Servizi

Cosa fa Labsus in tutta Italia

Promuove progetti e iniziative di divulgazione, elaborando idee, raccogliendo esperienze e materiali, segnalando iniziative. Si può dire che tutta l’attività di LABSUS si basa su una “antropologia positiva”, cioè sull’idea che “le persone sono portatrici non solo di bisogni ma anche di capacità”, capacità che possono essere messe a disposizione della comunità per realizzare l’interesse generale. Quella che LABSUS promuove è quindi un’idea di sussidiarietà che, anziché prevedere un “ritrarsi” dei soggetti pubblici in presenza di iniziative dei cittadini, vede invece la pubblica amministrazione e i cittadini come alleati, protagonisti di un rapporto di collaborazione fondato sulla fiducia reciproca e la condivisione di risorse e responsabilità. Il principio di sussidiarietà, dunque, si pone come la piattaforma costituzionale sulla quale costruire una società di cittadini autonomi, responsabili e solidali, che si alleano con la pubblica amministrazione per curare insieme i beni comuni.

I membri attivi in Labsus sono:

  • FORMATORI esperti di Amministrazione condivisa, declinata attraverso progetti formativi rivolti a funzionari municipali, policy makers, organizzazioni del terzo settore, gruppi di cittadini attivi, imprenditori sociali.
  • ATTIVATORI capaci di OSSERVARE, INDIVIDUARE e VALORIZZARE processi emergenti/spontanei di trasformazione/regolazione collettiva di spazi, attività e risorse; MAPPARE i patti di collaborazione, i cittadini attivi, le esperienze di successo, gli attori convolti e le reti; CATALIZZARE, ACCELERARE E FERTILIZZARE i processi in corso, fare da enzimi per innescare azioni nuove, capire come diversi soggetti possono lavorare insieme; COLTIVARE e DIVULGARE la cultura dell’Amministrazione condivisa ed ELABORARE un linguaggio comune per facilitare NUOVE ALLEANZE tra sfera pubblica e cittadinanza, organizzando momenti di confronto pubblico, aperto e di scambio, così da accrescere la coscienza collettiva sulla possibilità di trovare soluzioni condivise ai problemi posti dalla complessità, e trovare nuovi percorsi di intervento qualora gli strumenti a disposizione non diano effettivamente risposta alle domande delle comunità di riferimento, intese come insieme di abitanti e funzionari.
  • ARTIGIANI DEI PATTI in grado di ACCOMPAGNARE l’ideazione, l’elaborazione e la scrittura dei Patti di collaborazione; PROGETTARE e co-progettare la risposta a bandi di finanziamento sui temi della cittadinanza attiva, anche a scala europea; VALUTARE la qualità dei Patti di collaborazione, intesa sia come valutazione del PROCESSO che del PROGETTO (prima, durante e dopo).

Il gruppo di persone attive in Labsus è composto da profili molto diversi che vanno da docenti universitari di Diritto amministrativo e Sociologia, a liberi professionisti, cittadini attivi, membri di associazioni del terzo settore, promotori di scuole politiche, funzionari pubblici, policy makers, referenti di associazioni, esperti di comunicazione.

I gruppi attivi localmente si contraddistinguono per attitudini e competenze differenti, l’azione di Labsus è sempre caratterizzata però dal lavoro in rete con i cittadini attivi, gli amministratori e il terzo settore oltre ad alla spiccata attitudine alla ricerca scientifica attenta alle ricadute urbane e territoriali.

Labsus studia in modo integrato nuovi metodi per indagare la città, analizzare processi in atto nel contesto urbano e territoriale. Particolare attenzione è rivolta alla produzione dal basso di progetti e processi, alla sperimentazione di metodi e strumenti per favorire l’inclusione sociale e la partecipazione attiva delle comunità nei processi di decisione e rigenerazione dei beni comuni, anche nell’ottica del loro riuso temporaneo. In ogni sua ricerca e azione Labsus coinvolge soggetti pubblici, privati e del terzo settore allo scopo di rafforzare le alleanze e le reti sociali sul territorio stimolando l’Amministrazione condivisa dei beni comuni.

Per ogni ulteriore informazione scrivere a info@labsus.net