Notizie Notizie

Con #cantieregela, cittadini uniti per riqualificare i “Bagni greci”

Cittadini, volontari e ospiti del centro di prima accoglienza hanno riportato il sito archeologico al suo antico splendore

A Gela, prosegue il percorso laboratoriale #cantieregela, avviato nel gennaio 2016 e che, attraverso una serie di iniziative che coinvolgono in prima persona i cittadini volontari, ha lo scopo di trovare soluzioni per il miglioramento della città .  

Rigenerazione urbana è la parola d’ordine che ha unito e guidato i cittadini volontari della città di Gela lo scorso 15 maggio, nella riqualificazione del sito archeologico ” Bagni greci ” , unico esempio isolano di terme greche risalenti al IV secolo a.C..
Durante l’intera giornata i cittadini e i volontari della città di Gela, insieme agli ospiti del centro di prima accoglienza ” Tu come me ” , si sono occupati del ripristino dell’impianto termale, aiutati da archeologi ed esperti di beni culturali.
Diversi i lavori di manutenzione svolti: potatura degli alberi, ripristino del percorso interno, installazione di nuove tabelle illustrative, tinteggiatura e riparazione della ringhiera di protezione. Armati di rastrelli, pennelli, sacchetti e tanta buona volontà , i cittadini hanno riportato i “Bagni greci” allo splendore di un tempo.
L’iniziativa si colloca all’interno del percorso collettivo #cantieregela, promosso dalla Casa del volontariato di Gela con il coinvolgimento del Centro di servizio per il volontariato di Palermo, nato per riscoprire e riqualificare gli spazi urbani e le bellezze della città di Gela e per educare alla fruizione e al rispetto dei beni comuni, attraverso la collaborazione tra cittadini e Istituzioni.
L’occasione è quella di dare un segnale forte alle associazioni e ai cittadini, che le Istituzioni hanno bisogno di tutti, perché questi beni non sono della Regione, non sono dello Stato, ma principalmente sono della nostra collettività ” spiega Ennio Turco, direttore del Museo di Gela.
Insieme, cittadini e Istituzioni, attraverso dei patti di collaborazione, possono iniziare a prendersi cura dei beni comuni perché diventino effettivamente tali; perché se un bene non è utilizzato ed è destinato alla sua deperibilità , comunque la cittadinanza non se ne fa niente ” afferma Enzo Madonia, presidente MoVi Gela e tra i fondatori della Casa del Volontariato di Gela.
A questa giornate di sensibilizzazione ne seguiranno altre targate #cantieregela: straordinarie esperienze di civismo, in grado di dare un segnale di cambiamento e accendere i riflettori sull’importanza della collaborazione e della creazione di relazioni utili a rafforzare il senso di appartenenza ai luoghi.

Per guardare il video della giornata clicca qui.

LEGGI ANCHE:




 



Lascia un commento