Risposta temporanea alla crisi e al conseguente ridimensionamento dei consumi, o scelta consapevole e motivata basata su una nuova etica dell'economia e del consumo?
Notizie Notizie

Sharitaly: l’economia collaborativa in fiera

A Milano un appuntamento per saperne di più sulla sharing economy in Italia

Start up collaborative, aziende, imprese sociali e amministrazioni saranno i protagonisti del " primo evento sull'economia collaborativa in Italia " . L'appuntamento è fissato per il prossimo 29 novembre, presso le sedi dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e della Fondazione Eni Enrico Mattei.

Quello dell’economia collaborativa è senz’altro un fenomeno in crescita in tutto il mondo, che da un paio di anni a questa parte sta riguardando anche il nostro Paese. Risposta temporanea alla crisi e al conseguente ridimensionamento dei consumi, o scelta consapevole e motivata basata su una nuova etica dell’economia e del consumo? Sono molti gli spunti di riflessione che le straordinarie potenzialità dell’economia della condivisione lasciano immaginare, verso nuovi modelli di consumo che sostituiscano l’acquisto compulsivo con il riuso, e la proprietà esclusiva con l’accesso: ovvero, verso il recupero di relazioni basate su fiducia, socialità , collaborazione. Sharitaly intende dunque offrire uno spazio di confronto e conoscenza reciproca per le tante start up collaborative nate in queste anni in Italia, per le aziende, le imprese sociali, le amministrazioni, ma anche semplici cittadini interessati al tema.

Il programma

Sharitaly sarà curato da Collaboriamo.org di Marta Mainieri, autrice di Collaboriamo! Come i social media ci aiutano a lavorare e a vivere meglio in tempo di crisi (edito nel 2013 da Hoepli), con il supporto scientifico e organizzativo dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che ospiterà la conferenza durante l’intera mattinata, e della Fondazione Eni Enrico Mattei, dove invece, dalle ore 13:00 in poi, si terranno i workshop. In particolare, la Fondazione proporrà il focus ” Un nuovo rapporto tra aziende e cittadini: sostenibilità e collaborazione ” .
Obiettivo principale dell’intera giornata sarà fare il punto sull’economia collaborativa in Italia, presentando due ricerche elaborate dall’Università Cattolica e da Duepuntozero Research, e lasciando ampi spazi per il dibattito e gli interventi.

Crowdfunding per Sharitaly

Condividere è meglio che possedere: questa l’idea di base che sembra accomunare le diverse start up collaborative che sostengono Sharitaly. L’iniziativa stessa è infatti un esperimento di ” evento collaborativo ” : i principali servizi del settore attivi in Italia offriranno sconti attraverso una campagna di crowdfunding lanciata su Starteed.com.
Tra i principali sostenitori troviamo BlaBlaCar, il portale che mette in contatto conducenti con posti liberi con passeggeri diretti nella stessa direzione, per condividere le spese di viaggio, risparmiando denaro e riducendo le emissioni di Co2; Impact Hub, ” una rete internazionale di bellissimi spazi fisici e virtuali dove imprenditori, creativi e professionisti possono accedere a risorse, lasciarsi ispirare dal lavoro di altri, avere idee innovative, sviluppare relazioni utili e individuare opportunità di mercato ” ; TIMEREPUBLIK, una piattaforma social che estende al web le peculiarità delle Banche del Tempo. Ma l’elenco è ancora lungo: troviamo Airbnb, Gnammo, Locloc, Reoose, Toolbox, Smartika‎, Starteed, Sailsquare, Uber. Insomma, decisamente vario è il ventaglio di start up che hanno messo a disposizione i loro servizi ad un prezzo scontato, per tutti coloro che sosterranno, anche con un piccolo contributo, il nuovo salone dell’Italia che condivide.

LEGGI ANCHE:



Lascia un commento