Tra caos, maleducazione e improvvisazione è stata presentata una relazione che sarebbe un peccato perdersi.
4ta Convenzione

La relazione di base

Eccola, dunque, la versione integrale della relazione di Arena

Numerosi gli spunti di nuova elaborazione presenti in questa relazione di apertura: l'inversione del paradigma "cittadino problema", i quattro modelli di amministrazione che ne discendono, la metafora petrolifera (bisognerà trovarne una più ecologica), il principio di sussidiarietà come principio di responsabilità.

Davanti ad una settantina di persone, spettatori attoniti di un roboante e sfolgorante esempio di cattiva pubblica amministrazione, che ha visto ministri e sottosegretari impegnati in "comparsate" irriverenti verso i cittadini (e subdolamente letali per il prestigio delle istituzioni) entrare ed uscire da una rumorosissima "sala" da convegni progettata applicando con rigore teutonico i peggiori criteri che la tecnica e la cultura architettonica ed ingegneristica possano immaginare.

Alla nuova Fiera di Roma, esempio visivo e fisico, materiale, concreto, di pessima pubblica amministrazione (difesa molto debolmente nell’incontro di inaugurazione del ForumPA anche dal sindaco Veltroni); rappresentazione fulgida (ahinoi!, non incomparabile) di come si può spendere molto denaro pubblico e bruciare molto prezioso agro romano, sprecando una grande occasione per ridisegnare una porzione di città e dotarla di strutture moderne, efficienti, all’avanguardia e innovative per lo sviluppo economico del paese.

In un Forum Pa che invoca a gran voce (e per farsi sentire ce ne voleva una tuonante) di essere integralmente ripensato; un Forum che incassa risorse con stands che rendono epidermico lo spreco del denaro pubblico e che si autogiustifica con un carosello indistinto di convegni, incontri e seminari che, presi singolarmente, spesso hanno dignità di importante evento e messi insieme acquisiscono quello di caravanserraglio.

Ebbene in questo fragoroso baillame, dove il 23 mattina il programma prevedeva che il ministro Nicolais inaugurasse e presenziasse sei incontri tra le 9 e mezzo e le 1, c’é chi ci ha parlato di un’altra Italia, ed i più attenti avrebbero potuto svelare e scoprire due gemme (e cinque perle).

Una gemma è questa relazione di Arena che vi alleghiamo. Vale la pena di leggerla per diversi elementi di continuità e di novità che vi si intrecciano. Anche i presenti, che nonostante pazienza e sforzi, possono essere riusciti a sentire molto parzialmente l’intervento, rileggendola ne scopriranno interessanti risvolti.

Per contrappasso al "cattivo ascolto" subìto dai presenti, non ci rimane che augurarvi buona lettura.



ALLEGATI (1):

Lascia un commento