Libera Terra rappresenta un esempio concreto a sostegno della legalità 

Una rivendicazione della legalità  produttiva, fondata sul lavoro dei giovani e sul sostegno delle istituzioni e delle amministrazioni locali.

Libera Terra rappresenta un esempio concreto a sostegno della legalità  in aree geografiche dove la presenza della criminalità  è più insidiosa.

Restituire un bene comune alla comunità , i terreni sottratti alla mafia, con l’obiettivo generale di ristabilire principi di legalità  e fiducia nelle istituzioni dando opportunità  di lavoro ai giovani e rendendo produttivi i territori, anche con modalità  di produzione alternativa.

Queste terre, restituite alla collettività , sono tornate produttive e divenute volano di un circuito economico sano e virtuoso, anche grazie alla partecipazione degli agricoltori biologici del territorio che condividono lo stesso progetto di riscatto.

Il progetto oggi…

Ancora oggi l’associazione Libera Terra è attivissima con nuove cooperative aperte in tutto il territorio nazionale. E’ da pochi mesi nata l’ultima di queste iniziative, Terre Joniche – Libera Terra, che ha visto la collaborazione tra l’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità  organizzata e la Prefettura di Crotone. L’obiettivo è quello di avviare la produzione biologiche su terreni sequestrati alla ‘ndrangheta nei comuni di Cirò e Isola di Capo Rizzuto. Sono disponibili sul sito www.liberaterra.it tutte le informazioni utili per chiunque sia interessato ad avviare attività  simili.

[aggiornamento del 14/5/213, a cura di Luca Michele Piscitelli]

 
In allegato la scheda completa del progetto “Libera Terra”.



Lascia un commento