Notizie

Filignano, le aiuole e la Costituzione

La sussidiarietà in un piccolo comune molisano

Il Comune di Filignano, in provincia di Isernia, abitanti 755, ha messo a dimora oltre 100 piantine, rispettando le colture autoctone e addobbando di gerani i balconi del municipio e delle piazze cittadine.
Ma non aveva le risorse per curare e mantenere questo verde pubblico. E così il comune ha deliberato un bando per l'adozione delle aiuole pubbliche da parte dei cittadini e per la gestione, a titolo volontario, dietro il mero rimborso spese, della biblioteca comunale.

Pertanto i cittadini che lo vorranno potranno "adottare" un’aiuola o un pezzo di giardino, provvedendo alla coltivazione e messa a dimora di fiori e piante.
Del resto una cittadina molto attiva, già prima del bando, aveva adottato l’aiuola alla base della statua di Mario Lanza, il famoso cantante di origini molisane, sistemando e innaffiando le piantine di lavanda.
Analogo discorso per la biblioteca comunale, della quale si è pensato di garantire l’apertura utilizzando la presenza delle nove associazioni culturali e sportive presenti in paese.
Dice il Sindaco Coia (che evidentemente conosce bene la Costituzione) "l’emergenza finanziaria impone agli enti locali di sfruttare al massimo il principio costituzionale e comunitario della sussidiarietà orizzontale, che lascia ai cittadini, singoli o associati, la promozione di una cittadinanza attiva, in grado di rispondere ad esigenze e bisogni della collettività."
Ad oggi hanno risposto all’appello due associazioni, oltre alla Pro Loco che ha già fatto la sua parte negli anni scorsi. Chissà se anche i singoli cittadini si faranno avanti…



Lascia un commento