Uno spazio per il lavoro-condiviso aperto anche ai bambini
Notizie Notizie

L ‘ Alveare: un coworking con spazio baby per Centocelle

Progettato dalla Città delle Mamme aprirà a settembre con il sostegno del Comune di Roma

Conciliare il tempo del lavoro con il tempo per la famiglia: questa l ' esigenza delle neo mamme soddisfatta dal progetto L ' Alveare, promosso dall ' associazione Città delle Mamme e sostenuto dal Comune di Roma. Non ci si rivolge però solo ai neo genitori, il coworking è uno spazio comune per il lavoro-condiviso aperto a tutti.

E’ il primo coworking di Roma dotato di spazio baby, si chiama L’Alveare e aprirà i battenti nel mese di settembre in via Fontechiari 35, a Centocelle. Pensato come luogo di lavoro ma anche di accudimento e cura dei bambini dai 4 mesi in su, L’Alveare è un ambiente di 200mq attrezzato per incentivare e sostenere l’attività lavorativa delle neo mamme (e dei neo papà ), che possono tornare ad esercitare la loro professione in uno spazio idoneo alle esigenze di tutta la famiglia.
Il progetto, realizzato dall’associazione Città delle Mamme in collaborazione con l’assessorato allo Sviluppo delle Periferie, Infrastrutture e Manutenzione Urbana di Roma Capitale, è il frutto della partecipazione al bando ” Call for social ideas ” promosso da Italia Camp e UniCredit.
Trattandosi di un coworking, L’Alveare non è rivolto però solo ai genitori ma si presenta come uno spazio comune aperto all’attività di professionisti, associazioni, cooperative e aziende che secondo lo spirito del lavoro-condiviso intendono stimolare la sinergia fra diverse professionalità .

Lo spazio e i servizi

Gli spazi dell’Alveare messi a disposizione da Roma Capitale saranno dotati di 30 postazioni da lavoro, 2 uffici attrezzati, una sala riunioni, un’area per bambini da 53mq gestita da educatrici professioniste, una cucina e un parcheggio esterno. Il sostegno alle neo mamme si concretizza nella possibilità offerta alle aziende presso cui lavorano di convenzionarsi con il coworking e utilizzare il metodo del telelavoro per il periodo di rientro dalla maternità delle dipendenti (soluzione pensata per tutte le aziende sprovviste di nido). All’interno dell’Alveare verranno attivati anche servizi ” salvatempo ” come la spesa a domicilio, i gruppi d’acquisto solidale (GAS), la tintoria e la stireria. Lo spazio sarà sfruttato inoltre per l’organizzazione di corsi di formazione professionale, di orientamento al lavoro, di progettazione europea e di lingue. Le tariffe dell’Alveare, pensate per essere accessibili a tutti, partiranno da circa 3€/h con agevolazioni e sconti per chi usufruirà di più servizi contemporaneamente e per un tempo prolungato. Autentica espressione dello spirito che anima il coworking sarà poi la community attivata per condividere modalità lavorative, coprogettare servizi, stimolare opportunità di scambio professionale e creazione di reti.

Che cos’è il coworking

Il coworking è una forma di lavoro che si fonda sulla condivisione degli spazi adibiti ad uffici. Pur continuando a lavorare in modo indipendente, i liberi professionisti che entrano in un coworking non solo hanno la possibilità di distribuire i costi fissi che gli ambienti di lavoro comportano ma mirano a mettere in circolo idee e sperimentare uno scambio di competenze professionali. A differenza del tipico ambiente d’ufficio, in un coworking si possono trovare lavoratori impiegati in organizzazioni diverse (spesso operanti nello stesso campo) che ” fanno squadra ” ed entrano in sinergia, evitando l’isolamento di un ufficio proprio o le distrazioni di un ambiente domestico. Il coworking non riguarda quindi solo uno spazio fisico ma anche l’istituzione di un gruppo di lavoro, una comunità che nasce dal contatto di intelligenze diverse. Questo modo di lavorare sta prendendo piede nel nostro Paese ed è possibile individuare a Roma diverse strutture adibite al coworking.

LEGGI ANCHE



Lascia un commento