Officina 2014: il Cime presenta l'agenda per il semestre europeo di presidenza
Società

Officina 2014. L’Italia in Europa

Verso il semestre europeo di Presidenza dell ' UE

Presentata oggi a Roma presso la sede del Cnel la relazione finale del progetto " Officina 2014. L ' Italia in Europa " , in preparazione al semestre italiano di Presidenza dell ' Ue. Promosso dal Consiglio Italiano del Movimento Europeo (Cime) in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e il Dipartimento per le politiche europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri e la Fondazione Cariplo, il rapporto ha voluto individuare le priorità da indicare al Governo. Partito nell ' ottobre 2012, il progetto è stato condotto attraverso il coinvolgimento delle rappresentanze economiche e sociali della società civile italiana ed è stato accompagnato da una serie di seminari tematici, volti ad approfondire le questioni emergenti.

I dati del questionario: la parola alle organizzazioni

La fase centrale del progetto ” Officina 2014 ” è costituita dai risultati della somministrazione di questionari volti ad individuare gli orientamenti e le proposte dei principali portatori di interesse della società civile italiana. Il target di riferimento è costituito da associazioni o enti con più di tremila iscritti, organizzazioni di 2 ° e 3 ° livello con meno di tremila iscritti, le imprese con più di 250 dipendenti e gli enti di ricerca. Anche Labsus ha partecipato alla rilevazione.
Dai risultati del questionario emerge che la maggior parte degli intervistati ha un dipartimento o un ufficio che si occupa di affari comunitari o è membro di una rete europea; a fronte di ciò, il livello di partecipazione ai processi decisionali europei supera di poco la maggioranza degli intervistati. A conferma dei dati emersi dagli Eurobarometro sul tema, il 44 percento degli intervistati si dichiara per niente soddisfatto del livello di informazione delle istituzioni in merito alle decisioni che vengono prese dall’Ue.
Occupazione, cittadinanza europea e ambiente sono le politiche europee maggiormente importanti per le associazioni intervistate; l’occupazione in particolare, è il settore in cui si ritiene necessario un maggior grado di integrazione a livello europeo.
Infine gli intervistati lamentano l’assenza di un dibattito a livello italiano sulle principali tematiche europee: le riforme istituzionali, la cittadinanza, l’istruzione, le politiche sociali e occupazionali.

Il focus sulle istituzioni

La Banca centrale europea è ritenuta l’istituzione che gli intervistati ritengono più importante nel sistema di governance multilivello europeo, seguita dal Consiglio dell’Unione europea. Le istituzioni più marcatamente ” europee ” sono anche le più apprezzate; bocciato invece l’operato delle due istituzioni intergovernative dell’architettura europea, il Consiglio dell’Unione europea e il Consiglio europeo. Nell’insieme, la Banca centrale europea e la Corte di Giustizia sono le istituzioni il cui operato è maggiormente apprezzato dagli intervistati.
La Commissione appare meno centrale nel sistema della governance multilivello europeo, anche se è l’istituzione con la quale gli intervistati interagiscono maggiormente per lo svolgimento delle loro attività .

Il semestre italiano

Il semestre di Presidenza dell’Italia si colloca in una fase delicata della storia recente dell’Unione. Sarà un semestre breve a causa della sospensione delle attività per le elezioni del parlamento europeo, ma sarà anche un semestre intenso perché nei mesi successivi alle elezioni si provvederà al rinnovo delle cariche con la conseguente definizione della politica europea per i prossimi cinque anni. I risultati delle elezioni 2014 potranno registrare sorprese importanti e consegnare all’Europa un Parlamento con una forte componente euroscettica.
Il lavoro di approfondimento realizzato con il progetto Officina 2014 offre l’opportunità al nuovo Governo italiano di non arrivare impreparato all’appuntamento, non sprecando cosìuna grande opportunità di cambiamento e rinnovamento del progetto comunitario.



Lascia un commento