fbpx

Scuole aperte partecipate in rete

Il progetto, finanziato dal programma “Un passo avanti” dell’impresa sociale “Con I Bambini”, si pone come obiettivo di mettere in relazione le esperienze delle Scuole aperte e partecipate del territorio nazionale attraverso una Rete, con lo scopo di condividere buone pratiche e sostenere i processi creativi in atto.

Alla base del progetto vi sono due consolidate esperienze di riferimento di “Scuola Aperta Partecipata”: la Scuola Di Donato-Manin di Roma (che si sta estendendo ad altre 12 scuole/associazioni di genitori in rete) e la Scuola Cadorna di Milano (rilanciato dal Comune nelle scuole milanesi con 40 scuole/associazioni di genitori in rete).

Queste esperienze hanno messo in luce come la scuola aperta dia vita a processi inclusivi e generativi di legami sociali, che permettono di costruire una comunità educante ampia e coesa, consapevole dei bisogni delle persone che la costituiscono. Il coinvolgimento delle famiglie e dei bambini e delle bambine nella programmazione delle attività e nella cogestione dello spazio della scuola è un elemento cardine per attivare risorse e capacità, disegnando un nuovo modo di concepire la scuola: una scuola come Bene comune da curare e di cui godere in maniera creativa e condivisa su diversi livelli: didattico, educativo, sociale. In questo senso le scuole aperte sono un modello efficace e sostenibile per contrastare la povertà educativa.

Si mira quindi a promuovere e mettere in rete le esperienze, valorizzandole e sostenendole a livello locale ma allo stesso tempo arricchendo lo scambio sul piano nazionale. Si vuole creare una rete autonoma, responsabile e solidale che promuova le condizioni per una collaborazione stabile nel campo della lotta alla povertà educativa e che sensibilizzi la società civile e le istituzioni, promuovendo modelli di scuola aperta replicabili.

I territori scelti per la realizzazione del progetto sono stati individuati tra quelli dove erano presenti reti informali già attive che collaborano e condividono risorse. Il MoVI, capofila del progetto, li ha intercettati comprendendo scuole localizzate in contesti periferici, dove il tema della povertà educativa è più urgente.

In ogni territorio sono state quindi individuate scuole e associazioni che sostengano a livello locale i processi di engagement e di capacitazione della comunità educante. Labsus sarà attivo in tre città. A Collegno (To) lavorerà con l’I.C. Italo Calvino della Direzione scolastica Collegno III, a Brindisi con l’IC S.Elia-Commenda e a Cerignola (Ba) con l’Itet Dante Alighieri.

Il partenariato è estremamente ricco e solido. In totale, le scuole coinvolte sono quindici e sono distribuite su tutto il territorio nazionale, dalla Sicilia al Piemonte. Di seguito l’elenco delle scuole e delle associazioni con cui collaborano: Liceo Regina Margherita e MoVI Sicilia (Palermo), Istituto Comprensivo Fontanarossa e Associazione Musicale Etnea (Catania), Istituto Comprensivo Gioiosa e Grotteria Cooperativa Nelson Mandela (Gioiosa ionica-RC),  Istituto Comprensivo Spirito Santo Associazione Morequal (Cosenza), Istituto Comprensivo Rossano II Monachelle e Istituto Comprensivo Rossano IV  e Amarelli Associazione Insieme (Rossano Calabro CS), Istituto Comprensivo S.Elia e Commenda e Labsus (Brindisi) , Istituto Comprensivo Verdi-Cafaro Associazione Una famiglia in più (Andria BA), ITET Dante Alighieri Associazione e Labsus (Cerignola BA), ITI Lucarelli e Consorzio Sale della terra (Benevento),  Liceo Cecioni e Ass. ViviCecioni (Livorno), Istituto Comprensivo Camozzi e Centro Servizi Bottega del Volontariato (Bergamo), Direzione Didattica Collegno III e Labsus (Collegno, To). A Roma è prevista la partecipazione di tre scuole: Istituto Comprensivo Manin e Associazione Genitori Scuola Di Donato, Liceo Kennedy e Associazione Voicebook Radio, Liceo Righi e Associazione Boncompagni.  L’ Ufficio Scuole Aperte del Comune di Milano e Ciessevi Milano, supporteranno la costruzione della rete e lo sviluppo delle attività. Infine, altri partner a livello nazionale che sostengono il progetto sono l’Università Cattolica di Milano-Dipartimento di Sociologia, l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” – Dipartimento di Storia Culture e Religioni e l’Associazione culturale Persone Comuni.

 

Seminario web promosso l’11 novembre 2020 dal progetto con Marco Rossi Doria.