MAWAZO – Il design delle città come pratica sociale e cura delle fragilità

Mawazo
Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Date(s) - 11/09/2021
10:00 - 20:00

Luogo
SPAZIO BASE

Categorie


È possibile imparare visivamente attraverso lo spazio che ci circonda uno storytelling che permette di (ri)raccontare le storie e la narrativa sull’emarginazione? Anche attraverso momenti di attivismo che ridisegnano l’appartenenza e il diritto di accesso ai luoghi della città di particolari comunità? Gli spazi ed il design “insorti” sono una via da seguire nella riconciliazione e nella decolonizzazione degli spazi pubblici? MAWAZO sarà un appuntamento di riflessione per tentare di offrire delle risposte anche a queste domande e per cercare di declinare la sperimentazione in corso nella pedagogia di progettazione in una discussione sulle esigenze ed esistenze delle comunità nere, Bipoc, Queer e sistematicamente oppresse.

Il programma

Sabato 11 settembre 2021, dalle ore 10:00 alle ore 20:00, nel contesto della celebrazione del Decennio Internazionale delle Nazioni Unite sull’Afro-discendenza ed in coda al successo della terza edizione del FestivalDiverCity 2021, all’interno della cornice della rassegna WE WILL DESIGN organizzata per il FUORI SALONE, presso lo SPAZIO BASE di Milano, si terrà l’evento “MAWAZO – Il design delle città come pratica sociale e cura delle fragilità“.
Il programma della giornata prevede un workshop, dalle ore 10:00 alle ore 16:00, ed un Panel di restituzione dalle ore 18:00 alle ore 20:00.
L’obiettivo dell’evento è quello di sfidare la tendenza all’abbandono dei più fragili, promuovendo un confronto inclusivo che metta al centro il talento, l’immaginazione (il Mawazo appunto), la creatività ed il lavoro di designer, attivisti e filantropi Bipoc, nella re-immaginazione di uno spazio pubblico e di una dimensione cittadina ancora capace di arricchirsi delle esperienze e dei retaggi più diversi e curare le fragilità ormai sistemiche.

Contatti

Per maggiori dettagli sull’evento “MAWAZO – Il design delle città come pratica sociale e cura delle fragilità”, cliccare QUI.
Per maggiori informazioni scrivere a goesdivercity@gmail.com.
Foto di copertina: Gabriel Jimenez su Unsplash