Una piccola stazione di provincia rinasce grazie alle associazioni del territorio e all'appoggio del Comune
Notizie Notizie

Chiaravalle, la stazione diventa sede per le associazioni

Il Comune cede i locali dello scalo a nove associazioni del territorio e prendono il via servizi e attività

Concessi in comodato d ' uso gratuito dalla Rete Ferroviaria Italiana al Comune, ora i locali della stazione di Chiaravalle riqualificati ospitano le attività di ben nove associazioni del territorio, con l ' offerta di tanti servizi e la sicurezza di una stazione " abitata " fino a tarda sera.

Da spazio in disuso e a rischio degrado, la stazione di Chiaravalle rinasce e riqualificata diventa la sede di nove associazioni del territorio. A condividere i locali del piccolo scalo in provincia di Ancona sono organizzazioni impegnate in diversi ambiti: si va dal comitato locale della Croce Rossa Italiana (Cri) all’associazione musicale giovanile “John Lennon”, dall’assemblea territoriale Cittadinanzattiva Chiaravalle all’Associazione Nazionale Carabinieri (Anc). Gli spazi della stazione sono stati ceduti in subcomodato d’uso gratuito dal Comune di Chiaravalle, che a sua volta li ha ricevuti in consegna dalla Rete Ferroviaria Italiana (Rfi).

Le associazioni e le loro attività

Gli ex magazzini della stazione e i locali prima destinati alle spedizioni estere cambiano funzione e insieme ad altre stanze diventano sede delle associazioni di volontariato, sportelli d’assistenza, sala prove e auditorium. Con 120 tesserati e 60-70 volontari, il comitato locale della Croce Rossa di Chiaravalle è presente in stazione dalle 9 alle 19, a disposizione per il servizio di ambulanza per trasporti programmati (svolto in convenzione con l’Asl locale), per l’assistenza in gare, partite e manifestazioni cittadine, per attività di animazione per anziani e disabili. In stazione, per circa quattro ore al giorno e su appuntamento, è aperto anche lo sportello di Cittadinanzattiva Chiaravalle, la più importante delle circa 15 assemblee territoriali delle Marche che fanno capo al network nazionale per la difesa dei diritti dei consumatori. Lo sportello offre assistenza ai cittadini per l’uso di servizi bancari, assicurativi, di trasporto e per le utenze di gas e telefono, oltre ad impegnarsi in attività per la soluzione dei disservizi amministrativi.
Con impianto di amplificazione, batteria e aria condizionata, in stazione trova spazio anche una sala prove per i giovani musicisti di Chiaravalle (e dei paesi limitrofi). Risultato della collaborazione tra l’Assessorato alle Politiche giovanili del Comune e i ragazzi di Chiaravalle, coinvolti attivamente in tutte le fasi del progetto, la sala prove è gestita dall’associazione ” John Lennon ” che riunisce diversi gruppi musicali del comune marchigiano. Aperta dalle 14 fino alle 24, la sala può essere affittata a 8 euro l’ora. I ricavi vengono investiti in lavori di manutenzione e nel finanziamento del tradizionale concerto chiaravallese del primo maggio. A destinare i locali della stazione alla diffusione e promozione della musica è anche la Banda Musicale ” Città di Chiaravalle ” , associazione che offre lezioni settimanali e può usufruire dell’auditorium nato nella stazione con il contributo del Comune. Nel piccolo scalo della provincia di Ancona trova sede poi la sezione di Chiaravalle dell’Anc, l’Associazione Nazionale Carabinieri che svolge attività di protezione civile per le grandi emergenze e un sevizio volontario di ordine pubblico durante le manifestazioni cittadine.
Quella di Chiaravalle è solo una delle dodici stazioni italiane ” impresenziate ” , i cui locali sono diventati sede di attività sociali e culturali.

Redattore Sociale si è occupato del loro studio in un reportage.

LEGGI ANCHE



Lascia un commento