Si promuoveranno attività culturali, educative e di formazione in grado di aumentare la coesione del territorio e creare occupazione
Notizie Notizie

Pilastro 2016, un nuovo centro per Bologna

Un nuovo e importante strumento per stimolare lo sviluppo locale

A Bologna ha preso il via il progetto di riqualificazione partecipata Pilastro 2016, finanziato dalla Regione Emilia Romagna, con l'obiettivo di arrivare, alla ricorrenza del cinquantenario dalla fondazione del rione " Pilastro " , alla trasformazione dell'area in una zona centrale per la città metropolitana grazie al diretto coinvolgimento dei cittadini.

Cinquant’anni fa a Bologna nasceva il Pilastro, un rione all’interno del quartiere di San Donato, cresciuto in varie fasi. Un primo notevole ampliamento si ebbe a partire dalla metà degli anni Sessanta in modo da poter offrire un’abitazione ai molti migranti provenienti dal Sud Italia, a seguito dello sviluppo industriale che aveva investito la città di Bologna. Il progetto Pilastro 2016, nato dall’analisi di esperienze simili, come quelle torinesi (per esempio l’associazione di secondo livello come l’Agenzia di sviluppo di San Salvario), è realizzato con il contributo della Regione Emilia Romagna e ha quindi come principale obiettivo quello di mettere in relazione la ricchezza del capitale sociale e culturale della zona con le necessità economiche e di sviluppo presenti nell’area nord-est della città , nell’ottica della cura del territorio in quanto bene comune.

Che cosa prevede Pilastro 2016

Il progetto è basato su un percorso partecipato che coinvolgerà tutti gli attori locali e che porterà allo sviluppo e alla rigenerazione della zona in questione attraverso interventi di riqualificazione, manutenzione e cura degli immobili oggi esistenti e anche delle aree verdi. Si promuoveranno attività culturali, educative e di formazione in grado di aumentare la coesione del territorio e le possibilità di trovare un’occupazione. Inoltre, a conclusione del progetto, è prevista la creazione di un’Agenzia locale di sviluppo, che avrà sede nel quartiere. Si parla quindi di un soggetto giuridicamente formalizzato e dotato di autonomia economica e imprenditoriale frutto della collaborazione tra il settore pubblico e quello privato, cui parteciperanno ovviamente altre realtà sociali ed economiche presenti sul territorio. Il progetto è articolato in una fase di discussione, cui partecipano i soggetti istituzionali, finalizzata a confrontarsi sui temi più strategici, cioè i programmi d’azione e una fase in cui parteciperanno invece i cittadini. Questi ultimi avranno il compito di programmare, organizzare e valutare attività specifiche. Il motore del programma sta quindi nel confronto tra cittadinanza attiva e amministrazione pubblica, che attraverso la loro collaborazione, disegnano passo dopo passo il progetto. Il percorso, che prenderà avvio a maggio, prevede tra le altre attività , interventi di riqualificazione urbana come quello di manutenzione di marciapiedi e strade e il miglioramento dell’illuminazione pubblica.

LEGGI ANCHE:

La sussidiarietà ? Può dare lavoro e produrre sviluppo
Planning for real: la progettazione partecipata arriva al Pigneto
A Milano si dà nuova vita agli spazi pubblici
Migranti e buona accoglienza, quando l’integrazione inizia dalla partecipazione

 



Lascia un commento