Non sarà una discussione tra esperti, ma saranno i cittadini ad esprimere le proprie preoccupazioni e le proprie proposte
Notizie

Voce ai cittadini europei

Partono le Consultazioni dei Cittadini sul futuro dell'Europa

Cittadinanzattiva invita tutti a partecipare alle Consultazioni Europee dei Cittadini 2009 (CEC 2009) www.consultazioni-europee-dei-cittadini.eu.

A partire dal 3 Dicembre 28 e fino all’autunno 29 si svolgerà in tutta Europa la seconda sessione del progetto delle “Consultazioni europee dei cittadini”.

Le Consultazioni sono il primo dibattito mai svolto a livello pan-europeo che coinvolga i cittadini dei 27 Stati Membri nella discussione sul futuro dell’Unione, superando i confini geografici e le barriere linguistiche.

Il coinvolgimento di tutti i cittadini, singoli o associati, come partecipanti e come diffusori della notizia della fase di dibattito online (www.consultazioni-europee-dei-cittadini.eu) è di fondamentale importanza.

Un consorzio di più di 4 partner Europei indipendenti comprendente fondazioni, ONG, università e think-tanks implementeranno il progetto, con il co-finanziamento e il pieno sostegno della Commissione europea attraverso il progetto “Debate Europe” nell’ambito del Piano D. Cittadinanzattiva è stata scelta come organizzatrice delle CEC in Italia, proprio per la sua esperienza nella partecipazione civica, in Italia e in Europa, e per la sua presenza sul territorio ormai trentennale.

Le Consultazioni sviluppano un vero dibattito europeo: dopo una fase di discussione on line su 27 siti web nazionali – che daranno ad un numero mai raggiunto prima di cittadini l’opportunità di essere coinvolti nel dibattito sul futuro dell’Europa nella propria lingua – 15 cittadini saranno riuniti in 27 eventi nazionali simultanei ed interconnessi e metteranno insieme una lista di idee e proposte concrete da presentare i policy-makers.

Tale processo si sviluppa poi proprio nel periodo precedente alle elezioni europee, di cui, secondo l’eurobarometro (EB69) di ottobre, quasi il 7% per cento degli italiani dichiara di non esserne al corrente.

Il valore di questo tipo di progetto sta nel fatto che non sarà una discussione tra esperti, ma saranno i cittadini ad esprimere le proprie preoccupazioni e le proprie proposte. Solo in una fase successiva ci sarà il sostegno degli esperti per rendere meglio strutturate e applicabili le raccomandazioni prodotte.

La domanda da cui tutte le riflessioni partiranno è questa:
“Che cosa può fare l’Unione Europea per costruire il nostro futuro sociale ed economico in un mondo globalizzato?"

Da qui si svilupperà il dibattito on line e a questa domanda risponderanno le raccomandazioni elaborate.

Per partecipare al dibattito basta iscriversi sul sito: www.consultazioni-europee-dei-cittadini.eu e in allegato ci sono tutte le spiegazioni per scrivere una proposta o aprire un dibattito su un tema che vi sta a cuore.

Il dibattito on line è aperto a tutti e più persone parteciperanno, più variegata e ricca sarà la discussione.

Per maggiori dettagli, dubbi o domande scrivete a: d.quaggia@cittadinanzattiva.it oppure a contatti@labsus.org



ALLEGATI (1):

Lascia un commento