio-assistenziale ma non solo, il consolidamento del modello sussidiario non possa affatto prescindere dalla garanzia della legalità e della trasparenza dell’azione amministrativa.

LEGGI ANCHE:
La trasparenza è la base per la tutela dei beni comuni



Lascia un commento